Aida - Antonio Ghislanzoni,Giuseppe Verdi - ebook

Aida

Antonio Ghislanzoni, Giuseppe Verdi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: West Press
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Pagine della versione a stampa: 48 p.
  • EAN: 9788888278728
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 1,99

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Aida, melodramma in quattro atti. Musica di Giuseppe Verdi, Libretto di Antonio Ghislanzoni. L'ebook comprende il riassunto dei quattro atti, i personaggi ed il testo completo dell'opera.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Antonio Ghislanzoni Cover

    (Lecco 1824 - Caprino Bergamasco, Bergamo, 1893) librettista e letterato italiano. Fervente patriota repubblicano, diresse la «Rivista minima» (1865-78) e fu redattore della «Gazzetta musicale di Milano». Autore di novelle in versi e di romanzi (Gli artisti da teatro, 1858; Angioli nelle tenebre, 1865; Abrakadabra, 1883), compose 85 libretti, fra i quali spiccano: Edmea (1866) per A. Catalani, la nuova stesura della Forza del destino (1869) e Aida (1870) per G. Verdi. Approfondisci
  • Giuseppe Verdi Cover

    Compositore.La giovinezza e i primi successi. Le origini assai modeste gli resero difficile l'accesso a studi regolari. Iniziò sotto la guida di Pietro Baistrocchi, organista di Roncole, ed esercitandosi su una spinetta acquistatagli dai genitori. Poi Antonio Barezzi, mercante di Busseto e suo futuro suocero, si interessò perché potesse seguire i corsi del locale ginnasio e avesse lezioni da Ferdinando Provesi, organista di Busseto. Intanto, ormai quindicenne, V. aveva cominciato a scrivere musica, profana e sacra, ad uso della locale Società filarmonica e di privati di Busseto; ma il suo desiderio di completare gli studi al di fuori dell'ambiente provinciale urtò contro numerose difficoltà: non ebbe il posto di organista nella chiesa di Soragna, non riuscì a ottenere sovvenzioni finanziarie,... Approfondisci
Note legali