Categorie

Nerea Riesco

Traduttore: C. Marseguerra
Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
Pagine: 471 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788811694465

86° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Di ambientazione storica

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it € 5,88

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Yaris

    03/08/2012 18.29.24

    Un romanzo scritto benissimo come il precedente, sulla trama niente da dire, anzi, mi è piaciuta tantissimo l'avvincente trovata del torneo di scacchi per risolvere una guerra che dura da secoli (e di cui purtroppo ancora si sentono le conseguenze). Non c'è dubbio, un romanzo splendido. Ma mi spiegate perchè dobbiamo mettere questa fantomatica cattedrale in praticamente un romanzo storico su due pubblicato in Italia? Anche quando il titolo originale consentirebbe una traduzione liscia liscia e perfettamente d'impatto anche nella nostra lingua? E soprattutto quando la cattedrale nella storia narrata c'entra davvero davvero poco? D'accordo, non siamo qui per discutere di trovate commerciali, ma mi è capitato di sentire commenti del tipo: ma i romanzi storici parlano solo di chiese! Se è per fare il verso a un enorme successo editoriale come I pilastri della terra di Ken Follett (lo so, mi ripeto, questo titolo compare in tante altre mie recensioni...) mi sta bene, però quando è troppo è troppo!

  • User Icon

    Luca

    06/10/2010 11.44.43

    autentica delusione questo libro. le prime 200 pagine lente e noiose, altro che Falcones. Non c'è paragone. Sconsigliatissimo

  • User Icon

    Filippo

    03/09/2010 14.50.44

    Se “La Ragazza e L’Inquisitore” mi aveva incuriosito, “All’Ombra della Cattedrale” mi ha profondamente deluso perché ho trovato la descrizione degli avvenimenti poco avvincente: l’intreccio non è per niente serrato e neppure pieno di suspense perché la prosa è rallentata da continue digressioni su vicende familiari piuttosto noiose e patetiche, anche se l’idea delle partite a scacchi e l’ambientazione storica potevano essere interessanti. Per le prime trecento pagine poco viene narrato a proposito della storia delle partite a scacchi e per quanto riguarda il luogo di ambientazione a me non è sembrato di essere nella Siviglia Settecentesca: per quanto è descritta poteva essere un’altra città! Comunque possa essere criticato il mio personale giudizio, non fidatevi di quelle affermazioni che pubblicizzano un prodotto come un successo magistrale: verificatelo voi stessi! Per i precedenti positivi commenti, direi che è ovvio che i miei gusti differiscano di molto dalla loro idea di romanzo storico; ma questo romanzo di Nerea Riesco non lo trovo comunque lontanamente paragonabile con i libri di Ildefonso Falcones o i due romanzi storici "I pilastri della Terra" e "Mondo senza fine" di Ken Follett.

  • User Icon

    cesarone

    30/07/2010 08.32.13

    Questo libro mi è stato regalato ed ancora sto ringraziando la mia amica per questa bellissima idea. Premetto che leggo ogni mese almeno 7 8 libri e che ho una particolare predilezione per il romanzo storico ma tra i tanti da me letti questo ha veramente una marcia in più.La scrittura è semplice e fluida ed a tratti sembra leggere uno dei classici della letteratura mondiale.Qualcuno potrebbe pensare "ci sono almeno 100 pagine in più" se così fosse benedette quelle 100 pagine che consentono all'autrice con descrizioni accurate e vividissime di farti sentire partecipe del racconto in prima persona e di essere tu il vero protagonista (di volta in volta visto che i protagonisti cambiano con il passare del tempo) del romanzo.Che dire...leggetelo!!

  • User Icon

    Massimo

    22/07/2010 11.49.26

    Un bel romanzo storico con una attenta ed interessante ricostruzione della Siviglia del XVIII-XIX secolo ed un'idea originale che fa da sfondo a tutto il racconto: la sfida a scacchi, iniziata secoli fa e non ancora terminata, che deve definire chi tra arabi ed occidentali avrà il possesso della torre Giralda, simbolo storico della città. Suggestiva la descrizione della stamperia della famiglia Montenegro nella quale si svolgono gran parte delle vicende narrate. Nel corso del racconto appaiono parecchi personaggi e più generazioni con tante figure importanti ma forse nessuna centrale. Piccoli appunti che mi permetto di fare sono quello di sottolineare che qualche personaggio, che talvolta pare destinato ad essere importante nella dinamica del racconto, "scompare" dalle vicende anche per lunghi anni per poi riapparire come se nulla fosse, e quello di considerare un pò utopistica la volontà degli attuali governatori dei paesi in causa per l'appropriazione della Giralda, di ritenere ancora valido l'accordo molto idealistico sancito parecchi secoli addietro dai loro predecessori. Interessante e imprevista, almeno secondo me, la rivelazione del vero aspetto di uno dei principali protagonisti che svela una personalità e degli intenti assolutamente contradditori rispetto a quanto era parso fino a quel punto. Finale del libro salomonico. In concòusione direi un'altra bella prova della attuale vivacità del romanzo storico appartenente al filone spagnolo (Asensi, Navarro, Falcones...), consigliato.

  • User Icon

    Marta

    08/07/2010 09.47.33

    Un bellissimo libro, un regalo molto apprezzato. Non conoscevo la Riesco ma ho amato la sua capacità di ricostruire l'ambientazione storica e allo stesso tempo di crearvi attorno un'intrigante storia d'amore e il mistero di una partita a scacchi che segnerà il destino dei vincitori. Una vera sorpresa per me che, scettica sul romanzo storico vi ho scoperto invece anche un'avvincente storia di passioni e tradimenti. Ne consiglio la lettura, a tutti, amanti del genere, scacchisti e donne alla ricerca di storie romantiche avvincenti. Buona lettura!

  • User Icon

    Luciano

    09/06/2010 20.49.57

    Bellissimo romanzo storico. Super-consigliato .

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione