Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Annus Mirabilis - Geraldine Brooks - copertina

Annus Mirabilis

Geraldine Brooks

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Francesca Diano
Editore: BEAT
Collana: BEAT
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 29 gennaio 2014
Pagine: 347 p., Brossura
  • EAN: 9788865590294
Salvato in 66 liste dei desideri

€ 8,55

€ 9,00
(-5%)

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibilità immediata

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Annus Mirabilis

Geraldine Brooks

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Annus Mirabilis

Geraldine Brooks

€ 9,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Annus Mirabilis

Geraldine Brooks

€ 9,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 8,55 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

È una mattina del 1666 a Eyam, un piccolo villaggio di montagna del Derbyshire, in Inghilterra, e nel cottage in cui vive, Anna Frith ha appena finito di allattare il piccolo Tom e di scrutare amorevolmente Jamie, che gioca da solo accanto al focolare. Anna si avvia verso la scala della soffitta, per raggiungere la stanza dove dorme Mr. Viccars. Dal giorno in cui Sam Frith se n'è andato, sepolto da una valanga nel giacimento di piombo in cui lavorava, è trascorso un inverno. In primavera, George Viccars è venuto a bussare alla porta del cottage in cerca d'un alloggio e Anna, vedova a diciotto anni con due bambini, ha pensato che l'avesse mandato Dio. Viccars è un sarto girovago, conosce Londra e York, l'intensa vita portuale di Plymouth e il traffico di pellegrini di Canterbury. Ed è gentile: ieri le ha fatto dono di un vestito di lana fine verde dorato. Perché però ora l'accoglie con strani gemiti? Anna entra nella stanzetta e per poco la brocca non le cade di mano. Il volto giovane e bello della sera precedente è scomparso. George Viccars giace con la testa spinta di lato da un rigonfiamento di carne lucida e pulsante. Così, nelle pagine di questo romanzo, la peste giunge a Eyam. Inaspettata e innocente eroina, Anna deve affrontare la morte nella sua famiglia, la disintegrazione della sua comunità e il pericolo di un amore illecito. L'Annus Horribilis della peste, però, è destinato a trasformarsi in un Annus Mirabilis, un anno di meraviglie...
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,47
di 5
Totale 53
5
35
4
10
3
5
2
3
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    carezzedicarta blog

    25/08/2020 12:37:28

    1666, è un "annus mirabilis", ovvero un anno in cui sono accaduti fatti straordinari, fuori dal comune e che rimangono impressi nella memoria. È l'anno in cui scoppia una violenta epidemia di peste in Inghilterra ed l'anno in cui Ann Frith, la protagonista del romanzo, si trova a vivere, al centro del l'epidemia. Ann perderà giovanissimo il maritoin un incidente in miniera, poi i suoi due figli per la peste, ma non perderà la sua forza, e la sua potente umanità. Un romanzo a tratti crudo e crudele che ci racconta un momento storico buio, aggravato da malattie e povertà, oscurato da superstizioni e stregoneria e appesantito da infanzia stroncate, ma illuminato da personaggi come Ann che eroica ente vivono succhiando la meravigliosità della vita anche quando non si vede. Annus mirabilis è un romanzo che non si vuole terminare, Ann è un personaggio che non si vuole lasciar andar via. Sul blog se vi va un piccolo approfondimento.

  • User Icon

    fabio24k

    12/08/2020 22:27:14

    Libro leggibile, tuttavia le inesattezza storiche contenute lo rendono poco credibile come romanzo storico; è inaccettabile che personaggio contadino del 600 possa parlare letteralmente di “microrganismi” (scoperti circa 200 anni dopo) o comportarsi da epidemiologo consumato. Anacronistico

  • User Icon

    franca

    29/06/2020 09:44:32

    Bellissimo.. Intenso, tragico.. Indimenticabile! Anna è una donna molto provata, ma forte e coraggiosa, la si ama fin dal primo istante... Una storia bellissima...

  • User Icon

    mariagrazia

    11/05/2020 13:04:30

    Per quanto riguarda volevo dire che nonostante l'abbia letto appena pubblicato mi è rimasto nel cuore ed è un libro che consiglio di leggere in questo momento particolare che stiamo vivendo. Emozionante,vi assicuro che vi rimarrà impresso nel vostro cuore

  • User Icon

    Anto

    25/09/2019 08:51:41

    Ad eccezione del finale, che rappresenta la nota stonata del romanzo, la storia riesce a coinvolgere toccando le corde dell'animo umano. La lettura è sicuramente consigliabile a chi apprezza l'ambientazione storica senza disdegnare un viaggio più intimo nella psiche della protagonista, che compie un percorso di crescita e trasformazione difficile quanto doloroso.

  • User Icon

    Roberta

    09/09/2019 17:50:57

    Letto anni fa, ma lo ricordo ancora con passione. Amo il romanzo storico e direi che mi accontentò in tutto. Trama, ambienti, periodo storico e personaggi. La storia poi è struggente. Bellissimo.

  • User Icon

    Francesca B.

    10/11/2018 10:47:57

    Morti per la peste inseriti all'interno di famiglie numerose e di madri che morivano di parto. La protagonista Anna cercherà di far capire che serve la medicina e non le credenze o erbe. Interessante questo aspetto religioso. Drammatico ma bello.

  • User Icon

    Noemi

    19/09/2018 12:22:04

    E uno di quei libri che la sera non vi fa andare a dormire....si inizia e non si smette di leggere finché non è finito!!

  • User Icon

    Georgia

    29/01/2017 20:41:19

    Un romanzo imprevedibile. Si apre con la situazione attuale per poi utilizzare il flashback narrativo. La prima parte è dedicata alla presentazione dei personaggi del villaggio di Eyam. Conosciamo subito la storia di Anna Frith, una giovane ragazza madre, ma anche vedova. Conosciamo la sua storia personale, la sua infanzia e conosciamo anche il suo ospite: George Viccars, un sarto di Londra che sarà il portatore della peste nel piccolo villaggio. Il rettore Michael Montpellion, che è una sorta di sindaco del villaggio, prende una decisione importante : mettere il villaggio in quarantena e proibire l'importazione o l'esportazione DIRETTA di merci e degli abitanti di Eyam. Da questo momento in poi inizia la parte di mezzo, dedicata al modo in cui il rettore, la moglie Elinor e la domestica Anna Frith (che è appunto la voce narrante) devono prendersi cura degli abitanti. Si susseguono quindi moltissime vicende, la storia di tante famiglie affette dalla peste, i lutti che devono sopportare, le ribellioni degli abitanti, accuse di stregoneria. L'unico punto che voglio criticare di questo libro: la fine. Un finale che stona con la trama principale; prende una piega da 50 sfumature, ma sconvolge di più ciò che accade subito dopo: una trama molto velocizzata, (magari qualche spunto per un nuovo libro che la scrittrice ha deciso fosse meglio inserire proprio in questo romanzo). Consiglio questa lettura comunque, peccato per il finale non degno per Anna Frith. E' da 5 stelle, ma per il finale gliene tolgo una.

  • User Icon

    Georgia

    29/01/2017 20:40:19

    Un romanzo imprevedibile. Si apre con la situazione attuale per poi utilizzare il flashback narrativo. La prima parte è dedicata alla presentazione dei personaggi del villaggio di Eyam. Conosciamo subito la storia di Anna Frith, una giovane ragazza madre, ma anche vedova. Conosciamo la sua storia personale, la sua infanzia e conosciamo anche il suo ospite: George Viccars, un sarto di Londra che sarà il portatore della peste nel piccolo villaggio. Il rettore Michael Montpellion, che è una sorta di sindaco del villaggio, prende una decisione importante : mettere il villaggio in quarantena e proibire l'importazione o l'esportazione DIRETTA di merci e degli abitanti di Eyam. Da questo momento in poi inizia la parte di mezzo, dedicata al modo in cui il rettore, la moglie Elinor e la domestica Anna Frith (che è appunto la voce narrante) devono prendersi cura degli abitanti. Si susseguono quindi moltissime vicende, la storia di tante famiglie affette dalla peste, i lutti che devono sopportare, le ribellioni degli abitanti, accuse di stregoneria. L'unico punto che voglio criticare di questo libro: la fine. Un finale che stona con la trama principale; prende una piega da 50 sfumature, ma sconvolge di più ciò che accade subito dopo: una trama molto velocizzata, (magari qualche spunto per un nuovo libro che la scrittrice ha deciso fosse meglio inserire proprio in questo romanzo). Consiglio questa lettura comunque, peccato per il finale non degno per Anna Frith. E' da 5 stelle, ma per il finale gliene tolgo una.

  • User Icon

    sara

    10/08/2016 15:15:05

    Un libro che mi resterà nel cuore! Davvero indimenticabile per l'intensità con cui è stato scritto, per la drammaticità del periodo storico,i personaggi così ben definiti e il meraviglioso finale che ti lascia trasognante. Consiglio vivamente di leggerlo anche perchè non ci metterete molto; quando si inizia è difficile smettere.

  • User Icon

    Sweetbetbet

    09/06/2014 15:46:08

    Un bel romanzo,struggente e crudele quanto dev esserne uno che tratta di quest argomento.ho apprezzato le descrizioni delle usanze e dei luoghi,degl odori e delle sensazioni evocate....ma....ma...il finale!terribile!veloce,banale,nn c'entra nulla e ha lasciato l amaro.sembra buttato li,senza connessione e distante dal resto.concordo con chi dice che reggeva benissimo senza tal cosa

  • User Icon

    Francesca

    07/02/2014 22:13:59

    Romanzo che si ispira alla storia vera di Eyam, paese del Derbyshire, ricordato come Villaggio della peste. L'epidemia viene vissuta dalla protagonista, Anna, con dignitoso coraggio e tenacia. Desolazione, morte, superstizione, disperazione si contrappongono alla speranza della rinascita e all'amore. Lettura nel complesso scorrevole e piacevole nonostante il tema non di certo leggero.

  • User Icon

    Yaris

    08/04/2013 14:45:49

    Un buon romanzo ambientato in un'epoca particolare, in un contesto particolare, a cui non si poteva chiedere niente di diverso da quello che è. La peste è la peste, e narrare il sacrificio di un villaggio che accetta la quarantena volontaria pur di non contagiare il resto del paese significa purtroppo concedere l'onnipresenza ai cadaveri, rischiando inevitabilmente di trasformare ogni capitolo in un elenco di morti a un ritmo incalzante, troppo persino per descriverle. E infatti non è questo che mi ha turbato, né deluso: un po' me l'aspettavo. Ciò che mi ha davvero sconvolto, ciò che ha sconvolto la mia mente divoratrice di romanzi storici e il mio cuore innamorato di romanzi storici - per definizione quindi realistici, o quantomeno verosimili - è il finale. Un finale banale, semplicistico, smielato, assolutamente inverosimile, degno di una favola per bambini scritta neanche troppo bene. Perché, mi chiedo, perché rovinare un romanzo che fino a tre pagine dalla fine si reggeva tranquillamente sulle sue gambe? Il linguaggio articolato, quasi lirico con cui l'autrice srotolava i suoi argomenti lo rendeva particolare, interessante, persino commovente... ma il finale no. Mi ha deluso tremendamente, sembra quasi che la Brooks non avesse tempo o voglia di inventarsi qualcosa di meglio. Mi aspettavo di più, lo confesso, da un romanzo che aveva ricevuto così tanti commenti positivi. Non mi sento di sconsigliarlo, ma sul finale vi ho avvertito...

  • User Icon

    Lorso57

    28/11/2012 19:12:22

    Non mi ha appassionato. Dopo un inizio promettente assistiamo ad una triste sequela di lutti che culmina con un inaspettato finale in rosa alquanto improbabile. Deludente e sopravvalutato.

  • User Icon

    annalisa

    12/09/2012 14:20:18

    meraviglioso...nonostante l'infinita tristezza dell'argomento il libro è stupendo. assolutamente da leggere

  • User Icon

    mara

    11/09/2012 12:38:36

    Chi mi ha preceduto nel commentare questo libro ha già detto tutto quello che avrei voluto direi io. Libro bellissimo e intenso, misurato, senza cadere nei facili stereotipi che l'argomento poteva suggerire. Da leggere assolutamente!

  • User Icon

    dani70

    20/06/2012 20:19:06

    Un piccolo capolavoro, da leggere e rileggere. La scrittura è molto semplice, ma allo stesso tempo avvincente e coinvolgente. I personaggi ed i paesaggi sono ben descritti e sembra di vivere con loro. Da ammirare il coraggio di Anna, e io ho apprezzato anche il finale!

  • User Icon

    Valeria

    25/11/2011 12:02:27

    Molto bello! Descrive la peste meglio del Manzoni. Al di là della trama ha amato molto lo stile di scrittura che descrive nei minimi dettagli i sentimenti dei protagonisti. Brava! Cercherò altri libri suoi.

  • User Icon

    Lady Libro

    25/06/2011 17:31:57

    Credo che questo sia uno dei migliori libri al mondo. L'ho trovato alquanto stupendo, scritto molto bene, coinvolgente e avvincente. In "Annus mirabilis" le protagoniste sono due: la prima è la peste, una malattia assai diffusa e pericolosa nei secoli passati: arriva, rimane e se ne va come, quando e dove vuole come un viaggiatore indesiderato e non annunciato. Una piaga senza confini, portatrice di morte, dolore e tanta sofferenza che colpisce indistintamente tutti coloro che incontra sul suo macabro e rapido cammino: buoni e cattivi, innocenti e colpevoli, giusti ed ingiusti, bambini, donne, uomini e anziani che, ormai sopraffatti dalla paura, dal dolore e da una speranza svanita del tutto, precipitano nel baratro della superstizione, della pazzia e del terrore. C'è chi scappa tentando di salvarsi, chi si rassegna rimanendo e aspettando inesorabilmente la propria fine, chi si approfitta del dolore altrui ingannando le persone o addirittura sfruttandole, chi prova a salvare i moribondi e i sopravvissuti con preghiere, incoraggiamenti o rimedi medicamentosi, ma la peste ormai si è stabilita lì e nessuno può più scacciarla via. Questo "personaggio" apparentemente sembra soltanto lo sfondo dell'intera vicenda, ma in realtà, leggendo il libro, si capisce immediatamente che è più presente di quanto uno pensi, forse persino più reale della realtà stessa. La seconda protagonista è Anna Frith, domestica di Michael Mompellion, parroco del villaggio inglese di Eyam dove la peste regna incontrastata nell'anno del Signore 1666: questa ragazza vedova di appena diciotto anni con due figli, è costretta ad assistere impotente alla perdita di tutto ciò che ama, alla distruzione della sua famiglia, dei suoi amici, vicini e compaesani. Nonostante l'immane sofferenza e il dolore provati da lei e da tutti gli altri che soffrono o meno, Anna non perde neanche per un istante il coraggio e la forza di andare avanti e prodigarsi per gli altri nelle cure... Libro consigliatissimo!!

  • User Icon

    Laura

    09/09/2008 23:23:32

    Un libro da amare. Per tutta la durata della lettura ho vissuto con i protagonisti e ho provato le stesse sensazioni. Da leggere e consigliare. Un'ottima lettura!

  • User Icon

    MonicaG

    04/10/2006 13:56:03

    DA LEGGERE: i commenti precedenti a questo hanno desritto già bene la trama del romanzo, mi limito a commentare ulteriormente in modo molto positivo questo splendido libro.

  • User Icon

    Stefy SGM

    02/09/2006 14:47:39

    Ottima scrittrice, ha saputo narrare con delicatezza e, a tratti, crudeltà, la peste del 1600. Belle anche le descrizioni dei paesaggi.

  • User Icon

    isabella

    13/06/2005 10:30:06

    Bella scrittura e traduzione. Romanzo scorrevole che si legge tutto di un fiato,il finale mi è sembrato un po' troppo "da film" Comunque letto molto volentieri

  • User Icon

    serafino

    02/06/2005 20:35:46

    Anna è la donna che vorresti avere accanto curiosa e determinata nel cercare "il domani". Vedi i colori con i suoi ochi, senti il dolore con il suo cuore, hai le speranze che sono nella sua mente. Un libro che non dimenticherò facilmente. grazie Geraldine

  • User Icon

    simona75

    30/05/2005 17:44:31

    Grazie ai lettori di ibs! Alla ricerca di qualcosa di interessante, navigavo tra titoli, autori e recensioni. Mi sono imbattuta per caso in questo libro e ne è valsa veramente la pena!

  • User Icon

    pandora

    30/05/2005 17:33:21

    Interessante e ben scritto, anche se sono frequenti le ripetizioni. l'epilogo mi è sembrato un pochino stravagante ma lo definirei comunque un buon libro.

  • User Icon

    Maristella

    22/05/2005 13:06:55

    Un romanzo di fantasia che si inspira alla vera storia del villaggio di Eyam nel Derbyshire,noto come "Il villaggio della peste". Molti personaggi portano addirittura il nome di alcuni dei veri abitanti di allora e molti fatti sono tratti da notizie ampiamente documentate e conservate negli archivi storici del luogo. Ne consegue un bel profilo della vita di allora con particolari anch'essi documentati,della vita ecclesiale,delle antiche nozioni mediche ed erboristiche e anche delle pratiche di stregoneria. Su tutte le figure,fa spicco la figura di Anna,l'eroina del romanzo,che come tanti altri suoi simili,dovrà affrontare la perdita della sua famiglia,degli amici,dei vicini ma conservando l'integrita' del suo essere e del suo esistere,potra' aspirare ad una nuova resurrezione ricominciando una vita diversa lontano dalla sua terra lacerata. E' un libro di coraggio e di tremende incertezze,un libro di morte e di vita,di gioia e di dolore,di apparenza e di essenza. Sicuramente da leggere oltre che per il risvolto storico oltremodo interessante anche per l'esito e la traccia che calamita' come questa, possono incidere nel l'animo umano.

  • User Icon

    Claudia

    14/04/2005 14:20:37

    L'ho comprato perchè affascinata dalla copertina..... non mi ha delusa!!! Davvero un gran bel romanzo!

  • User Icon

    simona

    06/04/2005 17:03:52

    ho cominciato a leggerlo l'estate scorsa sotto consiglio di mia madre e me lo sono divorato. forse uno dei migliori libri che abbia mai letto. il più toccante, il più affascinante...può anche essere considerato un libro-documento, ma credetemi la storia,vista dagli occhi della protagonista, è così accurata, ricca e dettagliata...un capolavoro.

Vedi tutte le 53 recensioni cliente
  • Geraldine Brooks Cover

    Geraldine Brooks (1955) è cresciuta nella periferia di Sydney e ha frequentato il Bethlehem College Ashfield e l'Università di Sydney. Ha lavorato come reporter per il "Sydney Morning Herald" e, dopo un master in giornalismo, per il "Wall Street Journal", dove si occupò delle crisi in Medio Oriente, in Africa e nei Balcani. Nel 1990 ottenne il premio Overseas Press Club per il miglior reportage sulla Guerra del Golfo. In seguito lavorò anche per il "New York Times" e per il "Washington Post", sempre come corrispondente di guerra.Nel 1994 ha pubblicato il suo primo libro, Padrone del desiderio: L'universo nascosto delle donne musulmane (Sperling & Kupfer, 1998). Del 1997 è Padrona del mio destino (Sperling &... Approfondisci
Note legali
Chiudi