Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Oscar Mondadori -20%
Salvato in 153 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Anatomia dell'irrequietezza
11,40 € 12,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+110 punti Effe
-5% 12,00 € 11,40 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Fernandez
12,00 € + 3,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Max 88
12,00 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
12,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
12,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Fernandez
12,00 € + 3,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Max 88
12,00 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
12,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
12,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Anatomia dell'irrequietezza - Bruce Chatwin - copertina
Chiudi

Descrizione


Si tratta di "un viaggio con Chatwin alla scoperta di Chatwin": forse mai come in questo libro (soprattutto nelle notizie autobiografiche e nella lettera al suo editore Tom Maschler) Chatwin è stato prossimo a rivelare che cosa stava al fondo del suo essere e della sua inquietudine di uccello migratore, devoto per istinto alla "alternativa nomadica". Ma perché il nomadismo può proporsi come alternativa alla cosiddetta civiltà? Le risposte si delineano di pagina in pagina attraverso scritti che abbracciano vent'anni di vita breve, intensa, errabonda, dal 1968 al 1987, e rispecchiano le varie incarnazioni di Chatwin: esperto d'arte e archeologo, giornalista, esploratore e narratore. Sono racconti brevi, storie e schizzi di viaggio, ritratti.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

3
2005
Tascabile
9 febbraio 2005
223 p., Brossura
9788845919480

Valutazioni e recensioni

4,22/5
Recensioni: 4/5
(7)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(3)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
selahtull
Recensioni: 5/5

Raccolta di racconti di viaggio di Chatwin con spunti di verità infarcite da una fervida fantasia. Nella sua anatomia si rivivono i suoi viaggi, l'interesse culturale per luoghi e persone, per l'arte e per gli infiniti modi di vivere che fanno pensare ad altrettante possibilità, lo studio quasi scientifico delle persone e delle loro abitudini e il nomadismo. Mi sono piaciuti molto i racconti su Axel Munthe e Curzio Malaparte e la parte sulla Patagonia.

Leggi di più Leggi di meno
Lorenzo
Recensioni: 4/5

Non si tratta né di un romanzo né di una narrazione odeporica come Via dei canti. Pubblicato postumo e curato non direttamente da Chatwin, il volume serve per rendersi conto della scrittura poliedrica dell'autore. Riporta quindi alcuni testi editi e altri inediti che parlano di viaggi, arte, letteratura e alcuni racconti. Bellissime le prime pagine autobiografiche e pure gli articoli su Capri e il piccolo saggio su Stevenson.

Leggi di più Leggi di meno
clouz
Recensioni: 4/5

Una raccolta di racconti dello stesso Chatwin che riescono a trasportarti nella mente dello scrittore e nella sua irrequietezza travolgente

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,22/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(3)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

La cosa migliore è camminare […]. Infatti, la vita è un viaggio attraverso un deserto.

Si può dire che in pochi abbiano vissuto l’istinto di girovagare con più intensità di questo giovane autore: la vita è un viaggio e Bruce Chatwin non ha nessuna intenzione di passarlo seduto “nella sua stanzetta’’. In Anatomia dell’irrequietezza, Chatwin affronta con molta franchezza la sua attrazione per l’alternativa nomade, conscio che ad ogni primavera sentirà il bisogno di partire e pronto ad accettare questa necessità.

Un vagabondo che ho incontrato una volta ha descritto benissimo la nostra involontaria coazione a girovagare: «È come se le correnti ti tirassero lungo la strada maestra. Io sono come la sterna artica, che vola avanti e indietro dal Polo Nord al Polo Sud».

Il titolo esprime perfettamente ciò che il lettore scoprirà attraverso queste storie e lettere, questi racconti brevi e schizzi di viaggio nei quali Chatwin si mette più a nudo che mai. Chi già lo conosce non potrà non pensare a quella sua irrequietezza che lo spinse impulsivamente nell’angolo più remoto del mondo avvisando con un laconico telegramma: “Sono andato in Patagonia’’.
Il volume raccoglie scritti che vanno dal 1968 al 1987, un periodo breve e intenso in una vita anch’essa breve.
I brani raccontano tante forme e prospettive della vita di Chatwin: esperto d’arte e archeologo, giornalista ed esploratore, narratore e critico letterario. Tutte, però, unite dallo stesso filo conduttore: l’horreur du domicile - ovvero il richiamo della via maestra, il bisogno di ripartire ogni volta, di spostarsi con le stagioni; di lasciare il piccolo studio ben ammobiliato di Londra e percorrere a piedi le strade polverose del mondo.
Così Anatomia dell’irrequietezza descrive l’istinto da uccello migratore del giovane Chatwin. Per coglierne tutta la ricchezza, al lettore sta solamente di non cedere all’irrequieta struttura del libro stesso.

Francesca Cassi

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Bruce Chatwin

1940, Sheffield

Scrittore e viaggiatore britannico, Bruce Chatwin è diventato celebre per i suoi racconti di viaggio. Dopo aver compiuto gli studi presso il Marlborough College, nello Wiltshire, inizia a lavorare presso la prestigiosa casa d'aste londinese Sotheby's, diventando in poco tempo uno dei più competenti esperti di arte impressionista. A ventisei anni abbandona il lavoro e s'iscrive all'università di Edimburgo per approfondire la sua passione per l'archeologia. Dopo gli studi inizia a viaggiare per lavoro: prima in Afghanistan, poi in Africa, dove sviluppa un forte interesse per i nomadi e il loro distacco dai possedimenti personali.Nel 1973 viene assunto dal «Sunday Times Magazine» come consulente per temi di arte e architettura. Questo nuovo impiego gli...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore