Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Img Top pdp Film
Salvato in 21 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
ACAB. All cops are bastards
5,54 €
DVD
Venditore: DREAMVISION
5,54 €
disp. immediata disp. immediata
+ 4,00 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
5,54 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
5,54 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
ibs
9,99 €
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Vecosell
6,99 € + 4,10 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
OCCHIO AL FILM
8,00 € + 4,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
OCCHIO AL FILM
9,99 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
AETEK
10,79 € + 4,88 € Spedizione
disponibile in 6 gg lavorativi disponibile in 6 gg lavorativi
Info
Nuovo
KONKE
11,25 € + 4,99 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
9,99 € + 6,30 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Emozioni Media Store
10,92 € + 7,20 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
15,76 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
5,54 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
5,54 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
ibs
9,99 €
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Vecosell
6,99 € + 4,10 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
OCCHIO AL FILM
8,00 € + 4,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
OCCHIO AL FILM
9,99 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
AETEK
10,79 € + 4,88 € Spedizione
disponibile in 6 gg lavorativi disponibile in 6 gg lavorativi
Info
Nuovo
KONKE
11,25 € + 4,99 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
9,99 € + 6,30 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Emozioni Media Store
10,92 € + 7,20 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
15,76 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
ACAB. All cops are bastards di Stefano Sollima - DVD
ACAB. All cops are bastards di Stefano Sollima - DVD - 2
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


'ACAB' è l'acronimo di 'All cops are bastards' ('tutti i poliziotti sono bastardi') un motto che, partito dal movimento skinhead inglese degli anni Settanta, è diventato nel tempo un richiamo universale alla guerriglia nelle città, nelle strade, negli stadi. Cobra, Negro e Mazinga sono tre 'celerini bastardi'. 'Celerini', così si sentono, più che poliziotti. Sulla loro pelle hanno imparato ad essere bersaglio perché vivono immersi nella violenza. Nel momento forse più delicato delle loro esistenze, quando la vita privata arriva alla resa dei conti, incontrano 'il futuro' in una giovane recluta, Adriano, appena aggregata al loro reparto.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2011
DVD
8032807041049
Chiudi

Premi

    2012 - Nastri d'Argento Miglior Attore Protagonista Favino Pierfrancesco
    2012 - Nastri d'Argento Miglior Attore Non Protagonista Giallini Marco

Informazioni aggiuntive

01 - Home Entertainment, 2012
Eagle Pictures
90 min
Italiano (Dolby Digital 5.1)
Italiano per non udenti; Inglese
2,35:1 Wide Screen
trailers; dietro le quinte (making of); scene inedite in lingua originale

Valutazioni e recensioni

4,5/5
Recensioni: 5/5
(4)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
French
Recensioni: 4/5

Voto 3,5. Film veramente bello da vedere : tratta davvero bene i fatti narrati, tanto che la realtà e la cinematografia si uniscono così bene che a volte non se ne riconosce il limite. La regia è notevole, mentre l'interpretazione di Favino vale da sola l'intero film. Molto drammatico, perchè, oltre ai fatti già di per sè drammatici, tratta di storie personali molto infelici. Consiglio vivamente

Leggi di più Leggi di meno
Ciro Andreotti
Recensioni: 4/5

Carlo Bonini prima narra e Sollima a seguire conduce queste le poche parole con le quali poter definire una pellicola, e ancora prima un romanzo, dura e senza fronzoli, inno al machismo da strada e a un settore, quello della celere che non lascia nulla alla fantasia. Cobra, Mazinga e Negro altri non sono che nomi di battaglia di tre commilitoni che tra loro si definiscono fratelli, in un clima di violenza offerta subita e decisamente surreale, una violenza che attraversa la vita di ognuno di loro in ogni aspetto: dal figlio di Mazinga che non accetta l'autorità paterna, a Negro prossimo al divorzio e con difficoltà con l'ex moglie, che gli vieta di vedere la figlia, per finire con Cobra processato per un atto di violenza gratuita ed eccessiva consumata durante un intervento nel corso di una partita. In mezzo a loro improvvisamente giunge però una variabile nuova e forse impazzita, di certo da instradare, ovvero Adriano, giovane recluta che deve venire prima accettato dal gruppo, assimilarne usi e costumi ai limiti del tribale, lottare per farsi rispettare, salvo combattere al fine al fianco dei propri nuovi fratelli, ma anche lui macchiato dallo stigma di un'esistenza problematica, che assume le vesti di una madre prossima a uno sfratto esecutivo. Sollima mette quindi in pista, con rara efficacia, un manipolo di attori affiatati e abili nel descrivere personaggi ai margini della legalità, il tutto incastonato in una pellicola che narra una Roma differente, ma potremmo veramente essere in qualunque grande città; una Roma vista attraverso un gruppo che si esalta per azioni di guerriglia urbana che dovrebbero ripianare gli errori dei politici e delle istituzioni, ponendosi quindi spesso al di sopra di quella legge che per primo il gruppo dovrebbe seguire. Un film quindi molto duro che offre un punto di vista molto controverso e difficile da approvare esattamente come è stato il romanzo dal quale è stato tratto.

Leggi di più Leggi di meno
Mr Gaglia
Recensioni: 5/5

Si respira freschezza nei confini del Ns. cinema. Una freschezza che trasuda paradossalmente la sporcizia della città; una carica di tensione onnipresente e l'odio pompato da un gruppo di personaggi con cui non è facile fraternizzare emotivamente. Ma poco importa: il regista compie il suo passaggio ufficiale cinematografico dopo averci regalato una delle migliori produzioni italiane di sempre con "Romanzo Criminale - La serie". Gli "sbirri cattivi" perfettamente espressi da Favino, Giallini, Nigro, Sartoretti e Diele sono l'ultimo baluardo tra equilibrio e caos. Hanno però un difetto: sono tutti umani e, nel momento in cui vengono piazzati nel bel mezzo della guerra, sono pronti a diventare dei veri Terminator. Una volta sfoderato il manganello non si torna più indietro. Le ossa vengono spezzate, i denti frantumati e frenarsi è impossibile. Il poliziesco anni '70 torna a farsi strada sul grande schermo in maniera intelligente, assumendo anche le caratteristiche di un potente film sociale nel momento in cui sceglie di investire, seppur di striscio, eventi reali mettendoli al servizio della trama. Ma Acab è soprattutto un ottimo film italiano. Più nero che mai nei temi e nelle soluzioni visive, il film di Stefano Sollima presenta un paio di sequenze che lasciano a bocca aperta: l'inizio con Favino pronto a scatenare la bestia dentro di sé e la battaglia allo stadio con poliziotti in formazione da legionari e seguenti coltellate. Potrebbe benissimo essere la risposta al francese "L'odio" ma qui la prospettiva è quella giustificata dalla parola legge. Interpretato da protagonisti che danno il meglio di sé, Acab strizza l'occhio agli american-movie's appropriandosi di un impianto narrativo vincente: la Roma mostrata nel film non è meno ostile della Los Angeles di Michael Mann. Trovano spazio one-liners a effetto o frasi che fanno riflettere come quella pronunciata da Giallini: "Stanotte pagheremo una volta e per tutte il conto della Diaz". Bellissimo, da non perdere.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Pierfrancesco Favino

1969, Roma

Attore italiano. Diplomato all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico, si dedica da subito alla professione teatrale lavorando in molti spettacoli di L. Ronconi. Noto a molti per alcune interpretazioni in varie fiction italiane (Amico mio, Padre Pio, Gli insoliti ignoti), approda presto al grande schermo: colleziona una doppia nomination (David, Ciak d’Oro) vestendo i panni del sergente Rizzo in El Alamein (2002) di E. Monteleone. Acquista notorietà tra il grande pubblico con Da zero a dieci (2002) di L. Ligabue, a cui segue una serie di apparizioni in film di discreto successo, quali Passato prossimo (2003) di M.S. Tognazzi, Mariti in affitto (2004) di I. Borrelli, Le chiavi di casa (2004) di G. Amelio, Nessun messaggio in segreteria (2005) di P. Genovese e L. Miniero, Amatemi...

Filippo Nigro

1970, Roma

"Attore italiano. Conseguito il diploma al Centro sperimentale di cinematografia, affianca interpretazioni sul grande schermo a ruoli in serie televisive (tra cui, I ragazzi del muretto, dal 1991; Il maresciallo Rocca, dal 1996; La dottoressa Giò, 1997-98; R.I.S. - Delitti imperfetti, 2005-07). Dà inizio alla carriera nel cinema girando Donne in bianco (1998) di T. Pulci e, tre anni dopo, Le fate ignoranti per la regia di F. Ozpetek, autore con il quale lavora anche in La finestra di fronte (2003). All’Andrea Gautieri di A luci spente (2004) di M. Ponzi segue il ruolo di Marcantonio nel teen movie di L. Prieto Ho voglia di te (2007) e quello di Lele in Amore, bugie e calcetto (2008) di L. Lucini. Sempre nel 2008 è in Un gioco da ragazze di M. Rovere."

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore