American History X (Blu-ray)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Tony Kaye
Paese: Stati Uniti
Anno: 1998
Supporto: Blu-ray

50° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Drammatico

Salvato in 35 liste dei desideri

€ 6,99

Venduto e spedito da LIBRIAMO

Solo 1 prodotto disponibile

+ 4,99 € Spese di spedizione

Quantità:
Blu-ray

Altri venditori

Mostra tutti (10 offerte da 6,88 €)

In un tema in classe il giovane Danny tratta argomenti ispirati al 'Mein Kampf' e il preside Sweeney, per punirlo, lo obbliga a preparare una relazione sul fratello maggiore Derek. Quest'ultimo proprio quel giorno é uscito dal carcere dopo aver scontato alcuni anni per l'uccisione di due ragazzi neri che gli stavano rubando l'automobile. Quando si svolgevano quei fatti, Derek aveva il ruolo di leader di un gruppo giovanile paranazista che si riconosceva in Cameron, ideologo della violenza razzista contro ogni forma di diversità. Danny, che aspettava con ansia questo momento, vuole subito mettersi 'agli ordini' del fratello ma non sa che Derek in carcere ha riflettuto su se stesso e ha maturato la convinzione di voler cambiare vita.
4,67
di 5
Totale 3
5
2
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    ottantottomigliaorarie

    17/05/2020 15:09:45

    Il film racconta la storia di Derek Vinyard (Edward Norton), leader un gruppo di giovani neonazisti di Venice Beach, che viene scarcerato dopo aver scontato tre anni per l’omicidio di alcuni ragazzi di colore. La prigione ha cambiato profondamente il suo punto di vista, tanto da far sgretolare ogni castello ideologico che sino ad allora lui stesso riteneva incrollabile. Il susseguirsi degli eventi vedrà Derek prendere le distanze dai suoi ex seguaci ed impedire al fratello minore Danny (Edward Furlong) di intraprendere la sua vecchia strada. Il punto di vista narrativo è quello di Danny che, tramite l’utilizzo di flash back, descrive la follia del fratello, in un film capace di scavare profondamente nella psicologia umana e in come determinati pre-giudizi si trasmettano da una generazione all’altra. L’utilizzo del bianco e nero sembra voler enfatizzare l’odio dei protagonisti verso le persone di colore e la loro visione distopica e pressapochista del mondo. Un Edward Norton nel ruolo della vita che gli valse la candidatura agli oscar come miglior attore protagonista. Il film è girato con una tecnica ineccepibile, il montaggio e movimenti di macchina sono sempre efficaci e conditi con una colonna sonora magnifica. Diverse le scene emblematiche, ma senza dubbio quella dell’omicidio del ragazzo di colore è qualcosa di mostruoso, che rappresenta l’essenza di come il nazismo sia meschinità e cattiveria allo stato puro. Non stiamo però parlando di violenza gratuita ma di violenza sapientemente usata e sebbene a tratti il film si dimostri retorico, lo fa senza essere quasi mai scontato o melenso. Il film creò un notevole scalpore, sia tra i critici che nel pubblico, mettendo in scena tematiche ancora profondamente attuali e mai veramente risolte. Una forte critica al sistema americano, descrivendo un paese pericolosissimo e per nulla democratico.

  • User Icon

    livio macciò

    13/05/2020 16:30:24

    un film che insegna senza essere didascalico un bravo attore ed norton che con l'interpretazione riscatta un finale lievemente telefonato comunque da vedere

  • User Icon

    SabCat

    12/05/2020 19:33:09

    Il film esce adesso in blu ray, seppur vecchio di venti anni, se ne può apprezzare la sua potenza visiva e tematica. La storia è lineare, la redenzione di uno skinhead convinto che dopo aver ucciso un uomo di colore e aver passato tre anni in prigione, dovrà far capire al fratello minore, che nel frattempo sta seguendo la sua strada, gli errori che ha commesso. Nonostante qualche aspetto didascalico e qualche scelta del regista troppo semplicistica (Norton e Tony Kaye litigarono molto), il film è efficace e riesce nel suo intento, scuotere e condannare ogni forma di odio e razzismo. Quello che però, colpisce al cuore è l'interpretazione strepitosa e magistrale di Edward Norton, che regala agli spettatori uno dei ruoli più significativi probabilmente degli ultimi venti anni.

Trama

A Venice (Los Angeles) il giovane Derek (E. Norton) riacquista la libertà dopo tre anni di carcere per l'omicidio di due balordi neri che stavano per rubargli l'auto. Il fratello e gli amici, fanatici aderenti a un movimento neonazista, lo accolgono come un eroe, ma Derek è cambiato. Epilogo sanguinoso.

  • Produzione: Warner Bros, 2019
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 118 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Francese (Dolby Digital 5.1);Inglese (DTS HD 7.1.)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti; Inglese; Francese
  • Formato Schermo: 1.85:1
  • Edward Furlong Cover

    "Propr. E. Walter F., attore statunitense. Esordisce appena tredicenne in Terminator 2 - Il giorno del giudizio (1991) di J. Cameron, interpretando il ragazzino che, divenuto adulto, dovrà salvare l'umanità dalla guerra mortale contro i robot. Impostosi tra i ragazzi-prodigio hollywoodiani, gli vengono in seguito affidati ruoli di adolescente sensibile, che vive situazioni difficili (Little Odessa, 1994, di J. Gray; Prima e dopo, 1996, di B. Schroeder; American History X, 1998, di T. Kaye). Nel 2000 ottiene la migliore delle conferme in Animal Factory di S. Buscemi, in cui interpreta uno studente accusato di spaccio di droga e impegnato a difendersi nell'inferno delle carceri americane. L'anno dopo è il cavaliere inglese depositario del segreto della Sacra Sindone in I cavalieri che fecero... Approfondisci
  • Beverly D'Angelo Cover

    Attrice statunitense. Disegnatrice alla Hanna & Barbera, cantante folk e rock, attrice di teatro, dà prova del suo talento nel musical Hair (1979) di M. Forman e soprattutto in La ragazza di Nashville (1980) di M. Apted. Impegnata per lo più in commedie, da National Lampoon's Vacation (1983) di H. Ramis a Illuminata (1998) di J. Turturro, e occasionalmente in drammi, come Un amore, forse due (1991) di N. Jordan, stenta a imporsi come protagonista di prima grandezza. Approfondisci
Note legali