Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Alcazar. Ultimo spettacolo - Stefania Nardini - ebook

Alcazar. Ultimo spettacolo

Stefania Nardini

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: E/O
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,01 MB
Pagine della versione a stampa: 255 p.
  • EAN: 9788866324263

€ 8,99

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

È il 1939, sono scattate le leggi razziali, Marsiglia è una città italiana: napoletani, siciliani, piemontesi fuggono dal fascismo e dalla fame. Alcuni organizzano la Resistenza, altri gestiscono ogni sorta di traffico, dal parmigiano alla cocaina, dalle armi alla prostituzione. Da Napoli parte una nave con a bordo una compagnia teatrale. Capocomico Silvana Landi, detta anche “l’emula di Fregoli”, trasformista internazionale. Con lei l’amico del cuore Gino Santoni in arte Cordera, omosessuale che si esibisce in scena vestito da donna. “Pioggia di stelle” è lo spettacolo che la compagnia dovrà rappresentare all’Alcazar, il mitico teatro dove sono passate le più importanti stelle del mondo, ma un episodio misterioso turba il normale svolgimento delle repliche. Dopo settant’anni, la Marsiglia raccontata da Jean Claude Izzo lascia balenare sotto le luci dell’Alcazar un colpo di scena che avrebbe potuto cambiare la storia.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 3
5
2
4
0
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giuseppe Iannozzi

    18/01/2014 20:48:31

    Senza giri di parole, un romanzo che è un po' poca carne e un po' poco pesce, non bello, non brutto. Le ambientazioni reggono, non però i personaggi che, il più delle volte, diventano delle macchiette, delle caricature per le quali non si può non provare un po' di umana pietas. Poco credibili, i personaggi soffrono la condizione d'esser stati abbozzati senza conferire loro un carattere ben definito. Quasi del tutto assente lo scavo psicologico, ne consegue che buoni e cattivi in Alcazar. Ultimo spettacolo rimangono schiacciati sulle ben tratteggiate scenografie di Napoli e Marsiglia. Voleva essere nelle intenzioni dell'autrice un omaggio a Jean-Claude Izzo? Parrebbe di sì, ed in parte lo è: "Marsiglia era stuprata. Tutto era grigio: il cielo, i carri armati lungo le strade, i blindati, le divise dei nuovi padroni, le divise dei nuovi padroni che controllavano la città da Notre Dame de la Garde, dove avevano occupato il fortino e le caserme acquistate dal santuario, il pont transbordeur, la plage des Catalans. I loro passi pesanti sulla banchina del Vieux-Port erano un insulto a quello specchio di Mediterraneo". Sicuramente è un bell'omaggio a Silvana Landi, madre dell'autrice e protagonista insieme a Cordera di questa storia affogata in una amalgama di finzione e realtà. Alcazar. Ultimo spettacolo, tutto sommato, è un romanzo senza lode né infamia. Chi invece volesse approfondire, con maggior profondità, l'argomento immigrazione può gettarsi a capofitto nella lettura de "L'orda" (Rizzoli) di Gian Antonio Stella e di "Al di là del mito" (Vallecchi editore) di Ambra Meda.

  • User Icon

    Ivo Tiberio Ginevra

    13/12/2013 12:28:32

    Alcazar, di Stefania Nardini, è un gran bel romanzo sospeso fra finzione e realtà. Una realtà storica inusuale per un'opera narrativa italiana, ma così ben documentata da potersi considerare come un romanzo storico del tutto riuscito. È inusuale perché l'azione si svolge nel 1939, anno diciottesimo dell'era fascista, tra Roma, Napoli e Marsiglia e in particolare studia a fondo la città francese di quegli anni con tutte le sue profonde contraddizioni, in una bailamme storica scandita dagli avvenimenti che a breve precipiteranno nel buio della seconda guerra mondiale. Un bel romanzo corale con protagonisti dai tratti psicologici completi e ben delineati, immersi in una storia fresca e del tutto credibile, narrata con sapiente e rara sensibilità, del tutto umana, senza mai usare parole fuori luogo. Senza alcuna sbavatura o volgarità, a tratti poetica ed emozionante.

  • User Icon

    Giovanni Agnoloni

    12/12/2013 22:09:32

    Sembrerebbe un "romanzo di altri tempi", non solo per la collocazione storica degli eventi (è ambientato nel 1939), ma anche per lo stile, carico di sonorità musicali e assonanze estetiche che sono proprie della cultura e della "visione del mondo" di quel periodo. È, sicuramente, un romanzo storico, o come tale è facile percepirlo. Ma è un libro intrinsecamente moderno. Non solo perché l'autrice è una donna addentro alle dinamiche umane e sociali del nostro tempo, ma perché affronta tematiche universali e sempre attuali. Su tutte, le discriminazioni di genere, visto che uno dei protagonisti, Gino Santoni, in arte Cordera, soubrette di riviste teatrali, è un omosessuale che deve tenere nascoste le proprie inclinazioni e che scompare da Marsiglia, dove la sua compagnia sta tenendo uno spettacolo, dopo aver rifiutato le avances di un gerarca fascista che l'aveva scambiato per una donna. E poi c'è il tema dell'amore, con la protagonista principale, la trasformista Silvana Landi, che scopre di provare un sentimento per Alfred Morello, un personaggio influente del milieu, la mafia locale della città del Midi, e che per seguire il richiamo del cuore affronterà un'avventurosa separazione che la riporterà in Italia. E c'è appunto, Marsiglia, città d'elezione dell'autrice, che già allora era un autentico melting pot culturale, un coacervo miracolosamente armonico di odori, suoni e sapori. A suo modo, dunque, questo "romanzo storico" si rivela un giallo, e non solo per la vicenda della ricerca di Cordera; anche e soprattutto perché è un enigmatico affresco di un'epoca, oltre che una storia di passioni e di emarginazioni. Ha una cifra e un "codice segreto" tutto suo. Come, del resto, gli inquietanti misteri dell'epoca di morte e dolore che ha voluto ritrarre. Il miglior libro, ad oggi, di Stefania Nardini.

  • Stefania Nardini Cover

    Giornalista e scrittrice, è nata a Roma ma ha vissuto a lungo a Napoli. Cura la pagina ”scritture & pensieri” per il Corriere nazionale. Ha già pubblicato Roma nascosta, nel 1984, e nel 2001 il romanzo Matrioska, storia di una cameriera clandestina che insegnava letteratura, primo libro di una autrice italiana contemporanea a essere tradotto in Ucraina. Nel 2010 pubblica una biografia molto particolare di Jean Claude Izzo.  Approfondisci
Note legali