Traduttore: A. Carbone
Editore: Corbaccio
Anno edizione: 2013
Pagine: 214 p., Rilegato
  • EAN: 9788863804584
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 8,20

€ 16,40

Risparmi € 8,20 (50%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ladymariane

    17/05/2014 18:31:11

    Letto e riletto, trito e ritrito ...inizio promettente, tutto il resto dejavu

  • User Icon

    Dj

    27/01/2014 11:07:15

    Bella l'idea, discreto il risultato. Un po' ripetitivo, un po' scopiazzato dai grandi gialli, un po' condito con vari streotipi. Passabile ma niente di più.

  • User Icon

    Manuela

    18/11/2013 12:56:10

    Un romanzo leggero, con personaggi particolari. C'è anche un pò di suspance che non guasta mai. A tratti prevedibile, si lascia leggere bene. Da non paragonare con Dieci Piccoli Indiani, però! Consigliato.

  • User Icon

    Maria66

    22/05/2013 17:54:11

    mi dispiace dare solo un 2 ... ma la storia non mi ha coinvolto

  • User Icon

    Stefania

    07/05/2013 15:01:00

    Spesso paragonato con il romanzo della Collins... io avrei preferito mantenesse il titolo originale: Isola. Il significato di Anger è "collera, rabbia, ira, malignità...". Vero. Troverete tutte queste caratteristiche, ma penso che il titolo originale mantenga meglio quell'alone di mistero che appartiene a questo posto sperduto in cui si svolge la trama del romanzo e abbia poco a che vedere con Hunger Games. Benché "Anger" sia rivolto prevalentemente ad un pubblico giovane, può essere ben gradito anche da un lettore più maturo; una lettura insolita per un sabato pomeriggio da suspense.

  • User Icon

    LadyAileen

    09/03/2013 22:19:41

    Stavolta l'autrice ha deciso di puntare sul thriller (nessun elemento soprannaturale) seguendo i canoni dell'enigma della camera chiusa in questo caso un'isola sorvegliata costantemente dalle telecamere (Dieci piccoli indiani?). Tutto ha inizio quando un famoso regista decide di dar vita ad un film ingaggiando 12 adolescenti e di lasciarli per tre settimane su un'isola brasiliana, all'inizio senza un copione poi parte un gioco ma presto diventerà qualcosa di molto pericoloso... La protagonista (scritto in prima persona) è senza dubbio Vera, una ragazza che non ha alcun interesse per il mondo dello spettacolo ma che ha scelto di partecipare per uno scopo ben preciso (si scoprirà nella seconda parte del libro, anche se è facilmente intuibile dai vari indizi). E' una ragazza taciturna, introversa e riesce ad esprimere i suoi sentimenti solo attraverso la danza (personaggio ben caratterizzato e risulta credibile). I dialoghi sono pochi e pertanto quasi tutto il romanzo è basato soprattutto su sensazioni ed emozioni di Vera. Oltre al suo punto di vista, c'è un altro soggetto non meglio identificato che fa sentire la sua presenza ma non ci è dato sapere chi sia e cosa abbia in mente. Il romanzo è come se fosse diviso a metà: la prima (l'ho trovata un po' troppo lenta per i miei gusti) è tutta dedicata alla presentazione dei personaggi, al gioco e alla cotta di Vera mentre la seconda parte è chiaramente incentrata sul thriller (decisamente più movimentata e scorrevole). Come accennato, non poteva mancare un risvolto romantico ma anche se tenero e innocente ma non mi ha entusiasmato (mi è sembrato poco credibile l'innamoramento della protagonista). Anche se, bisogna considerare che l'autrice ha preferito concentrarsi sul mistero (ammetto che ci sono stati dei colpi di scena intriganti e una tensione ben costruita).Un finale che non lascia l'amaro in bocca ma forse qualcuno avrebbe preferito qualcosa di diverso (e non posso dargli torto).

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione