Categorie

G. L. D'Andrea

Editore: Mondadori
Collana: Chrysalide
Anno edizione: 2009
Pagine: 390 p. , Rilegato

Età di lettura: Young Adult.

Scopri tutti i libri per bambini e ragazzi

  • EAN: 9788804585008

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lord Aslan

    12/01/2011 09.19.07

    Questo libro o si odia o si ama. Io rimango nella prima categoria. Delusissimo, e se potessi mettere un voto più basso lo metterei. Una cozzaglia di idee e nomi senza originalità, senza un senso logico. Inutile sprecare altre parole.

  • User Icon

    balaus

    07/05/2010 14.41.20

    scritto bene, scorrevole, abbastanza originale nella storia che comunque è solida il primo libro l'ho apprezzato e sono convinto che la storia andrà in crescendo staremo a vedere se meriterà un altro voto MOLTO POSITIVO oppure è solo un fuoco di paglia

  • User Icon

    Sara D.

    05/01/2010 13.49.12

    Un libro che non è un libro. Un libro per pochi, secondo me. Mi spiego: Wunderkind è un'esperienza. L'autore ti prende e ti butta in un mondo (oscuro) in cui nulla e nessuno è ciò che sembra. Ma per davvero! Penso che per simili romanzi (questo è il primo di una serie di tre e non vedo l'ora che esca il secondo!) non ci possano essere mezze misure. Io sta dalla parte di quelli che lo amano.

  • User Icon

    Serena

    05/09/2009 23.51.16

    terribile. Era tanto che non leggevo una porcheria simile. Abbandonato dopo la prima metà, che mi sono costretta a leggere. Da evitare!

  • User Icon

    Mousnier

    30/06/2009 20.03.42

    Fantastico,abbiamo trovato la Licia Troisi dell'horror (No, D'Andrea, non era un complimento).

  • User Icon

    Alessandro Scalzo

    12/06/2009 12.25.35

    Io gli scrittori bravi e talentuosi li ammiro, quelli come l'autore di Wunderkind invece li invidio.

  • User Icon

    Salvo

    09/06/2009 23.07.16

    trama claudicante, personaggi piatti e una sfilza di banalità non fanno che trasformare il romanzo in una cantilena in cui l'autore ogni due per tre ci dice che dobbiamo avere paura, quanto è mostruoso questo, quanto è osceno quello e via discorrendo come un rosario. potente come gaiman e efferato come barker ma facciamo il piacere facciamo al posto di insultare barker. sconsigliato.

  • User Icon

    Ale

    09/06/2009 18.54.54

    Mi aspettavo un clone di un clone e invece - sorpresa! - a parte le ovvie influenze (è pur sempre un esordio, ma avercele certe influenze!) mi sono trovata fra le mani un libro ben scritto, che porta il fantastico italiano verso nuovi (tenebrosi) lidi. E forse anche il termine "fantastico" sta stretto a questo nuovo autore (ho trovato un po' di horror, di thriller e persino citazioni di Bulgakov e Shakespeare). Avvincente, cupo, visionario e a tratti violento in modo quasi insostenibile, sempre elegante e ben scritto. Imperdibile.

  • User Icon

    Angra

    24/05/2009 23.11.20

    Un romanzo pessimo, scritto in modo dilettantesco. Pieno di ripetizioni, cliché, ovvietà, banalità. I personaggi sono tutti uguali, parlano tutti allo stesso modo, dialoghi e pensieri sono inverosimili. Metà dell'inchiostro usato per stampare il libro non serve a portare avanti la storia ma a dar modo all'autore di divagare con inutili frasi ad effetto (l'effetto in realtà è quello di annoiare il lettore). Il protagonista poi, è il personaggio più nullo di tutta la millenaria storia della letteratura.

  • User Icon

    Matteo B.

    28/04/2009 13.51.09

    Sono stanco del fantasy all'uncinetto che sta prendendo piede in Italia, spero che questo giovane autore (insieme all'ottimo Dimitri) segni una svolta. Non rimanevo così colpito da scene e descrizioni dai tempi del miglior Evangelisti, il tutto condito da un gusto per l'azione degno di Altieri. Il tutto in uno scrittore del '79... se questo è solo l'inizio ci sarà da divertirsi. In un mondo dove vengono osannati giovani mediocri come C. Paolini, spero che D'Andrea venga giustamente valorizzato e supportato.

  • User Icon

    Rose

    27/04/2009 15.39.26

    Grande libro, grandissima storia, una capacità di raccontare rarissima. Le visioni di Wunderkind sono di quelle che restano: i mostri creati da D'Andrea sono forme notturne, folli, inquietanti, potenti. Meccanismo impeccabile, stile incalzante, nuovo, avvincente. Una bomba.

  • User Icon

    Master

    26/04/2009 20.02.20

    Non si capisce niente delle motivazioni dietro la trama, non si capisce da dove arrivano i protagonisti e gli antagonisti, non si capisce qual è il senso della storia né lo scopo della trama. Lo stile è ridondante e ci sono gravi errori di linguaggio (come si fa a "umettarsi una lacrima"?????) Peccato, perché gli elementi sono quelli giusti.

  • User Icon

    Elena

    09/04/2009 14.17.54

    Amcora non ho capito bene nè a che genere appartenga nè il vero finale di questo libro, talmente autoconclusivo da avermi fatto credere che fosse un singolo e non una trilogia, eppure un voto inferiore al quattro non mi sento di darglielo perchè uno stile come quello non l'ho trovato da nessun'altra parte. Il delirio scritto nero su bianco, metafore che a volte rendevano la narazione un viaggio nella galleria degli incubi, proprio perchèe con quello strano retrogusto onirico. Libro letto in un giorno (come al solito) e su cui, a distanza di tre mesi, mi sto ancora a scervellare. Ottima l'idea di dare ai personaggi nomi in tedesco che ne rispecchino una caratteristica (es. Spiegelmann=uomospecchio, il cattivo dagli occhi di luna per inciso) così pure la trama imprevedibile ed l'inesistente confine tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato per ottenere quello che si vuole. Insomma, un libro che tutt'ora rileggo per cercare di capirci qualcosa e che consiglio a chiunque cerchi storie nuove, sotto ogni punto di vista.

  • User Icon

    Jericho89

    05/04/2009 12.53.20

    quando ho letto di dov'era l'autore (Bolzano) è stata la più grande sorpresa di tutte; essendo di Bolzano anch'io. libro assolutamente fantastico che ho letto tutto d'un fiato. non vedo l'ora di leggere i seguiti per capire la storia ancora meglio. anche perchè alla fine lascia un grande punto interrogativo. gtrande d'andrea ottima storia!!!!! continua così

  • User Icon

    Francesco

    13/03/2009 18.58.44

    L'idea di fare una trilogia che vede nel singolo racconto una storia autoconclusiva è segno di rispetto nei confronti del lettore. Libro scritto veramente bene (letto in tre giorni). Difficile catalogarlo in un genere, ma credo che anche in questo stia la grandezza di questo libro. Bellissima storia e soldi ben spesi.

Vedi tutte le 15 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione