Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

L' anatomista - Diana Lama - ebook

L' anatomista

Diana Lama

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 824,26 KB
Pagine della versione a stampa: 501 p.
  • EAN: 9788854156425
Salvato in 6 liste dei desideri

€ 3,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

EDIZIONE SPECIALE: CONTIENE UN ESTRATTO DEL NUOVO ROMANZO

La signora del giallo italiano

Un'indagine della coppia investigativa Artemisia Gentile e Tito Jacopo Durso

Su uno scoglio del lungomare di Napoli viene ritrovato il corpo nudo e mutilato di una giovane donna. Un macabro rituale che ha già fatto più di una vittima.

Una squadra di profiler, guidata dallo psichiatra Tito Jacopo Durso, sta indagando sul caso ed è alla disperata ricerca di qualche indizio sull’assassino, ribattezzato dalla stampa come l’Anatomista. Alla sua équipe la polizia ha deciso di affiancare una psicologa, Artemisia Gentile, esperta nella cura di vittime di abusi e maltrattamenti.
Artemisia è una donna molto speciale: il suo passato nasconde un tremendo segreto, che la rende vulnerabile ma anche estremamente intuitiva. Mentre la Squadra brancola nel buio, sarà proprio lei a scoprire sui corpi delle vittime un inquietante messaggio lasciato dall’Anatomista. Un piccolo ma determinante particolare che le accomuna tutte. E quando l’assassino sequestra altre giovani donne, continuando a perseguire il suo raccapricciante disegno, Durso decide di usare proprio lei come esca.

L'unico modo per catturare un serial killer è imparare a pensare come lui...

I protagonisti:


TITO JACOPO DURSO . Psichiatra, esperto profiler. Intelligente, gelido. La sua vita è stata segnata da un’oscura tragedia familiare.

ARTEMISIA GENTILE . Psicologa, segue vittime di abusi e maltrattamenti. Anche nel suo passato ci sono fantasmi e ombre.

L’ANATOMISTA . Il bisturi è il suo pennello, le vittime il suo capolavoro.

«In controtendenza con i thriller d’oggi, dove detective succubi delle mode devono il loro successo alle più sofisticate tecniche di indagine [.], questo giallo fa perno sull’imperscrutabilità delle passioni.»
Antonio Debenedetti, Corriere della Sera


Diana Lama

Vive a Napoli, è medico specialista in Chirurgia del cuore e grossi vasi e lavora come ricercatrice universitaria. I suoi romanzi (Rossi come lei, Premio Alberto Tedeschi; Solo tra ragazze; La sirena sotto le alghe; Il circo delle meraviglie) sono tradotti in Francia, Germania, Russia e Canada. Ha pubblicato molti racconti, alcuni dei quali sono stati tradotti in USA e Gran Bretagna. Di recente una sua short story è stata pubblicata sul prestigioso «Ellery Queen Mystery Magazine». È fondatrice e presidente di Napolinoir, l’associazione dei giallisti napoletani, e creatrice del Premio letterario per ragazzi ParoleinGiallo.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,83
di 5
Totale 12
5
2
4
2
3
3
2
2
1
3
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    katia

    22/10/2015 16:58:36

    Ho adorato "Solo tra Ragazze" e anche se questo libro non è alla stessa altezza si legge bene. Poche indagini lo rendono molto inverosimile ma la tensione viene tenuta alta e l'interesse rimane sempre vivo

  • User Icon

    Francesca

    02/03/2015 22:09:28

    Un'occasione persa.Bella l'ambientazione napoletana che ne rende piacevole la lettura. Accurata la descrizione dei dettagli anatomici, soprattutto vista la formazione medica dell'autrice. La trama è da tipico thriller/splatter americano,anche se a volte è un pò forzata e spesso piena di inutili ingenuità.. Diverse cose sono inverosimili: assolutamente improbabile la squadra di profilers: oltre ad essere scarsamente delineati,con ruoli non chiari o inimmaginabili in una squadra simile (uno di loro ha una laurea in architettura ed una in filosofia?) non si capisce da chi prendano ordini, cosa facciano, che contributo reale diano all'indagine e chi siano..così come non si capisce chi sia "il giudice" che convoca la protagonista e da chi dipenda..punto per altro centrale per capire l'intera trama. Altrettanto inverosimili sono le situazioni in cui si ritrovano i personaggi, così come lo è lo sviluppo dell'indagine che porta all'assassino. Troppe casualità..troppe intuizioni... Peccato..

  • User Icon

    Luca

    06/11/2013 20:01:34

    Thriller niente male, carico di tensione e aspettativa fino alla fine, e non senza morbosità e colpi di scena; dall'altro lato due pecche, secondo me: troppa insistenza sul passato della protagonista, spesso in modo ripetitivo e a discapito dell'indagine, che di fatto latita (tutto si scopre quasi per caso, zero interrogatori o piste); il secondo aspetto negativo e' la vena di femminismo che e' presente, anche se in modo indiretto, Nello svolgersi dei fatti. Resta comunque un buon thriller.

  • User Icon

    Mario De Vivo

    02/11/2013 19:37:01

    Mi è sinceramente piaciuto, inoltre, siccome sono napoletano, ho senz'altro meglio potuto apprezzare le ambientazioni e la minuziosa descrizione dei vari siti. Il ritmo è veloce e la lettura scorre facilmente. La trama è intrigante anche se l'accostamento del nome del protagonista di un noir ad un pittore tormentato non è proprio una novità: viene subito alla mente il Bosch di Connelly... Insomma, tutto ottimo, solo che sembra un romanzo scritto da Donato Carrisi... La "somiglianza" di Mitzi alla Mila de "Il Suggeritore" è troppo evidente, per non parlare di altro! Non più di tre stelline per questo...

  • User Icon

    ilaria

    11/10/2013 15:32:25

    da quando scrivo recensioni su ibs non ho mai dato un voto così basso... mi dispiace perchè come thriller non è male, però i personaggi sono inverosimili e le storie dei singoli protagonisti sono assolutamente banali. Mi è sembrato di leggere un comune thriller americano, niente di veramente emozionante e il finale non mi ha stupito. anche per me è bocciato.

  • User Icon

    ferruccio

    30/06/2013 10:25:11

    Quali orrori può nascondere una caotica e grande metropoli? Terribili flashback non ancora del tutto rimossi, delitti atroci al limite della comprensione umana, una squadra variegata di investigatori d'eccellenza, una città che vive e supera i propri drammi quotidiani; sono questi gli ingredienti di un ottimo romanzo di cruda narrativa e dovizia di particolari che trascina il lettore in un vortice inatteso che sprofonda e supera i confini dell'inconcepibile.

  • User Icon

    Petra Devoti

    28/06/2013 13:30:02

    Assurdo, inverosimile, dalle prime pagine fino alla fine, e tanto disgustosamente splatter da sembrare a tratti ridicolo. Bocciato.

  • User Icon

    Gina

    25/06/2013 16:39:56

    non capisco il perché dei commenti precedenti. io mi sono molto divertita a leggere questo thriller!

  • User Icon

    MissPage

    25/06/2013 15:43:38

    Giallo con la G maiuscola per questa esperta che si conferma una fuori classe del genere! Ben pensati i personaggi di Tito Jacopo Durso e di Artemisia. Si apprezza tantissimo l'inventiva della Lama che lascia veramente di stucco il lettore! Non do il massimo punteggio perché in certe parti del racconto mi sono veramente impressionata.

  • User Icon

    Simona

    25/06/2013 15:34:44

    Primo libro anche per me della Lama e la voglia di comprarne altri è tanta. Una storia capace sia di lasciare con il fiato sospeso, sia di far ragionare moltissimo e in maniera divertente. La scrittrice riesce a sorprendere il lettore in continuazione e a non essere mai banale.

  • User Icon

    aliseo

    13/06/2013 14:33:26

    Questo e' il primo libro che leggo di questa scrittrice e l'ho trovato molto noioso,ripetitivo e inutilmente prolisso. Uno stile di scrittura che, secondo me, non carica di tensione e curiosita' ma innervosisce, spesso. Non lo consiglio.

  • User Icon

    milhous

    11/06/2013 10:14:26

    Posso apprezzare la buona volonta' dell'autrice ma devo dire che si tratta di un esperimento non riuscito. Non mi e' piaciuto niente di questo libro. Carta da riciclare. Soldi buttati.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente
  • Diana Lama Cover

    Diana Lama è medico, specializzata in Chirurgia Vascolare e dei grossi vasi. Professoressa universitaria, ecocardiografista, nonché titolare dell’insegnamento di Epidemiologia Geriatria alla Seconda Università di Napoli, nella quale lavora. Appassionata e collezionista di gialli fin dall'infanzia, è scrittrice prolificissima e vincitrice di numerosi premi. Nel 2003 ha fondato l'associazione "NapoliNoir", con l'obiettivo di valorizzare e diffondere il giallo napoletano; e dal 2009 organizza il Premio Letterario "ParoleInGiallo", per gli studenti. Le sue opere sono tradotte in Francia, Germania, Russia, Canada e Stati Uniti. Tra i suoi romanzi, ricordiamo Rossi come lei, scritto con Vincenzo De Falco e vincitore del Premio Tedeschi (Gialli Mondadori, 1995),... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali