Addio fantasmi - Nadia Terranova - copertina

Addio fantasmi

Nadia Terranova

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 25 settembre 2018
Pagine: 208 p., Brossura
  • EAN: 9788806237455
Salvato in 375 liste dei desideri

€ 16,15

€ 17,00
(-5%)

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

Addio fantasmi

Nadia Terranova

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Addio fantasmi

Nadia Terranova

€ 17,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Addio fantasmi

Nadia Terranova

€ 17,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 16,15 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Finalista Premio Strega 2019, proposto da Pierluigi Battista
Finalista premio Intersezioni. Italia-Russia 2019


Una casa tra due mari, il luogo del ritorno. Dentro quelle stanze si è incagliata l'esistenza di una donna.

«Un padre sceglie di andarsene per sempre. E la sua scomparsa volontaria, ancora più della morte, mina la vita della figlia. Nadia Terranova sa nominare il dolore con la precisione chirurgica di chi lo conosce. E non lo teme più» - Robinson, La Repubblica

"Fra il tramonto e la cena, l'assenza di mio padre tornava a visitarmi. Aprivo il balcone sperando che il temporale filtrasse dai soffitti e squarciasse le crepe sul muro, supplicavo la tramontana di trasformarsi in uragano e rovesciare in terra l'orologio e le sedie, all'aria il letto, i cuscini, le lenzuola. Non vuoi sapere che sono diventata grande, non ti interessa?, chiedevo, e nessuno rispondeva"

Una casa tra due mari, il luogo del ritorno. Dentro quelle stanze si è incagliata l'esistenza di una donna. Che solo riattraversando la propria storia potrà davvero liberarsene. Nadia Terranova racconta l'ossessione di una perdita, quel corpo a corpo con il passato che ci rende tutti dei sopravvissuti, ciascuno alla propria battaglia. Ida è appena sbarcata a Messina, la sua città natale: la madre l'ha richiamata in vista della ristrutturazione dell'appartamento di famiglia, che vuole mettere in vendita. Circondata di nuovo dagli oggetti di sempre, di fronte ai quali deve scegliere cosa tenere e cosa buttare, è costretta a fare i conti con il trauma che l'ha segnata quando era solo una ragazzina. Ventitre anni prima suo padre è scomparso. Non è morto: semplicemente una mattina è andato via e non è piú tornato. Sulla mancanza di quel padre si sono imperniati i silenzi feroci con la madre, il senso di un'identità fondata sull'anomalia, persino il rapporto con il marito, salvezza e naufragio insieme. Specchiandosi nell'assenza del corpo paterno, Ida è diventata donna nel dominio della paura e nel sospetto verso ogni forma di desiderio. Ma ora che la casa d'infanzia la assedia con i suoi fantasmi, lei deve trovare un modo per spezzare il sortilegio e far uscire il padre di scena.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,08
di 5
Totale 193
5
74
4
74
3
34
2
9
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    dana63

    29/05/2020 11:13:33

    "[...le ossessioni]. Le usiamo per tenere la crepa aperta e ci raccontiamo che la memoria è importante, che noi soltanto ne siamo i guardiani. Teniamo la ferita larga perché ci stiano dentro i nostri mali, i nostri timori, stiamo attenti che sia profonda abbastanza da contenere il nostro dolore, guai a lasciarlo vagare". Può capitare che la sofferenza divenga un rifugio, una giustificazione per non vivere, per non mettersi in gioco, per non dare, per rinchiudersi in se stessi, un alibi per non rischiare di soffrire ancora. Può capitare che un dolore conduca a sentirsi per sempre vittime, a non vedere il dolore degli altri o a sminuirlo rispetto al proprio. Può capitare che il dolore faccia sentire superiori rispetto a chi quel dolore non lo ha provato; che resti lì, immobile, e immobilizzi chi lo prova. Ma "ciò che non si trasforma non è reale", quindi si finisce col vivere una vita finta. E quanto più tempo si trascorre in questa convinzione, più coraggio necessita per venirne fuori, per dire addio a fantasmi che hanno occupato ogni momento, ogni pensiero, ogni bivio, ogni vuoto. Nadia Terranova ha una buona penna, lieve e potente al tempo stesso: ci fa sentire i profumi ed i suoni della Sicilia, ci fa vedere i colori del tramonto, ci fa sognare la magia de "la luce di Scilla e le ombre di Cariddi"; ci fa sentire il caldo soffocante dei pomeriggi messinesi in estate, l'odore dell'umidità delle pareti di una vecchia casa. E ci fa sentire l'angoscia e l'impotenza di chi vive l'abbandono. "La vita è ein Augenblick, un battito di ciglia: passiamo l'esistenza a sbattere ciglia e poi un battito, uno solo fra i tanti, cambia direzione e scompiglia ciò che siamo."

  • User Icon

    enza

    18/05/2020 15:48:21

    Una lettura lenta e pesante: più di 300 pagine che parlano solo dell'ossessione della protagonista per l'essere stata abbandonata dal padre.

  • User Icon

    elly

    17/05/2020 21:43:16

    Libro dal titolo coinvolgente è spettacolare dove suscita già curiosità e consigliato secondo me ad un publico adulto

  • User Icon

    silviad82

    16/05/2020 16:32:05

    Questo libro non è solo un romanzo, ma un viaggio verso una rinascita, seppellendo le ceneri di un passato mai archiviato. Il ritorno alla città d'origine permette alla protagonista di ricominciare a crescere in un turbinio di profonde emozioni che investono persone già conosciute e nuovi incontri. Nadia Terranova ha scavato dentro l'animo delle persone per poter scrivere un testo simile, fa percepire il buio che tutti noi proviamo in qualche momento della nostra vita misto al desiderio-paura di vedere la luce in fondo al tunnel.

  • User Icon

    Daniele

    16/05/2020 08:01:24

    La voce di Ida stessa ci introduce nel suo mondo, presente e passato. Una voce così profonda e vera che non puoi far altro che riconoscerti nella protagonista accecata dal proprio dolore. Lo stile di Nadia Terranova è di indicibile splendore, è ricercato, sottile ed estremamente potente. Ti catapulta nel romanzo, all’interno di ogni personaggio. Ti fa percepire ogni singola emozione che Ida prova. Durante la lettura mi sono dovuta interrompere, ero sommersa dalle lacrime, a tratti anche dai singhiozzi.

  • User Icon

    Gaetano

    14/05/2020 06:29:32

    Libro bellissimo e commovente, scritto con talento. Nadia Terranova è un'autrice di razza, sicuramente una delle migliori dell'attuale panorama letterario italiano. "Addio fantasmi" parla di solitudine e ricerca delle proprie radici per ricostruire identità spezzate dal corso assurdo degli eventi. Vale la pena leggerlo.

  • User Icon

    rosa

    12/05/2020 18:49:53

    Addio Fantasmi è stato, per me, un romanzo catartico e conturbante. Il tema di fondo potrebbe essere banalmente riassumibile in "storia di un abbandono" , ma vi garantisco che c'è molto molto di più. Attraverso il ricordo, che può scaturire da una fotografia oppure da un oggetto caro, facciamo dei salti temporali tra il presente e il passato di Ida; un flusso di coscienza che diventa anche una sorta di bilancio di una vita costellata da ombre e malinconia, un'esistenza ancorata alle 06.16 di ventitré anni prima. Caratterizzante dello stile della Terranova è una scrittura fitta ed evocativa, carica di metafore ma allo stesso tempo razionale. Con puntiglio e un lessico ricercato l'autrice servendosi di questi flashback vuole sottolineare quanto i ricordi, specialmente quelli brutti, incidano irrimediabilmente sulla nostra esistenza. Dolore, angoscia e lutto si affastellano pagina dopo pagina conferendo a questo breve romanzo un'accezione quasi claustrofobica.

  • User Icon

    clara

    12/05/2020 14:08:03

    Forse affrontare un romanzo del genere in questo periodo non è la scelta più giusta perché risulta, soprattutto nella prima parte, un po' pesante e si fa fatica a entrare nella mente di Ida. Tornare nella propria città natale, Messina, non è facile per Ida che deve riappacificarsi con un passato che continua a tormentarla e farle male. Un viaggio, un tuffo nei ricordi di un passato che si caratterizza per il padre scomparso che non ha più fatto ritorno e il dolore della sua assenza, di un rapporto sentimentale con il marito che sembra aver perso il filo che lo teneva unito sino alla madre con cui è in perenne conflitto. Il passato, soprattutto se ci sono questioni irrisolte, continua a fare danni, ma l'unico modo per riuscire a essere sereni e andare avanti è provare a metterlo da parte, facendo pace anche con la parte più dura di se stessi. Gettare in mare quella scatola rossa piena di ricordi diventa il modo migliore per allontanarsi e dare l'addio ai fantasmi che tanto dolore hanno lasciato.

  • User Icon

    Stefano

    11/05/2020 22:54:51

    Lento, parte col freno a mano tirato, poi esplode in una profonda ferita che non si rimarginerà mai, e si sente tutta la tristezza del momento. Da leggere

  • User Icon

    bibliotec_ale

    11/05/2020 13:40:48

    Una scrittura densa di emozioni che ti trascina nel suo abisso, quasi a farti affogare, per poi tirartici fuori, boccheggiante. Lo leggerei di nuovo e sono molto curiosa di leggere altro della Terranova.

  • User Icon

    Anna

    11/05/2020 12:35:00

    il libro è bello, la tematica non delle più originali, scritto bene ma unica cosa risulta un pò troppo superficiale, nel senso che una tematica così prpfonda poteva essere indagata molto di più.

  • User Icon

    Massimiliano

    25/04/2020 11:45:58

    Bel libro. Inizialmente antipatico, con uno stile troppo ricercato e pretenzioso, con lo scorrere delle pagine si scioglie e scorre come un fiume placido per poi concludere in una cascata di emozioni. La storia è affollata da personaggi solo accennati, tenuti sempre sullo sfondo per far risaltare solo Lei, Ida, la vera forza motrice del romanzo; con i suoi ricordi e i suoi fantasmi. Una storia che forse non coinvolge ma che sicuramente tocca corde sensibili ad ognuno di noi. Bello.

  • User Icon

    giorgio g

    23/04/2020 12:03:24

    L’autrice immagina di aver subito, quando aveva tredici anni, la scomparsa di suo padre Sebastiano Laquidara, ammalato di tristezza, che si è allontanato da casa. Una frase che riassume il libro: “avevamo capito che la maniera piú semplice per tenere lontane le persone era essere bene educate con loro.” Speravo di trovare un’altra scrittrice siciliana, ma ho incontrato una lettura non nelle mie corde e che farei meglio ad evitare.

  • User Icon

    Mangiatrice di libri

    19/04/2020 13:15:15

    Anche in questo romanzo la Terrranova ci regala una splendida storia, magistralmente scritta e a conferma di ciò guadagna la sua presenza nella cinquina del Premio Strega. Da leggere

  • User Icon

    Benny B

    07/04/2020 13:42:52

    Che cosa ci sia di tanto profondo e sconvolgente in questa storia, io non so. A me è sembrato piuttosto il solito melodramma, che manca di indagare veramente il tema principale - quello dell'Assenza e della sue conseguenze - per perdersi invece in scavi psicologici un po' banalotti, all'acqua di rose. Un libro come ce ne sono tanti, che si fa leggere. Niente di più.

  • User Icon

    Marta

    28/03/2020 16:56:38

    Credo che Addio fantasmi non sia un libro da leggere sotto l'ombrellone, merita attenzione, cura e comprensione. La storia che Nadia Terranova ci consegna graffia l'anima e forse per qualcuno risulterà emotivamente pesante. Io stessa ho aspettato mesi prima di leggerlo, sapevo che avrei sofferto e che mi avrebbe segnata. Grazie Nadia, grazie per avermi permesso di entrare nel tuo mondo e per avermi insegnato quanto la vita sia un Augenblick.

  • User Icon

    lunarili

    18/02/2020 12:06:41

    Molto bello, non facile nei contenuti ma scorrevole per stile e trama. Complimenti all'autrice

  • User Icon

    Ire

    29/01/2020 13:31:37

    "La morte è un punto fermo, mentre la scomparsa è la mancanza di un punto, di un qualsiasi segno di interpunzione alla fine delle parole. Chi scompare ridisegna il tempo, e un circolo di ossessioni avvolge chi sopravvive." Un romanzo tristissimo, intriso di ricordi dolorosi e laceranti, raccontato con una scrittura che travolge, che ti entra dentro e ti permette di assaggiare il vero senso della parola mancanza. È la storia di Ida che, dall'età di 13 anni, anno in cui suo padre Sebastiano ha lasciato la casa per non tornarci più, vive con il costante ricordo di una figura paterna, lo ritrova nell'umidità delle pareti, nelle strade di Messina, nel mare, nella casa, nei sogni e negli incubi. È letteralmente invasa dalla sua presenza-assenza, non riesce a liberarsi della sua voce, del suo odore, del suo corpo. Ogni oggetto porta il suo nome, porta un pezzo di lui. Pochi sono i romanzi così pieni di emozioni e questo è decisamente uno di quelli. Splendido.

  • User Icon

    mara regonaschi

    13/01/2020 07:56:02

    "La memoria è un atto creativo: sceglie, costruisce, decide, esclude; il romanzo della memoria è il gioco più puro che abbiamo". E' per ingannarla che Ida dopo 23 anni torna nella sua casa di famiglia a Messina, per aiutare la madre nella vendita. Ma lì, capendo cosa sia davvero una madre ("qualcosa da cui non esiste riparo"), ripercorre, prendendone finalmente coscienza, la sua infanzia e la grande assenza del padre, sparito senza lasciare traccia quando lei aveva 13 anni, devastato da una depressione lacerante. Il ritorno le permette di comprendere con maggior lucidità cosa l'assenza del padre ha sottratto in lei e quali oggi siano gli strumenti per fare finalmente i conti con quel lutto, lasciandosi andare all'empatia e al dolore altrui, rinascendo affettivamente e umanamente. Un intenso libro sulla ricchezza del vuoto e del dolore che se affrontati possono permettere crescita e affrancamento.

  • User Icon

    virginia

    30/11/2019 14:38:29

    Speravo vincesse il Premio Strega. Un libro disarmante, che traccia sulla pelle del lettore le ferite del dolore composto della protagonista del romanzo. Una storia imperdibile, un’autrice da riscoprire e seguire. “Gli anni al contrario” da acquistare assolutamente in combo!

Vedi tutte le 193 recensioni cliente

Quella mattina di ventitre anni prima mio padre aveva aperto gli occhi alle sei e sedici, le cifre erano rimaste sulla sveglia spenta con un colpo netto, seicentosedici, sei uno sei, e per giorni sul lavabo era rimasto il suo spazzolino blu, steso fuori dal bicchiere dove tenevamo tutti e tre i nostri, portandosi appresso una scia di dentifricio come bava di lumaca. Mia madre già era uscita, come spesso faceva, per regalarsi lunghe camminate all’alba, prima di andare al lavoro.

Ida scrive storie per la radio e abita a Roma con il marito Pietro. Ha con lui un rapporto particolare, che entrambi continuano a portare avanti, nonostante la stanchezza sessuale e, per certi versi, anche affettiva.

Il corpo aveva smesso di essere il luogo della comunicazione. La dolcezza si riversava nelle cerimonie quotidiane, nei dialoghi e nelle premure, e di giorno anche se litigavamo non ci facevamo mai veramente male: vivevamo all’ombra l’uno dell’altra vegliandoci con una cura che non avevo mai conosciuto; per qualche tempo dopo la fine del desiderio avevamo coltivato un nostro rituale nel darci comunque piacere, poi anche quello scambio era diventato inutilizzabile come un vecchio dizionario.

E Ida convive da ventitre anni con l’ossessione della scomparsa del padre Sebastiano, insegnante in una scuola per ricchi, un uomo che provava a riparare gli altri ma incapace di riparare sé stesso e che aveva contratto la tristezza, come una malattia.

Il ritorno a Messina per aiutare la madre a ristrutturare la casa di famiglia diventa occasione per una lunga riflessione sul significato di scomparsa e di morte. Il romanzo è tutto un lungo ricordo, fatto di capitoli lunghi intervallati da brevi intermezzi, i “notturni”, dove protagonisti sono i sogni di Ida.

Con la scomparsa del padre era iniziato un periodo di odio verso la felicità altrui, percepita come sopruso fisico, materiale, dove anche piccole opere edili (3 centimetri di dislivello di un balcone dei vicini) diventavano danni alla quotidianità del duo formato da lei e dalla madre. Felicità altrui come sopruso immateriale perché i vicini erano una famiglia felice, che giocava con i figli, cantava e pregava, mentre per la sua famiglia spezzata non poteva più esistere gioia.

L’inconsapevolezza degli altri era il nostro nemico, la quotidianità degli altri era il nostro nemico, i nomi degli altri erano i nostri nemici.

Elemento fondamentale nella storia, che ritorna sempre, a più riprese, è l’acqua sotto forma anche di sudore, di annegamento, esondazione perché è proprio con l’acqua che il padre o, meglio, il suo ricordo si manifesta. E come l’acqua fluisce, lungo le parole che circondano i ricordi. Riflettendo anche sul fatto che la vita è ein Augenblick, un momento, un battito di ciglia che da un momento all’altro può far cambiare tutto.

Con questo romanzo Nadia Terranova svela una verità dolorosa: niente fa sentire più comodi e al sicuro delle proprie ossessioni, della sofferenza da cui ci lasciamo consumare. L’immersione di Ida nel dolore è un viaggio fatto di simboli che Terranova tratteggia con una lingua poetica e accuratissima, con pennellate di lirismo a tratti sorprendente, una rarità in un panorama letterario che spesso preferisce la linearità.

Ida inventa storie vere e ha un marito che le fa da padre. A Messina, dove è nata, ha lasciato il buco nero della sua esistenza, un padre uscito di casa e mai tornato, in una mattina in cui il tempo di Ida bambina si era fermato. Quando la madre la richiama in Sicilia per decidere cosa tenere e cosa buttare prima di lasciarsi alle spalle l’abitazione e i ricordi, Ida è costretta a fare i conti col proprio passato.  Nascondendosi dal sole violento di una Sicilia vivida e sospesa si abbandona al dolore soffocante e rassicurante della memoria di un’esistenza spaccata a metà, tra l’idillio di un’infanzia ricostruita a posteriori e la fretta di dimenticare. Gliela ha imposta da una madre con cui lo scontro è il lessico familiare e la rimozione del senso di colpa è invece quello che le tiene insieme. Mentre due operai sono chiamati a riparare la casa, che cade a pezzi come la sua vita,  nella scoperta che delle persone che conosceva conserva solo l’immagine che se ne era costruita e nello schiaffo del dolore degli altri, Ida si scopre accomodata e imbozzolata nel proprio, e intravede una strada per affrontare i propri fantasmi.

Un romanzo che tocca corde sensibili del lettore, che non cerca di metterlo comodo ma lo spinge – anche con disagio – a confrontarsi con una parte a tratti sgradevole di sé, le proprie fissazioni. Attraverso di esse però la scrittrice siciliana accompagna chi legge, assieme alla sua protagonista, nel drammatico necessario e a suo modo liberatorio ingresso nella vera maturità.

Recensione di Chiara Palumbo

A cura del Master in Editoria dell’Università degli Studi di Milano in collaborazione con la Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori

 

I vincitori del concorso “Caccia allo Strega” 2019

Jessica joy_in_the_deep - Recensione stregata scelta da Nadia Terranova

Evocativo, doloroso, quasi magico. "Addio Fantasmi" è un libro bellissimo. Sapevo che mi sarebbe piaciuto da impazzire dal primo momento che l'ho visto, pur senza conoscerne la trama, se non lo "Stretto" necessario (essendo ambientato a Messina leggendolo capirete perché questo mio gioco di parole) e senza averne mai letto neanche un frammento. Sentivo che era il libro per me, quel genere di romanzo che mi entra nel cuore e mi fa emozionare. Così è stato. Una storia potente, quasi immobile ma devastante nei fatti, nei ricordi, nei pensieri. Un libro sulla scomparsa e sulla perdita, sulle mancanze, sulle paure, sulle parole e sui silenzi, sulla sofferenza, sulla memoria, sulle domande che non avranno mai pace. Nadia Terranova ha scritto un piccolo capolavoro, introspettivo, profondo e intenso. Ovunque nelle pagine c'è l'acqua e ci sono i ricordi, che fanno male, che fanno mancare l'aria. Il mare è lì. C'è, quasi non si vede, non sempre, ma è dappertutto. Si sente, si percepisce, si vede nitidamente il dolore, il non riuscire a darsi pace e a superarlo. La speranza non muore perché quel punto di non ritorno non si trova. La narrazione scivola delicata, elegante ed esatta, perché ogni parola è giusta, ogni frase è precisa e azzeccata, non potrebbe essere raccontata in altro modo. I sentimenti Nadia li racconta con le azioni, con i movimenti e le frasi della protagonista Ida, così bloccata ma viva. I sogni, e gli incubi, si intrecciano ai momenti del passato che riaffiorano pesanti e zuppi di inquietudine e nostalgia. Super consigliato, l'ho amato. Mi ha fatto sentire la mancanza della Sicilia, una terra che non conosco e in cui non sono mai stata, ma l'autrice la rende così viva e reale da farla palpitare davvero come se fosse di tutti, anche nostra. Copertina: 4. Storia: 5. Stile: 5.  

Valeria

Nadia Terranova, in Addio Fantasmi, fa proprio questa operazione narrativa, delicata, oscura, catalizzatrice: fa evaporare la figura paterna e quella coniugale del marito, per lasciare sotto un cono di luce, dapprima ristretto, la figlia al suo centro. Una figlia zoppa, incapace di immaginare qualcosa che possa implicare un progetto o un futuro, impossibilitata a immaginare una vita che passi attraverso la sua, incapace a vedersi incastrata, eppure ferma, immobile, sebbene sia scappata a km di distanza. Pian piano quel cono di luce si amplia fino a comprendere l'altra figura determinante, la madre, la sua compagna invecchiata, il suo riflesso maturo. La femminilità, con le sue problematiche, con il suo pozzo (come lo chiama Natalia Ginzburg nel suo "Discorso sulle donne"), viene messa in risalto da questi chiaroscuri, che dove rimuovono e risucchiano, sanno anche ridare e illuminare. E proprio il pozzo mi sembra una metafora adatta a descrivere questo bellissimo romanzo: un pozzo che risucchia un vertice fondamentale di un triangolo familiare, madre-padre-figlia, il padre, lasciando una retta senza principio né fine, quella della coppia madre-figlia. Ma dal pozzo si può riemergere, si può tirare su l'evento primigenio, l'acqua. Altro elemento fondante l'acqua che contiene la vita incipiente, l'acqua vendicativa che distrugge, l'acqua fantasma che macchia e ricorda, l'acqua colpevole ma anche l'acqua purificante. Salsedine e ossigeno: il mare aiuta i pensieri. Un'acqua segnata da confini, quelli dello Stretto di Messina che è limen, che è valico, e quindi crisi. E per un siciliano che decida di andare via, quel confine è un perenne dilemma, è un andare e un tornare, è un dimenticare e un ricordare. COPERTINA 5 STORIA 5 STILE 4                                                                            

                                                                 

martineden      

Di un'infinita profondità. Il dolore esattamente com'è, come deve essere. La perdita. L'assenza del padre. Gli spettri del passato, a partire dal titolo. Di per sé niente di nuovo all'orizzonte. Dal di fuori sembrerebbe l'ennesimo romanzo sostenuto da archetipi e cliché. Errore. Perché le belle storie trovano sempre la loro maniera originale di farsi narrare. Non importano i plot né le strutture. Ciò che conta è la voce, la capacità del tutto umana di rendere partecipi gli altri dei propri trionfi e delle proprie miserie. I personaggi di Nadia Terranova sanno farlo alla grande. COPERTINA 4- STORIA 3- STILE 5                                                                           

Paola M              

A coloro che folgorati dalle promettenti aspettative del titolo -una garanzia, o forse più una speranza, che le paure, le delusioni, la solitudine, i dolori di cui tutti siamo afflitti, possano definitivamente congedarsi-va l’ammonimento di diffidare della semplicità con cui liquidiamo le escrescenze della vita. Sì, perché il libro, scritto con una voce scavante capace di suscitare un effetto ipnotico nel lettore, compie una ricostruzione dolorosa e minuta di quell’apparato VITA, a volte scivoloso e intangibile, di cui siamo prigionieri o rifugiati, perché ancorati più alla infelicità che non alla felicità, più alle forme statiche e rassicuranti di certi modelli di vita che non alla trasformazione di cui siamo pure capaci. Con essa, alla liquidazione, appunto, di certe esperienze che trattiamo come fossero le Sacre Scritture. Il commiato col passato, che si svela nelle ultimissime battute, dopo che il personaggio ha attraversato la dura prova della maturazione, è ritardato da una sequenza descrittiva, e quasi animata, di ricordi. La galvanizzazione degli oggetti (anche gli oggetti hanno una vita, un destino preciso nella storia di Ida),ai quali si conferisce una presenza parlante e rivelatrice, invece di esorcizzare i fantasmi, sembra volerli portare in vita con una precisione maniacale che ci viene in soccorso con la stessa amarezza di una medicina. Tutto si anima fino a comporre una memoria del dolore eterna e palpabile: le solitudini sono “abitate”, le voci fanno “esistere tutti, compresi il portaombrelli e l’inginocchiatoio in noce”, le ore hanno un colore, le cose hanno un volume e un peso specifico. È qui, in questa risalita che si svela il valore curativo del romanzo: nelle pagine che pure abbondano di riflessioni sull’incomunicabilità, sull’ineluttabilità del tempo, sull’inafferrabilità degli altri c’è anche la vita, quella vera e forse quella più bella. Se fosse un bugiardino: lasciare fuori la portata dei bambini. Copertina: 1 Storia: 4 Stile: 5                                                                          

                           

Mirko Denza    

"Mio padre si è messo da parte: non è lui che piangiamo oggi, semmai piangiamo il non averlo pianto e rubiamo un pezzo di dolore estraneo [...]". Esplode, in queste poche parole, l'essenza del romanzo: una scomparsa, un funerale mai celebrato, la scure della odiosa malattia che consegna un padre senza corpo, presente nelle macchie di muffa della casa. Ida, la protagonista di questo spaccato di vita familiare, è una donna di trentasei anni richiamata dalla madre nella sua abitazione di Messina. Per Ida, che vive e lavora a Roma, sposata con Pietro, è un ritorno in un passato mai del tutto cancellato, sempre in cima ai suoi pensieri, soggiogata al duro combattere per cercare di cancellare l'immagine di suo padre, uomo travolto e trafitto dalla depressione che, stanco del suo vivere, si trascina fuori dalla loro vita. I ricordi, le sensazioni, le amicizie di un tempo, il corpo assaporato dalle mani di un estraneo conosciuto al mare, avvolgono l'esistenza di Ida, giovane donna rimasta impigliata in una eterna adolescenza. I suoi tredici anni rappresentano uno spartiacque, un confine da percorrere per raggiungere il cambio di pelle, la maturazione di una scomparsa che si sprigiona negli odori e nelle voci catturati e custoditi in una scatola rossa. La vicinanza con la madre, una donna vittima dell'egoismo emotivo della figlia, la freddezza di Sara, sua migliore amica ai tempi del liceo, diventano lampi di luce che incoraggiano Ida ad abbandonare la muta dei ricordi. La comparsa di Nikos, un ragazzo di appena vent'anni, sarà per Ida il momento culminante che la spingerà a far entrare, per la prima ed ultima volta, l'odore del suo passato, quell'abbraccio caldo non più ricevuto. Copertina 5 (si percepisce la sospensione in un presente eterno); Storia 4; Stile 5.                                                                    

Qualche anno fa ho cominciato a dirigere una collana di narrativa.

Nel primo romanzo che ho pubblicato, il padre del protagonista era morto, caduto dal tetto. Nel secondo, era stato ucciso in una zona di guerra. Dato che le mie scelte non avevano nulla a che fare con riflessioni di ordine tematico, ma solo di qualità prosastica e strutturale, non poteva che essere una coincidenza. Anche nel terzo romanzo, però, il padre era morto: addirittura ghermito da una maledizione. Nel quarto era un inetto che passava le giornate al bar. Nel quinto, la figura paterna, che sostituiva di fatto il padre del protagonista, si rivelava uno sbirro invischiato in trame nere. Nel sesto il padre non c’era proprio, c’era solo la nonna. Babbo assente anche nel settimo. Nell’ottavo, a essere padre era il protagonista, ma abbandonava moglie e figlio per dedicarsi alla sua collezione di serpenti. Nel nono era sostituito da un “putapadre”, e via così. Non sarà, mi son detto, che la letteratura italiana contemporanea esprime tra le righe un nodo problematico, che ci riguarda tutti, rispetto alla figura paterna?

L’assenza del padre è il addirittura il fulcro del secondo ed eccellente romanzo di Nadia Terranova, Addio fantasmi. Un ritorno a casa, da Roma a Messina, risveglia nella protagonista il trauma della scomparsa, che acquista cadenza e si sostanzia in una serie di “notturni”, più o meno onirici: ma lo spazio lasciato vuoto dal padre – cioè tutto, a parte quello contenuto in una cruciale scatoletta rossa – serve alla protagonista per prendere coscienza di come anche la sua vita adulta sia più fantasmatica di quanto non osi ammettere, mentre l’esistenza, quella vera, esiste solo nella contingenza del momento.

L’impressione è quindi che, bypassata l’uccisione, l’assenza del padre diventi condizione necessaria al racconto. Che fare, allora?

Vanni Santoni

Motivazione per la candidatura al Premio Strega 2019:
«In questo romanzo emozionante e profondo Nadia Terranova, come Telemaco alla ricerca del padre Odisseo, torna nella sua città natale e nella casa messinese della sua infanzia alla ricerca di tracce della figura paterna che si è come volatilizzata, rendendosi assente al mondo ma non nella memoria della protagonista. Il padre è scomparso: con ogni probabilità è morto tanti anni prima, ma il suo corpo non è mai stato trovato. E non c’è funerale possibile per un morto che forse non è morto. Mentre Telemaco parte da Itaca per conoscere il destino del padre, Nadia Terranova torna a Itaca-Messina perché attraverso gli oggetti della sua infanzia, gli odori e i colori della sua città, l’atmosfera della casa che la madre ha deciso di mettere in vendita, può finalmente fare i conti con se stessa e con il fantasma di un padre che non c’è più. E mettere a punto, nel tratto di mare che separa Scilla e Cariddi, la cerimonia degli addii indispensabile per continuare a vivere dopo aver portato a termine il lutto».
Proposto da Pierluigi Battista
  • Nadia Terranova Cover

    Nadia Terranova (Messina, 1978), si è laureata in filosofia e si è dottorata in storia moderna. Per Einaudi ha scritto i romanzi "Gli anni al contrario" (2015, vincitore di numerosi premi tra cui il Bagutta Opera Prima, il Brancati e l'americano The Bridge Book Award) e "Addio fantasmi" (2018, finalista al Premio Strega, vincitore del premio Subiaco Città del libro, del premio Alassio Centolibri, del premio Nino Martoglio e del premio Mario La Cava). Ha scritto anche diversi libri per ragazzi, tra cui "Bruno il bambino che imparò a volare" (Orecchio Acerbo 2012), "Casca il mondo" (Mondadori 2016) e "Omero è stato qui" (Bompiani 2019, selezionato nella dozzina del Premio Strega Ragazzi), e un saggio sulla letteratura per ragazzi, "Un'idea di infanzia" (ItaloSvevo... Approfondisci
Note legali