Editore: Bompiani
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 2 marzo 2011
Pagine: 247 p., Brossura
  • EAN: 9788845201097
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,25

€ 16,50

Risparmi € 8,25 (50%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più

€ 16,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 7,43 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Daniele

    15/05/2013 21:12:19

    Libro inutile, banale, impossibile da terminare e inutilmente impreziosito da una terminologia complicata e molto in disuso.

  • User Icon

    mara regonaschi

    08/09/2011 16:29:15

    E' un libro poco credibile, che si dilunga in aspetti di scarsa rilevanza e si affretta su eventi significativi, intriso di personaggi frivoli e, sepro, irreali. Il tutto condito con qualche storia gay che sembra messa lì solo per attirare qualche curioso. Noioso e banale

  • User Icon

    Mario

    20/05/2011 15:40:20

    Ho letto tutto di Fortunato, assolutamente tutto. Questo libro sembra non averlo scritto lui. Non si riconosce più il suo stile, la precisione di un chirurgo. Anche gli aggettivi sono molto spesso buttati li' senza troppa cura. Se mi permetto di scrivere queste righe è solo per incitare il bravo Fortunato a ritornare ai suoi bellissimi inizi. Resto dell'idea che i suoi libri più belli sono "Luoghi Naturali", "Il Primo cielo", "La casa del Corpo". Coraggio...

  • User Icon

    Rossella Zucchi

    26/04/2011 11:19:42

    Ci sono romanzi che per la loro leggerezza migliorano il lettore. E ci sono romanzi che per la leggerezza dei loro contenuti appesantiscono lo ore dedicate alla lettura.Questo secondo è il caso di Allegra Street scivolone letterario del pur bravo Mario Fortunato. Personaggi snob, vuoti dentro e fuori e spesso antipatici si sfiorano annoiati in una Londra festaiola e vacua che chi conosce non riconosce e chi non conosce eviterebbe. Dispiace per uno scrittore che altrove si era espresso al meglio e si dia pace Fortunato: al contrario di Alan, uno dei suoi protagonisti che scrive un best seller costruito secondo i canoni "di vendita" sesso, gay, malattie e tragedie, con questo romanzo costruito con i medesimi schemi non vincerà certamente nè il Boker Prize nè lo Strega.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione