Editore: Mondadori
Anno edizione: 2001
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788804490869
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giovanni Esposito

    03/04/2004 17:01:39

    d'accordo con chi mi ha preceduto. Anche se mi sembra che questo romanzo sia stato realizzato in realtà prima dell'amato "corpo di Napoli"... e la cosa si nota dato che diversi aspetti del romanzo erano qui in germe.

  • User Icon

    Mirko

    01/12/2002 18:43:57

    La recensione di M. Russo (ma che insegna all'Università?) è certamente esatta dal punto di vista storico e filologico. Però io non sono un professore di lettere moderne e leggo per puro diletto. In questo senso sono maggiormente d'accordo con la lettrice, anche io sono rimasto abbastanza deluso dopo il Corpo di Napoli. Scrivi un altro romanzo Montesano!

  • User Icon

    Manuela

    26/11/2002 12:18:27

    Rispetto al libro precedente, questo appare molto confuso nei tempi e nella narrazione. L'autore trova ispirazione nei classici ma non riesce a riprodurre nessuna atmosfera emozionale, vivida.

  • User Icon

    Massimo Russo

    07/06/2001 20:05:09

    La differenza tra Giuseppe Montesano e i suoi colleghi coetanei sta nel fatto che leggendo molti dei secondi (quelli vantati per innovatori della lingua) si ha chiara la sensazione di una scarsa cultura. Dopo aver letto “Nel corpo di Napoli” (secondo romanzo del talentuoso scrittore napoletano), si rimane un attimo disorientati nel leggere questo primo “A capofitto”, ripresentato, dopo essere uscito nel 1996 con la piccola editrice Sottotraccia, negli Oscar Mondadori, in una veste molto bella e nuova degli Oscar che Montesano ha inaugurato lo scorso anno proprio con la ristampa di “Nel corpo di Napoli”. “A capofitto” è meno sistematico dell’altro, è più istintivo e “sciolto”, forse meno leggibile per chi non ha confidenza non con la fantasia altrui ma con la propria. Eppure è un testo, per certi versi, preferibile all’altro, proprio perché si avverte come l’Autore lasci fluire il suo immenso estro e “l’accumulo” di letture che Montesano instancabilmente e “famelicamente”, come dice qualcuno, fa (lui stesso cita Quevedo, Gombrowicz, Céline e Campanile, ma facilmente si rintracciano Orwell, de Cervantes e tanti altri, nonché “il pescato” nelle antiche maschere comiche). Ci si presenta così il mondo caro allo scrittore, in cui l’eccesso è la regola e dove le funzioni basilari dell’uomo-macchina la fanno da padrone e vincono su qualsiasi altra necessità. Ecco che il sesso, il defecare (leggi in senso lato come “liberarsi”), e mangiare sono le uniche e sole cose che hanno un significato e per le quali può avere un senso agire e dove altri istinti, diremmo ideali, sono inevitabilmente destinati a soccombere. Come “Nel corpo di Napoli”, anche in “A capofitto”, l’Autore traccia il suo personale apologo, senza moralismi, obliquamente, facendo in modo che alla fine della lettura rimanga in ognuno di noi la necessità di capire di più e, forse, di far

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione