A ciascuno i suoi santi - Franco Bernini - ebook

A ciascuno i suoi santi

Franco Bernini

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Chiarelettere
Formato: PDF con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 796,06 KB
Pagine della versione a stampa: 288 p.
  • EAN: 9788861909106

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una ventenne drogata di social network. Due cinquantenni che lavorano in televisione e sono schiavi dei dati di ascolto. Generazioni apparentemente distanti che si incontrano per caso e si rivelano a sorpresa simili. Un viaggio alla scoperta dell’Italia più segreta e degli aspetti nascosti del nostro presente.

Un’avventura lunga una settimana, una corsa a ostacoli verso un traguardo da cui dipende tutto il futuro.

«Una storia intrigante e inquietante. Difficile non farsi prendere da questo romanzo.Perché ci siamo dentro anche noi.»
Ilvo Diamanti

Enrica non è una ragazza qualunque. È avventata, vitale, imprevedibile. Senza certezze e senza paura. Ma ha un punto debole: tiene troppo al numero dei suoi follower.
Nemmeno Bruno Brunori è uno qualunque, è un volto di punta della televisione, tanto che ha forti speranze di condurre il prossimo festival di Sanremo. Però anche lui ha un punto debole: il suo destino è legato indissolubilmente all’Auditel. Ma gli ascolti stanno crollando in maniera irreversibile.
Quando Bruno capisce che dovrà dire addio ai suoi sogni e che perderà il lavoro, decide di manipolare i dati. Con la complicità di Pietro, un suo vecchio amico, riesce a mettere le mani sui segretissimi elenchi delle famiglie campione che con le loro scelte determinano il successo. I due si mettono in viaggio attraverso l’Italia a caccia di consensi. Hanno cinque giorni di tempo per salvarsi dal disastro. Vanno di casa in casa, di famiglia in famiglia, entrano in contatto con il ventre del paese. E incappano in Enrica, a cui la provincia va stretta, che per inquietudine si unirà a loro in quest’avventura dall’esito imprevedibile. E scoprirà a sue spese che nulla né in televisione né sul web è come appare.
A ciascuno i suoi santi è un racconto on the road di un’Italia smarrita e vivace al tempo stesso. Franco Bernini ci accompagna in questo viaggio con uno sguardo a volte ironico, a volte amaro, sempre capace di stupirci. Un affresco spietato ma anche pieno di speranza.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Ombretta

    13/08/2017 05:29:20

    Questo libro racconta come si arriva al prodotto finale di un qualsiasi talk show italiano. Questo nell'immaginario collettivo. Perchè è proprio così che uno si immagina che sia. Un'insalata condita da tanta tanta ipocrisia. Parte da un assunto sbagliato (che le famiglie auditel vengano omaggiate con oggetti scelti su un catalogo) che forse valeva un tempo ma che non vale più oggi. Ma visto che è fiction e che l'autore ammette di aver pensato a questo soggetto molti anni fa, forse all'epoca funzionava così. Il libro l'ho letto volentieri ma non ci si deve aspettare colpi di scena o particolari rivelazioni. Forse voleva essere una feroce critica del sistema televisivo? Ma chi guarda la televisione si aspetta già il peggio e la realtà supera sempre di gran lunga la fantasia.

  • Franco Bernini Cover

    "Soggettista, sceneggiatore e regista italiano. Scrive soggetti e sceneggiature per C. Mazzacurati (Notte italiana, 1987; La lingua del santo, 2000; A cavallo della tigre, 2002), D. Luchetti (Il portaborse, 1991), G. Piccioni (Condannato a nozze, 1993) e G. Salvatores (Sud, 1993) e F. Comencini (A casa nostra, 2006). Nel 1997 esordisce alla regia con Le mani forti, riflessione sul sottile confine tra bene e male, sui valori morali e gli interessi di potere, presentato nella sezione Settimana della critica al Festival di Cannes e vincitore della Grolla d’oro per la sceneggiatura a Saint Vincent. Nel 2001 dirige Vivere, mentre per la televisione realizza il film Sotto la luna (1998) e la ricostruzione del processo Braibanti in Il caso Braibanti." Approfondisci
Note legali