Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

I 55 giorni che hanno cambiato l'Italia. Perché Aldo Moro doveva morire? La storia vera - Ferdinando Imposimato - ebook

I 55 giorni che hanno cambiato l'Italia. Perché Aldo Moro doveva morire? La storia vera

Ferdinando Imposimato

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 5,65 MB
  • EAN: 9788854153271
Salvato in 17 liste dei desideri

€ 3,49

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Perché Aldo Moro doveva morire?
La storia vera

Prefazione di Antonio Esposito

Documenti inediti

Trentacinque anni non sono bastati per far luce sul caso Moro.
Inchieste giudiziarie e parlamentari, saggi, articoli e film non sono serviti a illuminare tutte le zone d’ombra del delitto che – forse più di ogni altro nella nostra storia repubblicana – ha colpito la coscienza del Paese e incrinato il rapporto tra società civile e mondo politico. Ecco perché vale ancora la pena di analizzare la dinamica dei 55 giorni di prigionia di Aldo Moro, nel tentativo finalmente di dare delle risposte diverse dalla versione ufficiale dei fatti.
Grazie a nuove testimonianze esclusive e documenti inediti, Ferdinando Imposimato – giudice istruttore del caso Moro, su cui non ha mai smesso di indagare – ricostruisce l’agghiacciante scenario del sequestro, con rivelazioni bomba che lasceranno i lettori senza fiato. Perché la verità, finalmente, abbia nomi e cognomi.

Hanno scritto di La repubblica delle stragi impunite:

«Le verità d’Italia oltre i tribunali: il saggio di Ferdinando Imposimato, un nobile tributo alla memoria.»
Antonio Ferrari, Corriere della sera

«Non si limita a elencare i fatti di sangue che hanno sconvolto il nostro Paese e riesce invece a offrire una visione d’insieme.»
Silvana Mazzocchi, la Repubblica

«Occupa un posto unico in quel tipo di letteratura che da tempo ormai ripropone come romanzo la narrazione dei fatti veri. Qui l’alterazione manca del tutto, il verbale è integro, le frasi vere. Eppure la narrazione tiene col fiato sospeso.»
Furio Colombo, Il Fatto Quotidiano

Tra i temi trattati nel libro:

* La pista americana contro Moro
* Il ruolo della RAF e della STASI
* La pista sovietica
* Chi sapeva del sequestro?
* I giorni di Giuda
* I piani Victor e Mike
* Dalla Chiesa e Santillo tentarono di salvare Moro
* Il ruolo di Gladio

«Con il solito coraggio, e con la consueta passione documentale, Ferdinando Imposimato ha ora deciso di rileggere i troppi disastri della cosiddetta strategia della tensione.»
Il Sole 24 ore


Ferdinando Imposimato
Nato nel 1936, avvocato penalista, magistrato, è Presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione. È stato giudice istruttore in alcuni dei più importanti casi di cronaca degli ultimi anni, tra cui il rapimento di Aldo Moro, l’omicidio di Vittorio Bachelet, l’attentato a Giovanni Paolo II. Grand’ufficiale dell’ordine al merito della Repubblica italiana, ha ricevuto diverse onorificenze in patria e all’estero per il suo impegno civile. È stato anche senatore, prima nelle liste del PDS e poi del PD. È autore di numerosi saggi, tra cui ricordiamo Vaticano. Un affare di Stato e, con Sandro Provvisionato, Doveva morire e Attentato al Papa. Con la Newton Compton ha pubblicato nel 2012 La Repubblica delle stragi impunite. Per saperne di più potete visitare la sua pagina Facebook.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,85
di 5
Totale 4
5
2
4
0
3
1
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Lucia

    23/11/2020 16:15:52

    lettura interessante, in quanto nata dopo l'accaduto. Non facile, mi ha lasciato una profonda tristezza addosso, nel sapere che lo Stato ha lasciato morire un uomo così, solo per questione politica :(

  • User Icon

    Shghedro

    06/08/2014 19:46:56

    La caratura di Imposimato è tale da crearmi qualche dubbio ma tante cose non mi convincono. Perchè utilizzare, in un caso tanto delicato e affiancati dal meglio a livello mondiale in fatto di agenti e personale, questi poveri "carristi" arruolati da qualche giorno? e perchè questi personaggi sembrano avere una memoria di ferro su tutto meno che nel ricordare i nomi dei superiori, se non a distanza di anni? No, una ricostruzione, ahimè, poco credibile.

  • User Icon

    Patrick

    27/02/2014 15:20:43

    Libro scritto molto bene, come al solito il dottor. Imposimato ci descrive in maniera scorrevole e chiara l'Italia di quel periodo. Spero che come Gomorra, anche questo libro faccia successo.

  • User Icon

    De Vecchi Denis

    20/08/2013 21:14:05

    Sconvolgente. Questo libro oltre a ripercorrere gli ormai famosi "55 giorni" delinea quella che è la storia buia di quel periodo nel nostro paese. Una storia fatta di servizi segreti deviati, P2 e gladio sovrapposti alle pressioni Americane da un lato e Sovietiche dall'altro. Non credo sia un caso la sua pubblicazione avvenuta dopo la morte di quelli che possiamo considerare gli attori principali. Assolutamente da leggere per chi volesse ampliare le proprie conoscenze del nostro paese.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Ferdinando Imposimato Cover

    Giudice istruttore del Tribunale di Roma, fu Imposimato a seguire l’inchiesta sulla strage di via Fani e il sequestro e l’assassinio di Aldo Moro. Si è occupato anche di lotta ai sequestri di persona, di terrorismo, di mafia e di camorra, oltre che dell’attentato al papa. Entrato in magistratura nel 1964, dopo un periodo trascorso a Milano va a Roma, dove segue le inchieste sui rapimenti ottenendo la liberazione di numerosi ostaggi, tra cui Giovanna Amati e Angelo Appolloni. Istruisce inoltre importanti processi, compreso quello a Michele Sindona. Sua, nel 1981, la prima sentenza-ordinanza contro la banda della Magliana. Nel 1983 il fratello Francesco viene ucciso da Cosa nostra per una vendetta trasversale, il che lo costringe, per motivi di sicurezza, a lasciare... Approfondisci
Note legali