Zero o le cinque vite di Aémer

Denis Guedj

Traduttore: M. Fiorini
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
In commercio dal: 12 marzo 2009
Pagine: 293 p., Brossura
  • EAN: 9788850218042
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Iraq, 2003: lo scoppio di una bomba copre una donna di detriti e fa emergere dal suolo un piccolo cono d'argilla, un oggetto usato dai Sumeri per contare, 5000 anni fa. La donna, Aémer, è sopravvissuta, e il suo mestiere è proprio setacciare, alla ricerca di oggetti come i calculi d'argilla, il suolo del Paese dove fu inventata la scrittura delle lettere e dei numeri. Fa l'archeologa. Ma questa terra custodisce anche il mistero delle sue vite precedenti: sacerdotessa dell'amore a Uruk, prostituta a Ur, interprete di sogni a Babilonia, danzatrice a Bagdad nel IX secolo... A ciascuna di queste figure femminili corrisponde una tappa della storia del numero zero, cominciata in Mesopotamia e passata attraverso la cultura babilonese e araba. Ma nella vita quotidiana delle cinque donne ritroviamo la medesima Aémer, la cui vitalità cerca di colmare un vuoto non dissimile da ciò che lo zero rappresenta.

€ 7,31

€ 8,60

Risparmi € 1,29 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    margan

    27/03/2007 18:15:13

    Guedj è secondo me grande nel “raccontare” la matematica. Divulgatore sarebbe riduttivo. Potrei azzardare e definirlo un “affabulatore matematico”. Tuttavia, dopo aver apprezzato “Il Teroema del Pappagallo” e “La Chioma di Berenice”, questo nuovo romanzo mi ha lasciato più freddo. Quando il racconto si fonde con la matematica, Guedj è sempre geniale e/o poetico nel presentarcela, ma in questo romanzo la matematica appare di meno e, come puro narratore, è molto meno convincente. Una lettura gradevole ma niente più.

Scrivi una recensione