L' amore dura tre anni

Frédéric Beigbeder

Traduttore: A. Ferrero
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 15 gennaio 2013
Pagine: 139 p., Brossura
  • EAN: 9788807881046
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,32

€ 6,80

€ 8,00

Risparmi € 1,20 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Elena

    18/07/2007 22:15:15

    Piccole grandi verità in un piacevolissimo libro ..

  • User Icon

    Giampaolo

    08/07/2007 15:58:49

    Penso anch'io che rispetto a "Lire 26.900" sia un bel passo indietro. In realtà anche la trama è molto labile, più che altro Beigbeder si esercita a sparare ogni tanto qualche aforisma brillante e fulminante, che di per se stessi possono giustificare la lettura ma che non bastano a reggere il ritmo narrativo. Più che un romanzo, un manualetto per arrivare a scoprire che l'amore dura tre anni solo se ingabbiato da convenzioni e false sicurezze. Un po' poco.

  • User Icon

    Lucas

    09/01/2007 16:35:04

    Rispetto a "LIRE 26.900" un bel passo all'indietro. Non basta saper scrivere se si hanno solo idee confuse, ed in questo libriccino l'Autore non risulta certamente molto creativo. La sufficienza ottenuta è solo per "meriti" ottenuti con il precedente libro. Aspetto di leggere il prossimo per capire se Beigbeder sia un nuovo pregevole Scrittore o l'ennesimo Bluff.

  • User Icon

    ringhio

    01/10/2006 14:09:34

    ....che dire? un pilastro della mia biblioteca.... verità cementate su pagine ironiche e geniali, impossibile non approvare. Capisco chi lo ha stroncato, sono proprio gli ipocriti che beigbeder vuole smascherare...

  • User Icon

    una_certa_ragazza

    12/07/2006 19:42:59

    Il primo anno siete così innamorati da stupire voi stessi e decidete di sposarvi...il secondo la passione cede il posto alla tenerezza, ma difendete ancora con coraggio il vostro amore. Il terzo, non vi fate più problemi a corteggiare le belle ed "inesporate" ragazze e vi lasciate con vostra moglie. E' questo l'incipit dell'ultimo romanzo della trilogia di Frederic Beigbeder, pubblicitario parigino cinico e romantico. Marc Marronnier, alter ego dell'autore, sperimenta sulla propria pelle la fine di una storia d'amore, la fine del suo matrimonio, che è durato, appunto, tre anni. Da tale esperianza nasce la sua tesi, cinica e malinconica nello stesso tempo, che l'amore dura tre anni...proprio così, proprio come una scatoletta di tonno, anche l'amore ha una scadenza! Critica il mondo a cui egli stesso ha appartenuto per lungo tempo, il mondo del consumismo, dello snobbismo e dell'opportunismo. Soffre per la fine del suo matrimonio, ma al contempo si innamora di Alice, uno "struzzo" affascinate e determinato che terrà testa all'immaturità sentimentale del protagonista. Smentirà Marc la sua teoria? Questo romanzo aveva tutte le possibilità per essere un Grande Romanzo,ma il tema principale, come del resto tutta la narrazione, viene trattato in modo superficiale. Alcune "perle di saggezza seminate qua e la" nello svolgersi del racconto, non riescono comunque ad elevarlo di qualità. Eccessivamente scorrevole il suo stile di scrittura, non crea alcuna suspance o curiosità. Se avete qualche ora "da perdere" leggetelo pure, alcune parti sono anche comiche, ma non aspettatevi un Romanzo, "Frederic Marronnier" sarà pure un bravo pubblicitario, ma non uno Scrittore.

  • User Icon

    maria cristina

    27/05/2006 18:43:19

    Questo Frédéric Beigbeder, alias Marc Marronier, vuole incarnare certi aspetti dei nuovi maschi trentenni(speriamo la minoranza) sfornati dalle comodità e dal consumismo in cui sono scesciute le nostre ultime generazioni. Vittima del suo stesso narcisismo e della sua superficialità, l'inconsistenza dei valori e la labilità delle convinzioni lo fa sentire insicuro su tutto e morbosamente affamato d'amore, ma purtroppo inadeguato sia ad accoglierlo che a ricambiarlo come anelerebbe di saper fare. Il primo a divertirsi nel raccontare tutte le contraddizioni, le vigliaccate e le sregolatezze del suo antieroe é l'autore stesso: ma lo fa bene, con una buona dose di autocompatimento ironico che finisce per provocare la nostra simpatia, a dispetto di tutte le intemperanze che ci schiaffa sotto al naso, riuscendo a scandalizzarci e sedurci al tempo stesso. La lettura si snoda fluida fino all'epilogo, a cui lui giunge, dopo molto tergiversare, secondo me con scarso convincimento, quasi voglia riservarsi un ulteriore margine di ripensamento da sfruttare magari in un suo prossimo romanzo. Il libro si gusta piacevolmente se si affronta senza eccessive pretese, accettando anche di potersene dimenticare poco dopo la parola fine. Ma qualcuna delle "perle di saggezza" che lui semina lungo il percorso, si potrebbe anche raccoglierla e farne una collanina da tenere al collo....non si può mai sapere.

  • User Icon

    daniele

    25/02/2006 16:20:03

    lettura assolutamente piacevole e scorrevole, piena di vera improvvisazione ma anche di numerosi spunti per profonde riflessioni, autore assoultamente geniale e irriverente, il migliore dei suoi libri, per ora.. continua così!!

  • User Icon

    Amedeo Ferri

    15/09/2005 16:11:03

    Mi sento davvero molto imbarazzato nell'esprimere la mia stroncatura per questo libriccino e per questo autorino, dopo avere letto molti entusiastici peana da parte di altri lettori, ma non posso fare diversamente. Il racconto delle vicende umane di Marc Marronier da un punto di vista puramente letterario non mi lascia alcun segno: mezz'ora dopo avere terminato la lettura si prova soprattutto un grande sollievo per aver terminato un raccontino da due soldi, povero nei contenuti, ma ricco di quelle trivialità linguistiche che hanno il solo scopo di mascherare l'assoluto vuoto di idee di questo Beigbader. Da un punto di vista umano, invece, non si può che stigmatizzare lo stile di vita dissestato e dissennato di Marc Marronier, il protagonista, verso cui l'indulgente autore indugia con esplicito autocompiacimento. Un individuo cinico e senza valori, incapace di amore verso se stesso e perciò incapace di provare qualsivoglia forma di sentimento per chi gli sta accanto. Non vi è mai, in tutto il racconto, un solo momento di resipiscenza, di ricerca di percorsi meno materialisti e più umanisti. Se questo doveva essere l'inno all'homo eroticus, beh, si tratta di rime assai stonate.

  • User Icon

    candle

    04/08/2005 13:07:41

    Lettura scorrevole e piacevole, che non richiede grande impegno.

  • User Icon

    FILIPPO BENCIVELLI

    01/08/2005 15:06:24

    DIRE CHE LO SPECCHIO DELLA REALTA' E' CUSTODITO IN UN LIBRO SIGNIFICA RICONOSCERE ALLO SCRITTORE UN VALORE IMMENSO. NON CONDIVIDO ALCUNI ASPETTI CINICI E TEORIE ASSOLUTAMENTE DISSACRANTI DELL'AUTORE MA LA TRAMA, LO STILE, LA MINIMA CURA DEL DETTAGLIO STILISTICO FANNO DI QUESTO AUTORE UN PRODUTTORE DI CAPOLAVORI DI ATTUALITA' E SOCIOLOGIA UNICI NEL SUO GENERE. CONSIGLIO A CHIUNQUE PASSI PER I TRENT'ANNI UNA LETTURA DI QUESTO LIBRO.

  • User Icon

    L'aggiornalista

    11/03/2005 13:08:43

    Marc Marronier è un trentenne parigino disincantato che dopo lascia la moglie Anne per Alice dopo tre anni di matrimonio. Con Alice sarebbe tutto perfetto, dopo tanti sforzi, se non fosse radicata nel giovane pubblicitario troppo incline agli struggimenti la certezza che ogni amore allo scadere del terzo anno è destinato a morire. E tra momenti di felicità e ore di riflessioni schizofreniche la data di scadenza si avvicina... Questo libro, come la maggior parte di quelli che leggo, mi è venuto incontro in libreria. E' successo ieri. Dovevo prendere un treno. Ho scoperto troppo tardi che pur non essendo un eurostar necessitava di una prenotazione che non avevo e così, approfittando dell'ora che mi separava dal treno successivo, ho fatto una scappata alla Feltrinelli di Piazza Duomo a Milano. E il rosso della copertina mi ha attirata, assieme al titolo che mi sembra fin troppo ricco di speranza rispetto al mio presente sentimentale colpito a morte da una bomba! L'ho trovato piacevole così come si trova piacevole condividere le disgrazie. Un'attività da masochisti, insomma. Ma ricca di frasi ad effetto e di trovate carine, come l'elenco delle canzoni da ascoltare (con n ripetizioni) quando ci si vorrebbe buttare dalla finestra. Da April come she will di Simon & Gurfunkel (20 v.) a Sonata a Kreutzer di Beethoven (6.000 v.). Un difetto? Qualche errore di stampa di troppo!

  • User Icon

    Francesca

    26/02/2005 14:05:10

    Molto molto carino! Irriverente, sarcastico e pieno di frasette che fanno ridere, sorridere e riflettere...

  • User Icon

    Andy Torino

    14/12/2004 17:28:01

    Buona l'idea, inizio piacevole con anche molti spunti simpatici e divertenti, qualche passo molto ben scritto, ma...come in 26.900 lire, piuttosto superficiale, l'idea è di quelle che se approfondite potrebbero lasciare il segno, ma lo sviluppo non è all'altezza. Peccato.

  • User Icon

    max

    15/10/2004 05:09:49

    Ai mariti che portano giu' il povero cane alle 2 del mattino per incontrare la bella vicina di casa sulle scale dico di non indugiare e regalarsi questo libricino di Beigbeder. Vi chiederete quando avete confidato allo scrittore francese le vostre piu' intime fantasie e vi sentirete terrorizzati. Il risultato vi sorprendera',niente piu' cane.vi ritroverete di nuovo al primo anno, vostra moglie pensera' inizialmente che e' troppo bello per non essere il frutto del vostro rimorso ma alla fine apprezzara' e sarete entrambi trasportati indietro di 3 anni. Non poco per 8 Euro e 2 ore di lettura.

  • User Icon

    joymoon

    09/06/2004 14:06:27

    E' incredibile come un libro possa descrivere una storia, due persone, un'intera vita. Rimane un libro profondo, ma anche profondamente ironico. Situazioni di vita vissuta e di psicologia della schizofrenia attuale. E' vero all'inizio può far vacillare i valori dell'"amore eterno" ma Marc Marronier sa difendere quel sentimento che gli si radica nel cuore e si ostina a non andare più via. Da leggere nel pieno di una storia d'amore travagliata (ottimale se il patner è divorziato)

  • User Icon

    Gian

    24/03/2004 14:26:38

    Ho letto il libro e l'ho trovato molto molto leggibile ed ironico. Concordo con l'autore, anche se spesso l'amore dura tre anni perchè vogliamo farlo durare tre anni (qualcuno dice che sono fin troppi!!). Leggerò senz'altro anche il suo primo libro.

  • User Icon

    Chris

    17/02/2004 15:22:06

    Molto ironico ma concordo con la sua teoria. Forse non sono 3 anni ma certo che c'è una scadenza, l'amore non è eterno. Una lettura semplice e stimolante.

  • User Icon

    Giulia

    15/12/2003 12:43:47

    Un libro davvero piacevole ed interessante. Ero molto scettica leggendo il titolo...non concordo affatto con l'autore che l'amore duri tre anni. Leggendo il libro però ho ltrovato spunti di riflessione molto interessanti. In fin dei conti lo stesso Beigbeder, illustrando in modo molto scorrevole le cause di crisi e rotture che possono subentrare in un rapporto, ci offre gli strumenti per far sì che l'amore duri molto più a lungo di quanto sostiene lui. Comperatelo, non ve ne pentirete. Sono euro ben spesi. E buona lettura

  • User Icon

    Pupo

    04/09/2003 12:16:10

    Carino...una perfetta lettura da spiaggia. Tratta di emozioni in modo semplicistico, ma almeno dice la Sua. Vi diro', ho gia prenotato anche il suo primo libro...poi vi diro' com'e'.

  • User Icon

    Max

    17/08/2003 01:49:57

    Bel libro, l'ho acquistato incuriosito dal titolo, si è rivelato un ottimo acquisto. Lettura piacevole fà riflettere sui rapporti sentimentali e sulle reciproche aspettative di uomini e donne. Qualche intercalare un pò forte ma nel complesso una buona lettura con tanti spunti per riflettere.

Vedi tutte le 22 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione