Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Salvato in 18 liste dei desideri
Zingari di merda. Ediz. illustrata
8,10 € 15,00 €
LIBRO USATO
15,00 € 8,10 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
8,10 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
ibs
14,25 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,25 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
8,10 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
Zingari di merda. Ediz. illustrata - Antonio Moresco - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


In un reportage di grande intensità e ferocia Antonio Moresco racconta un viaggio tra i Rom di Slatina e Listeava in Romania, tra persone costrette a vivere in case di fango o dentro buche scavate nel terreno, ai confini del modo "civilizzato", dentro quella fascia di miseria che attraversa il ventre dell'Europa: "Tutto questo perché? Per quale ragione? Per quale disegno? Per quale sogno?". Nel suo linguaggio irruente e abnorme, come abnorme è la realtà che descrive, l'autore trascina i suoi lettori in una delle contraddizioni più acute di questo secolo. Il racconto procede in un dialogo ininterrotto con i compagni di viaggio, l'occhio fisso sui marciapiedi della civiltà, dove gli zingari, uomini e donne che non stanno mai fermi, sono la nostra parte più miserabile, più individualista e fatalista: "Questo misto di libertà e opportunismo, di fierezza e di infingardaggine, di irriducibilità e di parassitismo, di anarchismo e fascismo" sono noi eppure sono anche assolutamente altro. C'è qualcosa nella loro presenza di inspiegabile e sfuggente, di infinitamente arcaico eppure duttile. È lì che Moresco conduce il lettore, sulla soglia del silenzio. Lì dove arrivano anche le fotografie di Giovanni Giovannetti che chiudono il libro.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2008
28 gennaio 2008
93 p., ill. , Brossura
9788889416730

Valutazioni e recensioni

4,6/5
Recensioni: 5/5
(5)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Mariapia
Recensioni: 5/5

Per chi va controcorrente e cerca la verità, da ogni punto di vista: adoro questo autore!

Leggi di più Leggi di meno
Michela
Recensioni: 5/5

Gli zingari sono portatori dell'ultima cultura nomade del nord del mondo; giunti in Europa in ondate successive,la loro lingua,imparentata al sanscrito,si è modificata in decine di varianti e dialetti, arricchita da prestiti e calchi della tante lingua incontrate. Oggi il tasso di analfabetismo tra Rom e Sinti sta scendendo in misura sempre crescente.Fa inoltre progressi di standardizzazione della lingua romanì, volta a raccogliere e unificare la loro produzione scritta; testi teatrali e di narrativa, poesie, scritture sulla base di testimonianze orali.Rom e Sinti- questi i nomi con cui gli zingari chiamano se stessi- come ci racconta Antonio Moresco, costituiscono dunque una minoranza particolare; diffusi in ogni paese, non aspirano a una terra propria ma al rispetto del proprio modo di vivere nomade.Invece, specialmente nei momenti di crisi,i non-zingari-i gage'-hanno loro opposto proprio la violenza delle espulsioni.Piccoli gruppi saldamente ancorati a comuni valori familiari e transfamiliari,hanno elaborato una loro cultura orgogliosa e resistente, che gli ha consentito di mantenere- al di la' delle differenze negli stili di vita, nelle pratiche religiose,nelle attivita'-l'identita',in confronto costante con il potere e le sue "recenti" invenzioni: lavoro salariato, nazionalita',residenza, obbligo scolastico e di leva. Rom e Sinti hanno conosciuto la tolleranza condizionata dai tentativi di assimilazione culturale, religiosa, politica e spesso sono stati costretti a fuggire, quando da quei tentativi gli "altri" sono passati alla deportazione, ai pogrom, ai campi di sterminio nazifascisti, all'olocausto. Anche per questo i Rom e Sinti, con la riservatezza,la bugia, la gelosia delle proprie tradizioni,l'abilita' linguistica e retorica,apparentemente si sottraggono a un rapporto con l'esterno.Le loro attivita' gli hanno consentito di alternare al viaggio nelle stagioni favorevoli necessari momenti di sosta nei difficili mesi invernali.Un buon libro per conoscere.

Leggi di più Leggi di meno
Tiziano Favini
Recensioni: 5/5

Un libro attuale questo del Moresco che riporta delle considerazioni sui forti pregiudizi nei confronti gli zingari paragonabili a quelle del Pitrè.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,6/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Antonio Moresco

1947, Mantova

Scrittore italiano. È autore di opere narrative, teatrali e di saggistica. Ha pubblicato a 46 anni la sua prima raccolta di racconti, Clandestinità (Bollati Boringhieri 1993). Da allora sono numerosissime le opere pubblicate con i più diversi editori, tra cui La cipolla (Bollati Boringhieri, 1995), Lettere a nessuno (Bollati Boringhieri 1997), Gli esordi (Feltrinelli, 1998), Lo sbrego (Holden Maps - Rizzoli, 2005), Scritti di viaggio, di combattimento e di sogno (Fanucci, 2005), Zio Demostene. Vita di randagi (Effigie, 2005), Merda e Luce (Effigie, 2007) e Canti del caos (Feltrinelli, Rizzoli e Mondadori). Per Mondadori sono inoltre apparsi Gli incendiati (2010), La lucina (2013), Fiaba d'amore (2014), Gli increati (2015), La mia città (Nottetempo 2018),...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore