Zio Tungsteno. Ricordi di un'infanzia chimica

Oliver Sacks

Traduttore: I. Blum
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: 412 p., Brossura
  • EAN: 9788845921131
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 8,10
Descrizione
Con questo libro, il suo più personale sino a oggi, Oliver Sacks apre le porte della grande casa edoardiana di Londra in cui viveva un ragazzino timido e introverso con la passione per la chimica: di fronte al multiforme e al caotico, all'incomprensibile e al crudele, la purezza del metallo ha per il piccolo Oliver un valore simbolico, quasi la materializzazione di "idee chiare e distinte" e di un ordine stabile. Il tramite naturale verso questo mondo fantastico è Dave, zio Tungsteno, quello che fabbricava le lampadine. Guidati dai filamenti di luce, seguiamo l'evoluzione di quel ragazzino curioso e appassionato: e sarà come ricapitolare alcune tappe essenziali nella storia della scienza.

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 14,25 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Laura dB

    06/01/2019 20:15:40

    Tungsteno è uno dei miei preferiti di Sacks. E' sia un bell'excursus autobiografico della sua infanzia e giovinezza, a tratti molto dolorosa ma il più delle volte ricca di affetti e interessi e conoscenze, sia un ripercorrere la storia della chimica attraverso il suo scoprire questo mondo nel mondo. Proprio per la parte centrale che la storia della chimica ha in questo libro non mi sento di consigliarlo a tutti indiscriminatamente: di chimica e della sua storia ce n'è davvero tanta, se non si condivide la passione per la storia delle scoperte scientifiche allora questo libro può risultare forse noioso. Ma se si condivide anche solo un poco la passione per lo scoprire com'è fatto il mondo e la storia dei pionieri della scienza, allora sentirete tutta la passione, Passione con la P maiuscola, che ha sentito Sacks per la chimica, e questo suo libro v'incanterà come gli altri suoi testi di carattere medico.

  • User Icon

    Roberto

    23/09/2018 00:15:29

    Un libro un po' imprevedibile. Una sorta di breve "storia" della chimica vista con gli occhi (ma soprattutto le mani) di un ragazzino. Colpisce molto, rispetto agli standard di oggi, la precocità di un ragazzino (che oggi andrebbe ancora alle scuole elementari/medie) che si interessa a problemi così avanzati e approfonditi di scienza. Nel complesso molto piacevole lo stile, ma forse è richiesto un minimo di ricordi di chimica.

  • User Icon

    ampa

    01/03/2018 07:26:03

    Ho letto questo libro perché consigliatomi da una cara amica. Per me è stato difficile, visto i particolari termini indicati, praticamente ho sempre tenuto a portata di mano il dizionario. in ogni caso molto molto interessante, particolare e bello

  • User Icon

    vale

    17/04/2015 23:28:42

    Adoro leggere e divoro qualsiasi libro ma vi assicuro che non ce l'ho fatta a finirlo!!!E' la prima volta che mi capita di non concludere la lettura.

  • User Icon

    Joe

    01/09/2010 14:40:44

    Sono un chimico e da chimico l'ho apprezzato moltissimo. Tuttavia non è un testo difficile; anche chi farà fatica a ricordare il significato dei molti termini chimici ma andrà oltre con costanza, scoprirà un amore ed una passione per una disciplina che lascia stupefatti. Il tutto inframmezzato da citazioni storiche, ricordi ed avvenimenti che rendono il libro ancora più godibile, sempre scorrevole e comunicativo. Un libro che forse farà riconciliare i molti, troppi, che a scuola hanno avuto un "rapporto difficile" con la chimica. Un libro per chi ha ancora voglia di conoscere e capire e che ripaga ampiamente lo sforzo di una lunga lettura. Un libri da conquistare e che conquista. E non perdetevi il finale!

  • User Icon

    Carlo M.

    02/02/2010 22:49:34

    Qualche considerazione sulla traduzione: la brava traduttrice avrebbe potuto (dovuto?) inserire qua e la' qualche nota, per il lettore di MEDIA cultura. Perche' non tutti conoscono il personaggio dickensiano di Fagin, il fenomeno elettromagnetico sarcasticamente definito sarcofago (o, meglio, bara) di Maometto o il termine venatorio di derivazione orientale 'shikari', tanto per fare qualche esempio... Sono forse troppo pignolo? No, sono abituato all'alto standard qualitativo dell'editore Adelphi!

  • User Icon

    Carlo M.

    19/01/2010 17:06:36

    E' vero: Zio Tungsteno non si legge a cuor leggero e a mente sgombra come una pappetta scotta servita da un Coelho o da una Tamaro, tanto per non fare nomi. E siamo tutti d'accordo che Oliver Sacks ha fatto di meglio in passato. In ogni caso il libro è interessante, specie per chi ama la scienza e le autobiografie più o meno 'veridiche', che naturalmente non esistono... Conclusione: leggetelo per quello che vuole essere, un libro di memorie giovanili, senza troppe pretese: in ogni caso è meglio di certa pacottiglia che ci viene propinata come letteratura negli ultimi tempi.

  • User Icon

    Obodai

    06/07/2007 10:29:11

    In alcuni episodi esagerato in altri illuminante, se Sacks indovina quasi tutto a livello divulgativo, dal punto di vista narrativo è sicuramente meno incisivo. Nel complesso trattasi comunque di un buon libro, adatto a chi come me desidera, a tempo perso, capire un po di più di ciò che ha totalmente ignorato per i primi trent'anni della sua vita. Della chimica naturalmente...

  • User Icon

    Ale

    02/04/2007 17:46:35

    Non pensavo che la chimica potesse affascinarmi in questo modo!!! Lo consiglio a tutti.

  • User Icon

    Mac_User91

    18/10/2006 08:30:41

    Libro che genera impressioni tra loro contrastanti. Apprezzabile il lavoro di divulgazione compiuto dall’ Autore, specialmente quando scrive della costruzione del Sistema Periodico a partire dalla tavola di Mendelejev o quando disserta di meccanica quantistica e di struttura atomica. Pesante e, in qualche punto raccapricciante, la narrazione della sua infanzia di ebreo nella Londra pre e post bellica, la narrazione della vessazioni subite a scuola o degli esperimenti di anatomo-patologia che compiva, da ragazzino, insieme alla madre-medico ostetrico sui feti morti. La madre dell’ autore, inoltre, che oltre che medico ostetrico (che sopprimeva “come gattini” nascituri malformati) era anche medico d’ urgenza, anatomo-patologo e riusciva persino a riparare i rubinetti di casa. Ma l’ autore è un appassionato viscerale di chimica fin dalla sua preadolescenza e verrebbe spontaneo credere, dalla lettura del testo, che Sacks tenda ad esagerare un po’ troppo ed a volare, forse, anche un po’ di fantasia. Egli ci vorrebbe convincere come a dieci/dodici anni di età, manovrasse disinvoltamente sostanze pericolosissime come il Sodio metallico, il Potassio metallico, i sali di Tallio ed anche, addirittura, il Fosforo bianco che, addirittura, metteva a bollire! Egli ebbe inoltre una enorme passione per la fotografia, riuscendo persino a sperimentarne tutti i possibili ed immaginabili viraggi. Non so, trattasi di un libro riuscito a metà, a mio avviso. Per quanto concerne libri di divulgazione sulla chimica, molto meglio leggere: “Il segreto della chimica” di Gianni Fochi o “Molecole in mostra - La chimica nascosta nella vita quotidiana” di Emsley John. Mac_User91, perito chimico.

  • User Icon

    Giancarlo

    08/06/2004 18:27:26

    non amo la chimica, ma Sacks riesce ad affascinare, rendendo vivo tutto il suo mondo

  • User Icon

    Argante72

    26/04/2004 16:03:34

    Libro bellissimo e molto ben scritto. E' un racconto molto avvincente che rende piacevole e comprensibile la chimica anche a chi, come me, non ne sa praticamente nulla! Da leggere.

  • User Icon

    Aldo

    16/02/2004 12:05:33

    Ho iniziato a leggere questo libro un po' prevenuto, ma poi mi ha affascinato e l'ho divorato. Penso che acquisterò anche gli altri libri di Sacks.

  • User Icon

    Daniele

    14/01/2004 15:10:01

    Bello! Come sempre Sacks riesce a conquistare il lettore con il suo stile, semplificando argomenti che così diventano accessibili a tutti e mai noiosi. Un'eccezionale conferma ad ogni libro

  • User Icon

    giuseppe

    07/06/2003 15:47:19

    La cosa piu´ bella di questo libro non sono gli esperimenti chimici ma la capacita´ di risalire da questi ai piu´ curiosi e inspiegabili sentimenti umani.

  • User Icon

    fabrizio

    13/01/2003 18:10:12

    Ho trovato molto piacevole percorrere insieme all'autore/ragazzino questa storia della chimica. Una lettura affascinante e appassionante, con la colorita descrizione, anche umana, dei personaggi che hanno contribuito alla scoperta dei vari elementi della tavola periodica e dei loro esperimenti e la divertente scoperta degli oggetti di vita quotidiana (molti dei quali ancora attuali) grazie alla vivace curiosità di questo ragazzino. Un libro che rimane.

  • User Icon

    mario

    03/10/2002 08:12:09

    Premetto non sono laureato in chimica.Trovo il romanzo molto bello . Sacks riesce a descrivere esperimenti chimici , fisici con molta semplicità rendedoli accessibili a tutti.

  • User Icon

    izoard

    28/09/2002 19:50:16

    Se penso che ho speso 19€ per questo libro mi mangio le mani... Noiosissima elencazione di esperimenti chimici, di scoperte e di innovazioni, trama assente, insomma tutto il male possibile. Parola di laureato in chimica.

  • User Icon

    Roberta

    07/08/2002 16:22:18

    Piacevole ed interessante per conoscere la vita ed il carattere dell'autore. In alcune parti forse un po' prolisso nell'elencazione degli elementi chimici.

Vedi tutte le 19 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione