Allegro ma non troppo con Le leggi fondamentali della stupidità umana - Carlo M. Cipolla - copertina

Allegro ma non troppo con Le leggi fondamentali della stupidità umana

Carlo M. Cipolla

Scrivi una recensione
Traduttore: A. Parish
Editore: Il Mulino
Collana: Contrappunti
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 12 ottobre 2006
Pagine: 83 p., Rilegato
  • EAN: 9788815114716
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 5,40

€ 10,00

5 punti Premium

Nuovo - attualmente non disponibile

9 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un "divertissement", un guizzo anarchico dell'intelligenza. È così che si possono definire queste pagine nelle quali Cipolla abbandona gli austeri panni dello studioso e, giocando sul filo del paradosso e dell'assurdo, costruisce due brevi saggi: il primo, una ilare parodia della storia economica e sociale del Medioevo; il secondo, "Le leggi fondamentali della stupidità umana", una sorta di scherzosa teoria generale della stupidità umana.
4,63
di 5
Totale 46
5
38
4
3
3
3
2
1
1
1
  • User Icon

    Maria

    11/03/2019 07:01:22

    Il libro è stato scritto, per ammissione stessa dell'autore, utilizzando ironia ed umorismo come principali elementi ispiratori ed il testo è il collage di due saggi (originariamente scritti in inglese nel 1973 e nel 1976) che trattano due argomenti molto diversi tra loro. Il primo riguarda il presunto ruolo del pepe nello sviluppo economico dell'Europa del Medioevo. Si tratta chiaramente di una dimostrazione per assurdo, ma è talmente ben congegnata (è perfino sorretta da equazioni di matematica finanziaria) che potrebbe apparire vera. Un eccellente esempio di come, con intelligenza ed applicazione, si possa di fatto dimostrare qualsiasi cosa (e manipolare chiunque..). Il secondo tratta invece della stupidità umana ed è un capolavoro, fulminante nella sua semplicità, schematicità ed... attualità. Anche in questo caso le ampie ed esaurienti spiegazioni delle tre leggi fondamentali sulla stupidità, sono supportate dalla matematica, visto che per spiegarne il concetto l'autore utilizza un grafico che effettivamente aiuta bene a capire cosa vuole dire. Un grafico che oltretutto può essere usato per valutare le persone con le quali abbiamo a che fare tutti i giorni e che quindi permette anche di adottare delle contromosse razionali nei loro riguardi.

  • User Icon

    Biancalucia

    08/02/2019 14:38:11

    Osservazione Intelligente ed ironica della realtà e delle persone, con sagace spiegazione del perchè gli stupidi prevalgono spesso sulle persone intelligenti, purtroppo. L'ho letto e regalato molte volte ed è stato sempre apprezzato, questo breve saggio preceduto dalla divertente storia del sale. Lo consiglio vivamente, da leggere e da regalare.

  • User Icon

    Isabella

    20/01/2019 15:51:42

    Mi unisco al coro di chi elogia questo libriccino (e ne segnalo l'edizione originale in inglese). Cipolla definisce i gradi della stupidità umana, ma soprattutto evidenzia quella più pericolosa, è cioè quella che danneggia senza portare vantaggi allo stupido. Ahimè, quanto è vero! Se poi ci sono degli errori, come qualcuno che si crede molto intelligente fa notare, non si tratta di stupidità o ignoranza, ma semplicemente di una svista del tutto umana.

  • User Icon

    verderame68

    30/05/2018 07:47:00

    Enfatico e divertente il racconto sul pepe; è proprio il caso di dire: "chi l'avrebbe mai pensato"? Tra il serio ed il faceto veniamo a conoscenza di un affascinante e curioso particolare di storia minima. L'altro racconto (quello sulla stupidità umana) è trattato in maniera così "scientifica" che, nonostante sia una chiara provocazione, viene spontaneo crederci veramente.

  • User Icon

    Alinghi

    10/04/2018 14:47:06

    Racconti brevi con il giusto grado di ironia. Sicuramente più godibile il primo con taglio storico; racconto da rileggere più e più volte il secondo scritto con approccio economico in quanto sarà, purtroppo, sempre attuale

  • User Icon

    bobomerenda

    14/10/2017 20:26:14

    la nostra stupidità emerge completamente, tanto che il libro lo faccio girare e ritorna con un ulteriore sorriso

  • User Icon

    giuliog02

    14/08/2015 16:52:48

    Una parte del libretto costituisce un divertissment storico, che purtroppo si ferma al Medio Evo, di assai piacevole lettura. Il saggio " Le leggi fondamentali della stupidità umana " colpisce e resta impresso nella mente per l'acume, la creatività e l'originalità dell'Autore. Il Professor Carlo Maria Cipolla riesce a sintetizzare il corposo e significativo prodotto della sua analisi in un breve saggio con un esplicativo diagramma cartesiano, comprensibile anche ai cretini, e poche sagge leggi, molto pragmatiche. Un volumetto ricchissimo di significati e di insegnamenti, semplicemente folgorante. Peccato che si legga in una serata. Da diffondere, regalare, tenere sempre presente. Dò un 5 e Lode. Buona lettura.

  • User Icon

    carla.d

    26/10/2014 10:37:22

    Forse non sono abbastanza intelligente, oppure l'ho letto nel momento sbagliato, oppure mi ero creata troppe aspettative leggendo le recensioni precedenti. In ogni caso... ho trovato questo libro noioso e ho fatto fatica ad arrivare alla fine di entrambe le parti.

  • User Icon

    massimo

    29/01/2014 18:27:34

    Ho letto e riletto le opere del compianto prof. Cipolla, in cui deride la stupidità altrui. Peccato che sostenga che "Vasco de Gama giunse a Calicut (Calcutta)". Eh no, l'antica Calicut è una città dello Stato indiano del Kerala, mentre Calcutta si trova nello Stato del West Bengala, a migliaia di chilometri di distanza. Ahi, ahi, ahi, professore che deride la stupidità altrui. "Kozhikode, conosciuta anche come Calicut, è una città dello stato federale indiano del Kerala, nonché capoluogo del Distretto di Kozhikode. Fu prima capitale di un antico regno, e in seguito capoluogo del Distretto del Malabar... I porti della costa del Malabar (nell'Oceano Indiano) erano i principali punti di esportazione delle spezie, nonché della seta "(wikipedia) Basterebbe poco per non scrivere sciocchezze e far brutte figure. Ma questo non fa che dimostrare che le leggi enunciate dal prof. Cipolla sono sempre valide. Purtroppo.

  • User Icon

    Piero Giombi

    05/12/2013 10:33:39

    Ho letto e riletto le opere del compianto prof. Cipolla, in cui deride la stupidità altrui. Peccato che sostenga che "Vasco de Gama giunse a Calicut (Calcutta)". Eh no, l'antica Calicut è una città dello Stato indiano del Kerala, mentre Calcutta si trova nello Stato del West Bengala, a migliaia di chilometri di distanza. Ahi, ahi, ahi, professore che deride la stupidità altrui.

  • User Icon

    ramusio

    04/07/2013 14:33:25

    Ho letto il libro anni fa e mi ha entusiasmato. L'autore, usando anche il linguaggio della matematica, ci svela perchè in tante occasioni la nostra vita è inaspettatamente rovinata da qualcosa che non ci aspettavamo. Ne consiglio vivamente la piacevole lettura.

  • User Icon

    Orazio

    17/01/2013 10:36:22

    Questa recensione sopra riportata, in effetti, ha anch'essa un limite. A ben riflettere, la trattazione di Cipolla, essendo un paradosso, implicitamente contiene quest'altro paradosso che i latini esprimevano con la formula Malum quidem nullum esse sine aliquo bono. Il fatto che la stupidità non sia sempre distruttiva e negativa, infatti, conferma la regola di Cipolla. Tant'è, che il suo grafico dei quattro gradi della legge (intelligenti, sprovveduti, banditi e stupidi) mostra le varie possibilità che possano esserci fra due estremi, uno positivo e uno negativo. Inoltre, dire "stupidità intelligente", è una conferma che la stupidità per definizione non può essere intelligente e quindi vantaggiosa, se non, e solo, come termine di confronto necessario col suo contrario.

  • User Icon

    giovanna

    13/07/2012 13:53:23

    da leggere e per alcuni da rileggere e sopratutto da regalare e diffondere.

  • User Icon

    Paolo Porcari

    22/05/2012 19:43:22

    Gustosissimo, il saggio "Le leggi fondamentali della stupidità umana" si legge tra una fermata e l'altra della metro ed il suo ricordo è indelebile. Sarcastica l'idea di riservare le pagine bianche di fine brossura alla compilazione del lettore, perché elenchi le persone di sua conoscenza, riconducibili al "terzo quadrante" (gli stupidi, appunto). Le pagine, peraltro, si rivelano subito ...insufficienti! Da consigliare e da regalare, sempre.

  • User Icon

    Klò

    13/02/2012 09:33:52

    Ironico,intelligente e divertente!Merita il voto di 5 e lode!Dopo averlo letto mi sento allegra .... ma non troppo!:-)

  • User Icon

    pierluigi

    15/12/2011 20:30:04

    troppo forte! peccato che si legga in una sera

  • User Icon

    Mario

    13/10/2008 01:10:28

    Un piccolo capolavoro di raffinata ironia che colpisce nel segno. Scritto da un illustre studioso che sa come approfondire un argomento appassionando e divertendo. Non può mancare in alcuna biblioteca. Gli intelligenti ne saranno entusiasti, gli stupidi non lo capiranno.

  • User Icon

    Paolo Pizzi

    03/10/2008 09:51:38

    Troppo serio per essere considerato comico, troppo comico per essere preso sul serio. Leggendo questo brevissimo saggio è inevitabile porsi delle domande: quale era l'intento dell'autore, cosa voleva dire con queste due brevi arringhe? Ma davvero bisognava comprendere le formule matematiche che descrivevano la stupidità umana? Davvero l'autore riteneva di poter ascrivere a qualche formula ogni comportamento irrazionale umano e davvero pensava che elaborandolo con le suddette formule, attraverso le leggi della matematica, si poteva esemplificare ogni sfumatura della mentalità umana con quattro o cinque fenotipi base? Che necessità c'era di quantificare la demenzialità in un doppio saggio che più che allegro è perplimente? Un libro di questo tipo se non è arricchito da numerosi aneddoti e buffi esempi, a corredo esplicativo della parte teorica, è amorfo e straniante. Invece di essere "allegro ma non troppo" il saggio, privo di sfumature comiche, diventa un delirio di pura teoria. Un delirio che si basa sulla soggettività e l'unilateralità di interpretazione con cui l'autore si arroga il dovere di farci comprendere la società umana. Leggermete meglio la parte relativa alla storia sociale ed economica del medioevo ma assolutamente troppo priva di mordente per definirla parodistica. In sostanza anche se l'autore di per sè è un abile scrittore dallo stile letterario scorrevole e talvolta accattivante, il libro risulta malgrado l'originalità di certi contenuti, oltremodo tedioso per l'eccessiva cruda schematicità della narrazione e per il forzato intellettualismo di cui tutta la narrazione è permeata.

  • User Icon

    Paolo

    01/07/2008 17:59:23

    Ho letto questo libro molti anni fa, e ne ho regalato più copie alle persone che mi stavano a cuore! Ho letto anche altri libri di C.M. Cipolla e li consiglio agli appassionati di storia. Era, e rimane, un mito!

  • User Icon

    Raffaele

    06/05/2008 11:13:17

    questo libro ha un'ironia sottile. Un libro molto intelligente. Peccato che è composto solo da un'ottantina di pagine.

Vedi tutte le 46 recensioni cliente
  • Carlo M. Cipolla Cover

    Storico, specializzato in storia economica. Ha una lunga carriera di insegnamento presso numerose università nazionali e internazionali. Tra le sue pubblicazioni, edite da Il Mulino, ricordiamo Tre storie extra vaganti, Miasmi e umori, Storia economica dell'Europa pre-industriale, Le avventure della lira, Cristofano e la peste. Approfondisci
Note legali