Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Amarcord

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 1973
Supporto: DVD

91° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Commedia

Salvato in 87 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibilità immediata

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (12 offerte da 7,80 €)

Rievocazione della Rimini agli inizi degli anni Trenta, attraverso le vicende parzialmente autobiografiche di un giovane.
4,6
di 5
Totale 10
5
9
4
0
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    giovanni3004

    08/01/2021 17:55:52

    Come otto e mezzo è nella mia collezione di DVD. Come otto e mezzo l'ho guardato tre volte prima di esprimermi. Pesante, noioso, non lascia nulla e non fa emozionare. Ci sono registi (Olmi ad esempio) che hanno saputo raccontare con gioia, leggerezza, pur toccando corde dolorose. Fellini per me finisce a I vitelloni e La dolce vita. E non me ne frega nulla se i critici lo osannano. I critici lodano Beuys ma a casa vorrebbero Van Gogh, si sperticano per la musica di Webern e poi ascoltano Mozart, scrivono peana per Borges e leggono Calvino. La grandezza e la bellezza sono semplici, riconoscibili a tutti (ovviamente interessati). Perché questi film non vanno mai in TV (neanche quelle a pagamento)? Perché non li guarda nessuno. Da Otto e mezzo in poi Fellini è per sé stesso, per chi si omologa al giudizio della critica e per chi vuole a tutti i costi trovare nascostissimi significati. Quando qualcosa ha bisogno di mille spiegazioni non funziona. Inizio della V di Beethoven, che vuoi spiegare? L'infinito di Leopardi? Idem. Fellini? Tenetevelo. Con Greenaway, Jodorowski e simili.

  • User Icon

    Ale

    13/11/2020 11:27:57

    Capolavoro Felliniano. Il restauro ridona luce e vita nuova a questa immortale pellicola.

  • User Icon

    lorena

    17/05/2020 15:25:22

    Bellissimo film del grande Federico Fellini. Capolavoro

  • User Icon

    roberto

    17/05/2020 08:31:04

    Uno spaccato della vita romagnola degli anni '30 in chiave leggera e ironica, ma anche a volte molto pungente e per farci riflettere cosa abbiamo perso o cosa è stato meglio perdere. Un racconto sui ricordi, un autobiografia del grande Fellini. Da brividi la voce del poeta Tonino Guerra: Amarcord, mi ricordo. Imperdibile per gli amanti di Fellini

  • User Icon

    santo

    31/03/2020 16:14:38

    bellissimo film,consiglio di vederlo!

  • User Icon

    Roberto

    20/08/2019 11:21:24

    Straordinario spaccato di una Italia che non c'è più. Meraviglioso

  • User Icon

    Maury

    01/08/2019 21:22:28

    Non posso commentarlo perchè cosa commento? Si commenta da solo. Per chi non lo avesse visto beh... guardatelo perchè è una pietra miliare del cinema italiano assieme a 8 e mezzo.

  • User Icon

    Gianluca

    25/07/2019 18:03:10

    Capolavoro mondiale di Fellini, tutti almeno 1 volta nella vita dovrebbero vederlo..nostalgico..cinema puro!

  • User Icon

    Ernesto

    09/10/2017 14:49:12

    Questa nuova edizione restaurata non c'è l'ho, ma mi tengo ben stretta la vecchia versione, quella a due dischi, tanto per intenderci, che poi così scandalosa non è, c'è in giro molto di peggio, ovviamente sto parlando di qualità d'immagine. E poi nel disco due ci sono interessanti inserti speciali, quindi perché rischiare. Per quanto riguarda il film, un capolavoro, la gioventù di Fellini in una Rimini goliardica agli inizi degli anni 30, dove tutto fa storia: il fascismo, la tabaccaia, il suonatore di fisarmonica ceco, "Gradisca", il "Rex", La "Millemiglia".

  • User Icon

    Geena

    19/10/2016 11:10:29

    Un capolavoro assoluto del Cinema di tutti i tempi. Meraviglioso e ghiottissimo affresco di una Rimini da sogno: La tabaccaia, la professoressa di storia dell'arte, la «Gradisca» Titta e la mitica Miranda (una Pupella Maggio di una bravura inaudita) e tanti altri hanno segnato la storia. Non mi stancherò mai di vederlo...

Vedi tutte le 10 recensioni cliente

Fellini e gli anni della sua infanzia

Trama
Amarcord in dialetto romagnolo (il dialetto di Fellini) vuol dire "mi ricordo", e il regista ricorda gli anni della sua infanzia, gli anni Trenta, al suo paese. Passano dunque i miti, i valori, il quotidiano di quel tempo: le parate fasciste, la scuola (con l'insegnante prosperosa che stuzzica i primi pensieri), la ragazza "che va con tutti", la prostituta sentimentale, la visita dell'emiro dalle cento mogli, lo zio perdigiorno che si fa mantenere, la Mille Miglia, i sogni ad occhi aperti, il papà antifascista che si fa riempire d'olio di ricino, il paese intero che in mare, sotto la luna, attende il passaggio del transatlantico Rex.

  • Produzione: Cristaldi Film, 2016
  • Distribuzione: Mustang
  • Note: Restauro realizzato da Cineteca di Bologna
  • Durata: 127 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: speciale: "Come spiegare l'Italia agli extraterrestri": interviste a Nicola Bassano, Gianfranco Miro Gori, Paolo Virzì e Goffredo Fofi
  • Federico Fellini Cover

    Federico Fellini cresce in una famiglia piccolo-borghese, la madre casalinga e il padre rappresentante di commercio di generi alimentari. Si iscrive al liceo classico di Rimini. Guadagna i primi soldi come caricaturista realizzando ritratti di attori celebri per il cinema Fulgor di Rimini. La sua attività di disegnatore e caricaturista continua anche negli anni successivi e gli frutta collaborazioni con giornali e riviste, tra cui la Domenica del Corriere e il settimanale fiorentino 420. Nel gennaio 1939 si trasferisce a Roma. Dice di volersi iscrivere alla facoltà di Giurisprudenza ma è solo una scusa perché in realtà è interessato al mondo dell'avanspettacolo e della radio. Conosce Aldo Fabrizi, Erminio Macario e Marcello Marchesi e comincia a scrivere... Approfondisci
  • Pupella Maggio Cover

    Nome d'arte di Giustina M., attrice italiana. Esordisce quando ha solo un anno nello spettacolo teatrale Pupa Movibile, guadagnandosi il nome di Pupella. Piccola, dai lineamenti marcati ma espressivi, nel 1954 entra nella compagnia di E. De Filippo e comincia ad assaporare il successo con personaggi come quello di Concetta in Natale in casa Cupiello, sfruttando la sua naturale verve nelle parti di «amorosa» nei drammi popolari. Lavora con V. De Sica, L. Visconti e F. Fellini in Amarcord (1973), nei panni della madre della protagonista. Approfondisci
Note legali