Lo zaino di Emma - Martina Fuga - copertina

Lo zaino di Emma

Martina Fuga

Scrivi una recensione
Editore: Mondadori Electa
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 30 settembre 2014
Pagine: 141 p., Rilegato
  • EAN: 9788891800794
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 5,35

€ 9,90

5 punti Premium

Nuovo - attualmente non disponibile

8 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Martina Fuga, mamma di una bimba con sindrome di Down, racconta la sua storia di vita possibile. Ricordi, episodi, riflessioni - narrati in una prosa asciutta ed essenziale - delineano il suo percorso di accoglienza della disabilità della figlia intrapreso tra difficoltà e successi quasi dieci anni fa. Lontano da intenti buonisti, spietato come la verità impone, "Lo zaino di Emma" racconta lo straordinario rapporto che lega una madre a una figlia e offre spunti di riflessione a chiunque si interroghi sul senso vero della vita.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    elena

    08/06/2015 17:01:23

    Martina è mamma di Emma, bambina nata con la sindrome di down ma con il carattere solare ed esplosivo come un fuoco d'artificio. "è come se Emma avesse uno zainetto pesante sulle spalle, che le complica un pò le cose, le fa fare più fatica in tutto, ma non c'è nulla che non proverà a fare, se lo vorrà". Lo stile di Martina Fuga è coinvolgente e leggero e il libro, pur trattando di un problema grave, è toccante e solare. La realtà di Emma è quella di qualsiasi disabile, costretto a confrontarsi ogni giorno con difficoltà sconosciute ad altri, ma la sensazione che ci trasmette è di speranza

  • Martina Fuga Cover

    Laureata in Lingue Orientali all’Università Ca’ Foscari di Venezia, che ha iniziato a frequentare nel 1989, è mamma di tre figli e moglie dell’ex portiere dell’Inter Paolo Orlandoni. Dal 1994 al 2001 è assistente di Gian Carlo Calza al Centro Hokusai di Milano e dal 2002 al 2009 è direttore generale di Artemisia Group. Ha collaborato all’organizzazione di diverse mostre, tra le quali ricordiamo “Hokusai” (Milano, 1999), “Perugino il Divin Pittore” (Perugia, 2002), “Mark Rothko” (Roma, 2007) e “Edward Hopper” (Milano, 2009). Dal 2010 è Professore a contratto del Master “Progettare cultura” dell’Università Cattolica di Milano. Nel 2012 è amministratrice... Approfondisci
Note legali