Zero o la cinque vite di Aémer - Denis Guedj - copertina

Zero o la cinque vite di Aémer

Denis Guedj

Scrivi una recensione
Traduttore: M. Fiorini
Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 1 febbraio 2007
Pagine: 293 p., Rilegato
  • EAN: 9788830423824
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 8,96

€ 16,60

9 punti Premium

Nuovo - attualmente non disponibile

14 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Iraq, 2003: lo scoppio di una bomba copre una donna di detriti e fa emergere dal suolo un piccolo cono d'argilla, un oggetto usato dai Sumeri per contare, 5000 anni fa. La donna, Aémer, è sopravvissuta, e il suo mestiere è proprio setacciare, alla ricerca di oggetti come i calculi d'argilla, il suolo del Paese dove fu inventata la scrittura delle lettere e dei numeri. Fa l'archeologa. Ma questa terra custodisce anche il mistero delle sue vite precedenti: sacerdotessa dell'amore a Uruk, prostituta a Ur, interprete di sogni a Babilonia, danzatrice a Bagdad nel IX secolo... A ciascuna di queste figure femminili corrisponde una tappa della storia del numero zero, cominciata in Mesopotamia e passata attraverso la cultura babilonese e araba. Ma nella vita quotidiana delle cinque donne ritroviamo la medesima Aémer, la cui vitalità cerca di colmare un vuoto non dissimile da ciò che lo zero rappresenta.
3
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
1
2
0
1
0
  • User Icon

    margan

    27/03/2007 18:15:13

    Guedj è secondo me grande nel “raccontare” la matematica. Divulgatore sarebbe riduttivo. Potrei azzardare e definirlo un “affabulatore matematico”. Tuttavia, dopo aver apprezzato “Il Teroema del Pappagallo” e “La Chioma di Berenice”, questo nuovo romanzo mi ha lasciato più freddo. Quando il racconto si fonde con la matematica, Guedj è sempre geniale e/o poetico nel presentarcela, ma in questo romanzo la matematica appare di meno e, come puro narratore, è molto meno convincente. Una lettura gradevole ma niente più.

Un nuovo libro di amore e di matematica, una nuova storia di Denis Guedj, lo scrittore algerino che, nel Teorema del pappagallo, ci aveva raccontato la storia della matematica come eterna sfida dell'uomo all'ignoto e che, in queste pagine attraverso cinque fantastiche storie d'amore, svela una delle pietre miliari della civiltà: la scoperta dello zero.
In epoche diverse, sotto il cielo dell'antica Mesopotamia, la protagonista è una donna, l'affascinante Aémer. Sacerdotessa nella città di Uruk nel 2000 a.C., prostituta a Ur mille anni dopo, esperta nell'interpretazione dei sogni a Babilonia nel 500 a.C., specializzata in danza del ventre e furto di libri nella cosmopolita Baghdad del IX secolo, la donna ritorna infine nei panni di un'inquieta archeologa francese ai nostri tempi, durante la seconda guerra del Golfo. Attraverso le sue vite, tra passioni, colpi di scena, fughe e avventure, scopriamo le tappe della strada percorsa dall'uomo nel tentativo di rappresentare la quantità: prima con i calculi di argilla, poi con i segni, inventando un sistema via via più raffinato in grado di unificare le lettere dell'alfabeto con i segni tracciati nella polvere per fare i conti. E con l'incontro tra la danzatrice di Baghdad e un fiero pirata indiano, si arriva alla scoperta più straordinaria: quella delle dieci figure perfette, tante quante le dita delle mani, che bastano da sole a rappresentare tutti i numeri. E lo zero, la rappresentazione del nulla, è l'impalcatura che sostiene tutto l'ingegnoso sistema, la chiave per comprendere come abbiamo imparato a "contare il mondo".
Un libro affascinante che ricrea la magia dell'origine dei numeri tra le sabbie del deserto e le paludi del Golfo Persico, restituendo al lettore la bellezza estetica e concettuale dello zero che, come dice Aémer, consiste nel "marcare il vuoto" e nel "considerare l'assenza come una presenza". Perché, scrive Guedj, "per quanto numerose siano le cose, ce n'è sempre una in più, una in più che si può desiderare, che si può possedere, che si può rifiutare. E non c'è fine ai numeri".

| Vedi di più >
Note legali