A ciascuno il suo - Leonardo Sciascia - copertina

A ciascuno il suo

Leonardo Sciascia

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Edizione: 9
Anno edizione: 2000
Formato: Tascabile
In commercio dal: 26 gennaio 2000
Pagine: 152 p.
  • EAN: 9788845915147

nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa italiana - Classica (prima del 1945)

Salvato in 327 liste dei desideri

€ 8,00

€ 10,00
(-20%)

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

A ciascuno il suo

Leonardo Sciascia

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


A ciascuno il suo

Leonardo Sciascia

€ 10,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

A ciascuno il suo

Leonardo Sciascia

€ 10,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (22 offerte da 5,75 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il romanzo dell'oscura, crudele Sicilia. Il dramma di un investigatore lucido che, quanto più indagava, tanto più "nell'equivoco, nell'ambiguità, moralmente e sensualmente si sentiva coinvolto".
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,3
di 5
Totale 64
5
33
4
22
3
6
2
1
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    anna

    18/01/2021 17:28:51

    Un bellissimo libro che narra di un duplice omicidio che si compie tra il malaffare di uno dei protagonisti della politica e l’indifferenza della gente, che crede a ciò che più conviene. Sciascia descrive in maniera semplice il modus operandi di una mentalità mafiosa, che si dipana in maniera subdola. Scritto nel ‘66 ma di una modernità assoluta.

  • User Icon

    Francesco

    04/01/2021 20:24:35

    Il romanzo tratta dell'omerta tipica di un certo tipo di Sicilia;uno dei romamzi piu belli della letteratura italiana del secondo dopoguerra.

  • User Icon

    Francesco

    20/12/2020 10:29:18

    Romanzo che, nonostante il trascorrere del tempo, rimane sempre attuale. L'ho riletto dopo diversi anni.

  • User Icon

    Ire

    19/11/2020 20:24:20

    "Omertà" è purtroppo la parola d'ordine del romanzo di Sciascia. Questo non è un giallo, è un racconto-denuncia di ciò che accade davvero nei piccoli paesi siciliani. Laurana, il dotto professore in cerca della verità, uomo mite e timido di fronte alle donne, diventa la vittima sacrificale della mafia. Viene letteralmente affondato dal sistema e, cosa peggiore, tutti lo sanno ma nessuno ne parla. Un linguaggio che va dritto al punto, le pagine scorrono veloci: le ho divorate in due giorni. Quello che resta? L'amaro in bocca e tanta tristezza perché nulla è cambiato. "La Sicilia, forse l’Italia intera, è fatta di tanti personaggi simpatici cui bisognerebbe tagliare la testa.”

  • User Icon

    L

    04/10/2020 13:55:14

    È il mio secondo libro di Sciascia, dopo il contesto, ho deciso di addentrarmi in questa nuova lettura. La Sicilia è una terra sanguinante. Prima o poi spero di poterla visitare. Consiglio vivamente questo libro!

  • User Icon

    GIULY

    28/06/2020 23:05:04

    Capisco che sia Sciascia e non il primo che passa, però sì... ho dato due stelle. Probabilmente mi sono affacciata a questa sponda della letteratura un po' troppo veloce, con troppo entusiasmo (?), e anche immatura per apprezzare lo stile dello scrittore. Mea culpa. (si scrive così?.. vabe) Comunque, a chi piace leggere di amfia molto velata, quasi nemmeno espressa (molto interessante, però... adesso che ci penso. Questo libro tratta di mafia, ma non si accenna minimamente il suo nome. Che sia una frecciatina all'omertà che la oscura sempre? Probabile... aggiungo una stella. Ok, fatto) Dicevo se vi piace questo genere e il fatto che tali storie (questa come altre dell'autore) non abbiano una vera e propria fine, ma che siano appunto aperte, perché mai concluse (sempre per via di mafia e di omertà) allora questo è il vostro libro, ma soprattutto, questo è il vostro scrittore! Per ora dico che personalmente non è la mia "cup of tea".

  • User Icon

    Giorgio Minucci

    12/06/2020 13:57:06

    La rete politico-democristiana mafiosa viene riproposta con coraggio civile in questo romanzo come nel Giorno della civetta, rete che da un paesino dell'entroterra siciliano si estende a Palermo e da Palermo a Roma. Siamo nel 1964, quando il farmacista del paesino riceve una lettera minatoria e il giorno dopo lui e il suo amico dottor Roscio vengono uccisi in una battuta di caccia. Il solito delitto passionale? Il professore di lettere Laurana non ne è convinto perché nota sul rovescio della lettera minatoria la parola unicuique presente sulla testata dell'Osservatore romano. Questo giornale è letto solo dal parroco e dall'arciprete imparentato con l'avvocato Rosello. Avendo appreso che il dott. Roscio si era recato a Roma da un deputato comunista, parla con costui e viene a sapere che il Roscio voleva denunciare la corruzione di un personaggio dell'entroterra, per di più appoggiato dalla democrazia cristiana e dalla chiesa. Parlando con il parroco i conti tornano: il personaggio in questione è Rosello, cugino della vedova Roscio in relazione intima, ma, scoperto dal Roscio, questi aveva l'intenzione di ricattarlo passando i documenti al deputato comunista. Laurana d'altra parte è anche innamorato della vedova, la quale gli vuole confessare tutto, di volersi liberare di Rosello, della sua corruzione e si danno appuntamento a Parlermo. La vedova all'appuntamento sarà attesa invano da Laurana, il quale verrà accoppato e seppellito in una solfatara.La forza non è nel giallo, perché si sa chi trama, ma nell'evidenziare l'ambiguità dei personaggi (sono sempre a doppia faccia, perché tutti sanno e non dicono, tutti dicono ma fanno finta di non sapere, in un vortice si posizioni quasi pirandelliano, e l'unico che vuole chiarezza è l'ingenuo intellettuale che cade nella trappola della vedova, già in accordo con Rosello, l'avvocato, appoggiato da tutto il paesino e dai vertici del suo partito),.è nel mostrare la collusione tra mafia e politica in tempi non sospetti.

  • User Icon

    Federica

    29/05/2020 13:44:17

    Uno spettacolo della letteratura italiana. Grazie alla sua scrittura semplice e chiara Sciascia espone un problema purtroppo molto attuale.

  • User Icon

    vale

    17/05/2020 15:12:19

    bellissimo classico italiano che tutti dovrebbero leggere.

  • User Icon

    Rossella

    17/05/2020 12:48:51

    E' stata il mio primo romanzo di Sciascia, letto in primo ginnasio. Da allora mi sono innamorata dell'autore, bella la scrittura, la trama, i personaggi...se è il vostro primo romanzo, iniziate da questo!

  • User Icon

    Nacho Perez

    13/05/2020 16:36:38

    Lo stato riconosce la mafia soltanto nel 1982, ma Sciascia ne parlava già nel 1966 con questo libro e ancora prima con altre opere, sempre narrativamente superlative. Sicuramente il buon senso intellettuale dell'autore traspare nella lettura e lo scenario caldo della Sicilia del tempo, molto più assopita nella propria omertà, rapisce il lettore. Sembrerebbe un incidente di caccia e sarebbe meglio farsi gli affari propri, piuttosto che curiosare in certi ambienti politici. Che sono salotti, dove la malavita, non di rado, trova ospitalità. Questo bisognerebbe dirlo anche ai professori di italiano, che anche se sembrano i più svegli, gli unici che percepiscono la verità dei fatti, poi fanno la fine dei più fessi, ma infondo, poche volte è finita in altre maniere. La narrazione è talmente lucida e cosciente che colpisce il lettore che riflette; all'epoca neanche lo stato aveva ammesso l'esistenza del crimine organizzato. La lettura è scorrevole e avvincente e evoca spesso un sorriso, tra un diplomatico e saggio sfottò e un piccolo tributo a grandi artisti letterari. Consigliatissimo a chiunque voglia leggere dell'ottima letteratura.

  • User Icon

    Elia88

    13/05/2020 10:43:48

    Difficile recensire oggi, vuoi per l’angoscia che ci attanaglia tutti, vuoi per la caratura di uno dei più grandi scrittori e intellettuali del 900 italiano. Sciascia ci offre, con la struttura di un giallo e nel contesto di un piccolo paesino di campagna, uno spaccato della società siciliana degli anni 60, estendibile ai giorni nostri ed all’intero Paese, dove commistione mafia/potere politico, omertà, inganno pervadono ogni aspetto della vita quotidiana. Affida l’indagine del doppio omicidio che introduce il breve romanzo al professor Laurana, personaggio colto, mite, intelligente e non rassegnato alla mentalità corrente che vede nel crimine solo un fastidio da mettere a tacere il prima possibile. Libro consigliatissimo.

  • User Icon

    Luigi

    19/04/2020 09:07:54

    Abbastanza intrigante.

  • User Icon

    Deborah

    23/09/2019 16:20:13

    Una piacevole scoperta, per chi come me ancora vi si era accostato. Semplice, senza troppi fronzoli. Coinciso, visto il ridotto numero di pagine. Personalmente ho trovato il libro, una chicca raffinata, descrive bene i luoghi, la cultura, il periodo, senza farne i nomi!

  • User Icon

    Giorgio

    20/09/2019 11:29:15

    Un bel giallo di Sciascia che consiglio vivamente. Scrittura eccelsa e viene ben descritta la Sicilia degli anni '60.

  • User Icon

    Corrado

    20/09/2019 09:35:26

    Romanzo accattivante ambientato sullo sfondo di una terra afflitta da mali sociali che non sono solo quelli legati alla mafia in se stessa. Se ne consiglia la lettura e successivamente la visione del film omonimo di Elio Petri. Sciascia e Petri: grandi personalità dell'Italia più civile!

  • User Icon

    gianluca.93perri@outlook.it

    19/09/2019 13:43:02

    A ciascuno il suo è uno dei grandi capolavori di Leonardo Sciascia. Trattasi, come quasi sempre nelle pubblicazioni di Sciascia, di un giallo con contaminazioni di indagine sociale. Ho trovato molto interessante il modo in cui è stato raffigurata la Sicilia di quel tempo. I personaggi del libro ne sono l'esempio più lampante: dall'avvocato al professore. Un libro da leggere tutto ad un fiato, anche perché piuttosto breve. Rientra certamente tra i libri da leggere almeno una volta nella vita. Consigliatissimo!

  • User Icon

    Elena

    21/08/2019 20:27:49

    Un giallo semplice ed intrigante scritto magistralmente con ironia ed incisività.Dopo tanti anni resta il libro di Sciascia che amo di più e rileggo periodicamente.

  • User Icon

    Lapo

    02/07/2019 16:00:19

    Leonardo Sciascia è un profondo conoscitore della Sicilia, del valore di gesti, parole e silenzi, dell’intangibilità del potere, della commistione fra mafia e politica. Assieme a Tomasi di Lampedusa condivide un giudizio amaro e pessimista sulla sua terra, ma a differenza dell’autore del Gattopardo Sciascia condisce la propria sfiducia con una sottile vena di ironia beffarda che affiora in diverse pagine e nella chiusa fulminante del romanzo. Sotto il sole spietato che arroventa una Sicilia di metà XX secolo vengono uccisi tre uomini, uno di lupara bianca e gli altri due di lupara a pallettoni; tre personaggi con diversi ruoli nel paese e nella narrazione e quindi, come recita il sottotitolo dell’Osservatore Romano ripreso nel testo, UNICUIQUE, a ciascuno il suo.

  • User Icon

    Lorenzo

    11/06/2019 21:29:02

    Molto molto bello, trama intrigante, stile eccelso

Vedi tutte le 64 recensioni cliente
  • Leonardo Sciascia Cover

    Scrittore e uomo politico italiano. Esordisce sotto il segno di una prosa poetica (Favole della dittatura, 1950; La Sicilia, il suo cuore, 1952) che lascia però presto il passo ad una vena che si rivelerà per lui più feconda. A dire dello stesso Sciascia, la sua cifra più autentica affonda infatti le radici in «una materia saggistica che assume i modi del racconto». Questa direzione è subito evidente fin da Le parrocchie di Regalpetra (1956) e Gli zii di Sicilia (1958), che mostrano come gli spunti di cronaca isolana si sappiano fare pretesto e cornice per indagare sul costume sociale e le sue degenerazioni.Esempi ancor più compiuti in tal senso saranno Il giorno della civetta (1961) e A ciascuno il suo (1966), che affrontano il tema... Approfondisci
Note legali