Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Img Top pdp Film
Salvato in 84 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Amarcord
12,08 € 12,99 €
Blu-ray
Venditore: IBS
+120 punti Effe
-7% 12,99 € 12,08 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,08 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
8,50 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
OCCHIO AL FILM
10,99 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
Vecosell
11,99 € + 4,10 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
KONKE
11,91 € + 4,99 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Juke Box
19,10 €
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,08 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
8,50 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
OCCHIO AL FILM
10,99 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
Vecosell
11,99 € + 4,10 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
KONKE
11,91 € + 4,99 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Juke Box
19,10 €
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Amarcord di Federico Fellini - Blu-ray
Amarcord di Federico Fellini - Blu-ray - 2
Chiudi

Descrizione


Rievocazione della Rimini agli inizi degli anni Trenta, attraverso le vicende parzialmente autobiografiche di un giovane.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

1973
Blu-ray
8057092014219

Informazioni aggiuntive

Cristaldi Film, 2016
Mustang
Restauro realizzato da Cineteca di Bologna
127 min
Italiano (DTS 5.1 HD);Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
Italiano; Italiano per non udenti
1,85:1
speciale: "Come spiegare l'Italia agli extraterrestri": interviste a Nicola Bassano, Gianfranco Miro Gori, Paolo Virzì e Goffredo Fofi

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(4)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(1)
Giovanni
Recensioni: 1/5
Fellini...

È Fellini, quindi bisogna dire che è bello, perché altrimenti si è tacciati di ignoranza cinematografica. Qualche critico grida al capolavoro e guai a dire o solo a pensare il contrario. Esattamente come i tagli nella tela di Lucio Fontana o i viraggi fotografici di A.W. che non sapeva neanche tenere una matita in mano. O le strisce di Rothko e l'orinatoio rovesciato di Duchamp. Ma mai e sottolineo mai ho trovato un appassionato di cinema intento alla visione di un film di Fellini da Otto e mezzo in poi e il 90% delle persone che ne parlano, se interrogate, dimostrano di non conoscere il film. Io lo detesto, come Otto e mezzo però possiedo entrambi i DVD e li ho visti più volte anche in compagnia per ascoltare pareri diversi e senza esprimere preventivamente alcuna opinione. Otto e mezzo è stato interrotto prima della fine in due occasioni, questo solo una, ma entrambi non sono piaciuti. Noiosi, senza vita, comprensibili solo al regista o a chi si affida a quanto possono dire i vari Mereghetti o Morandini di turno. Il paragone con la cosiddetta arte (?????) moderna si concretizza anche chiedendosi se un qualsiasi critico per casa sua sceglierebbe un bel taglio di Fontana o un Van Gogh o Chagall. Per non parlare di quanto volentieri si ascolta il Wozzeck di Alban Berg che è come una martellata sulle parti intime piuttosto che il Flauto Magico di Mozart o La Traviata di Verdi. Perché Fellini non viene passato nelle TV? Perché nessuno lo guarderebbe! Ma l'Italia non è un paese libero quindi guai a me che detesto Fellini che considero Bocelli un cantante da piano bar. Viva Vittorio De Sica, Rossellini, Ladri di Biciclette, I soliti ignoti e Monicelli. Viva chi sa raccontare, appassionare, commuovere, far ridere, far piangere, far vivere. Fellini? Nulla di questo, solo elucubrazioni e visioni. P.S. i Vitelloni e La Dolce Vita mi piacciono, come i quadri che Rothko faceva in gioventù. Poi hanno scelto la comodità...

Leggi di più Leggi di meno
xaka
Recensioni: 5/5

Film intimista e autobiografico del grande regista italiano Federico Fellini. Una Rimini ricostruita grazie ai suoi ricordi, con tutti i suoi personaggi strambi e le storie che hanno segnato la sua infanzia. Il titolo e' un'espressione romagnola che appunto significa "io mi ricordo". Consigliatissimo a tutti gli amanti di Fellini e a chi vuole scoprire le perle del nostro cinema

Leggi di più Leggi di meno
lupetto
Recensioni: 5/5

Considerato uno dei migliori film neorealisti ed uno dei più belli del regista, AMARCORD è il classico film italiano di stampo tragi-comico, dalle venature erotiche e di voce politica, ma a differenza dei film neorealisti tradizionali ciò che appare sullo schermo non è il presente ma un nostalgico passato.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(1)

Voce della critica

Trama
Amarcord in dialetto romagnolo (il dialetto di Fellini) vuol dire "mi ricordo", e il regista ricorda gli anni della sua infanzia, gli anni Trenta, al suo paese. Passano dunque i miti, i valori, il quotidiano di quel tempo: le parate fasciste, la scuola (con l'insegnante prosperosa che stuzzica i primi pensieri), la ragazza "che va con tutti", la prostituta sentimentale, la visita dell'emiro dalle cento mogli, lo zio perdigiorno che si fa mantenere, la Mille Miglia, i sogni ad occhi aperti, il papà antifascista che si fa riempire d'olio di ricino, il paese intero che in mare, sotto la luna, attende il passaggio del transatlantico Rex.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Federico Fellini

1920, Rimini

Federico Fellini cresce in una famiglia piccolo-borghese, la madre casalinga e il padre rappresentante di commercio di generi alimentari. Si iscrive al liceo classico di Rimini. Guadagna i primi soldi come caricaturista realizzando ritratti di attori celebri per il cinema Fulgor di Rimini. La sua attività di disegnatore e caricaturista continua anche negli anni successivi e gli frutta collaborazioni con giornali e riviste, tra cui la Domenica del Corriere e il settimanale fiorentino 420. Nel gennaio 1939 si trasferisce a Roma. Dice di volersi iscrivere alla facoltà di Giurisprudenza ma è solo una scusa perché in realtà è interessato al mondo dell'avanspettacolo e della radio. Conosce Aldo Fabrizi, Erminio Macario e Marcello Marchesi e comincia a scrivere...

Pupella Maggio

1910, Napoli

Nome d'arte di Giustina M., attrice italiana. Esordisce quando ha solo un anno nello spettacolo teatrale Pupa Movibile, guadagnandosi il nome di Pupella. Piccola, dai lineamenti marcati ma espressivi, nel 1954 entra nella compagnia di E. De Filippo e comincia ad assaporare il successo con personaggi come quello di Concetta in Natale in casa Cupiello, sfruttando la sua naturale verve nelle parti di «amorosa» nei drammi popolari. Lavora con V. De Sica, L. Visconti e F. Fellini in Amarcord (1973), nei panni della madre della protagonista.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore