Traduttore: C. Marinelli
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
In commercio dal: 29 marzo 2012
Pagine: 415 p., Brossura
  • EAN: 9788850227730
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Ha trent'anni. È un avvocato. Vive in una cittadina della Galizia, in Spagna. Come tutti, apprende la notizia dalla televisione: in una piccola repubblica del Caucaso, un gruppo di guerriglieri ha preso d'assalto una base militare russa. Un "normale" atto terroristico in una delle zone più turbolente e instabili del pianeta? Così sembra. Ben presto, però, s'insinua il sospetto che sia successo qualcosa di più grave. Qualcosa che non può essere controllato. Un'esplosione atomica? Un virus? Tra lo sconcerto generale, la Russia annuncia la chiusura delle proprie frontiere e, nel giro di pochi giorni, tutti i Paesi dell'Unione Europea fanno lo stesso. Poi intere città vengono isolate e messe in quarantena. Poi entra in vigore la legge marziale. Ma è tutto inutile. Ormai niente è più come prima. Non c'è elettricità, manca l'acqua potabile, la benzina è finita, gli scaffali dei negozi sono vuoti. Nessun uomo gira per le strade. Perché chi lo fa non è più un uomo. È diventato uno zombie. Ha trent'anni. È un avvocato. Vive in una cittadina della Galizia, in Spagna. E forse è l'unico sopravvissuto all'Apocalisse Z...

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    elisa

    21/09/2018 19:04:04

    Ho letto d'un fiato tutta la trilogia. La storia è inverosimile, ma i personaggi sono adorabili (specie il gatto Lucullo...) e la scrittura scorrevole e avvincente. Peccato che in Italia questo autore galiziano sia così poco tradotto

  • User Icon

    Monica

    23/12/2017 14:01:44

    Mi intriga l'argomento zombie, dopo tanti film ho deciso di avvicinarmi ai libri che trattano l'argomento iniziando da questa trilogia. E' un diario di un ragazzo trentenne spagnolo che vive in prima persona l'inizio dell'apocalisse e che ne parla attraverso un blog nel web.... fino a che la rete resiste, per trasferirsi poi su carta nel momento in cui tutto sembra perduto. Arrivi alla fine del libro in un soffio, incuriosita e presa dagli eventi. Finisci per chiederti, ma se accadesse davvero, io chi sarei fra i personaggi che via via vengono raccontati? Uno dei primi zombie....oppure uno di quelli che lottano per la sopravvivenza in modi anche del tutto non proprio legittimi? Chissà.... ;)

  • User Icon

    isabella

    18/02/2016 11:42:26

    Meraviglioso, coinvolgente, dopo il primo non si può smettere, bisogna per forza leggerli tutti e tre!! Consigliatissimo

  • User Icon

    elisa

    27/10/2015 22:22:17

    Ho letto d'un fiato tutta le trilogia pur non essendo appasionata del genere horror. I personaggi sono vivi, la trama è ben costruita e mantiene costante la curiosità e la tensione.I tratti 'spagnoli' sono un elemento di forza e originalità. Adesso che ho finito la lettura mi mancherà (soprattutto il gatto Lucullo.... Spero che vengano tradotti presto gli altri romanzi di Loureiro.

  • User Icon

    Giulia

    27/08/2015 19:15:11

    Il miglior libro mai letto tema zombie! Sognato scene del libro per settimane, e ancora adesso a distanza di qualche anno continuo a sognarlo.

  • User Icon

    la strega

    16/03/2014 15:51:44

    a me è piaciuto molto. come già detto da altri è risultato piuttosto credibile e realistico. ti affezioni al personaggio e al suo gatto e sei con loro in ogni avventura. lo stile se pur acerbo a me è risultato gradito.

  • User Icon

    daniele

    20/01/2014 18:40:01

    Bel libro post apocalittico.Una cosa che mi ha davvero preso è il fatto che l'autore sembra abbia davvero vissuto quello che ha scritto in prima persona.Molto reale e brutale.

  • User Icon

    Lombardi Dario

    02/01/2014 11:01:09

    Semplicemente il miglior libro zombesco mai letto; Questi sono gli zombi che piacciono a me: lenti, goffi, impacciati ma molto molto cattivi, gli zombi di Romero per intenderci, non quelle cavolate stile Resident Evil. Per chi ama il genere è super consigliato e consiglio anche la trilogia seppur il secondo libro non sia al livello di questo e del capitolo finale. Capolavoro del genere con tanta tanta suspence!

  • User Icon

    Ross

    06/06/2013 11:40:41

    A me il libro è piaciuto molto, ma devo anche ammettere che mi piace il genere, comunque l'ho trovato originale (nella forma narrativa scelta: un diario), ben scritto e il ritmo serrato mi ha tenuta incollata (per quanto possibile) alle pagine, finché non l'ho finito - mi è piaciuta persino la presenza di Lucullo e il suo significato per il protagonista. La parte relativa all'ospedale...ottima!. Non sono assolutamente d'accordo con chi critica le capacità narrative e tecniche dell'autore (ma ognuno ha i suoi gusti e le sue ragioni). Leggerò sicuramente il seguito (se esiste) e lo consiglio vivamente (ma sempre a chi ama il genere).

  • User Icon

    Daniele

    31/05/2013 19:39:32

    Premetto che non sono un amante del genere horror - zombie e simili. Mi sono imbattuto in questo libro per caso, dopo aver letto (incuriosito per l'imminente uscita del film) Word War Z di Max Brooks. Ammetto che è stata una vera sorpresa! Il libro è molto piacevole, scorre veloce e intenso, le quattrocento pagine non si "sentono" affatto. A tratti è veramente appassionante. L'autore è stato molto efficace, a mio parere, nel creare un'atmosfera di crescente inquietudine (molto bella la prima parte, che descrive il lento ma inarrestabile disfacimento della nostra società) e a descrivere scene claustrofobiche (il porto e l'ospedale). Mi piace anche la narrazione del senso di solitudine e della progressiva disumanizzazione del protagonista che non è affatto l'eroe che va in giro a spaccare teste, ma è un essere molto umano e fragile. Qua e là c'è magari qualche caduta in qualche stereotipo del genere o qualche ingenuità narrativa. Ma nel complesso non disturbano e sono scusabili, trattandosi di un'opera prima. Ciascuno di noi potrebbe criticare qualche aspetto del libro (io, ad esempio, non capisco perché l'autore ha voluto inserire tra i personaggi un gatto, tra l'altro veramente poco credibile), però non concordo con chi critica lo stile narrativo, che non è affatto povero o elementare. E un libro ben scritto. Insomma: consigliassimo. Io leggerò anche il seguito.

  • User Icon

    assur76

    24/05/2013 08:46:01

    ATTENZIONE!!! Può creare dipendenza.

  • User Icon

    Gondrano

    11/04/2013 12:30:14

    Primo capitolo di una lunga storia in cui si parla di zombi. Niente male, soprattutto le fasi iniziali in cui si descrive l'inizio della fine in modo molto realistico e "credibile".

  • User Icon

    Niccolò

    30/01/2013 23:31:25

    Molto carino. Si legge bene e velocemente. Non un capolavoro di letteratura assolutamente, ma quello che uno può cercare in un romanzo horror da leggere prima di andare a letto. Tante trovate carine. Una storia sufficientemente congruente. Un gatto simpatico. Qualche scena particolarmente efficace. Un clima claustrofobico. Insomma: 5/5 nel suo genere. Chiaro che se uno lo paragona a "i Malavoglia", passa a uno!

  • User Icon

    oreste

    20/10/2012 14:29:30

    Non è possibile criticare un capolavoro del genere... peccato solo che il terzo volume della saga non sia uscito in italia e non si sappia ancora nulla a riguardo... SE POTESSI METTEREI 6 SU 5 !

  • User Icon

    oreste

    20/10/2012 14:29:10

    stupendo !!!!!! ti tiene incollato alla sedia e non smetti più di leggere....

  • User Icon

    Alessandro

    01/09/2012 02:04:47

    Beh che dire....da amante dei teneri zombie, e' il primo libro del genere che ho letto, dire che e' eccezionale e' poco, i protagonisti sono ben caratterizzati, lui non e' il classico eroe coraggioso e macho, tutto pallottole e muscoli, anzi e' un imbranato semi-nerd che si trova di punto in bianco a dover lottare per difendere la sua vita e quella del suo gatto da un mondo che di punto in bianco si trasforma in un inferno, fortunatamente trova lungo la strada un amico fidato e fedele di nome Viktor "Prit" per gli amici, un tipetto piccolo e di poche parole ma estremamente risoluto....il libro si legge d'un fiato,non e' uno splatter, le ambientazione sono ottime , la storia e' varia, i pericoli non vengono solo dai non-morti e la trama non e' cosi' scontata. Mentre leggevo riuscivo a immaginarmi perfettamente gli ambienti e gli stati d'animo in cui si trovava il protagonista...La storia mi ha preso talmente tanto che mercoledi' sera dovevo uscire con gli amici, ma ho rimandato perche' dovevo sapere assolutamente che fine aveva fatto Lucullo dentro l'ospedale.... Come detto in precedenza un grande romanzo e scritto in uno stile che mi ha conquistato, lo consiglio a tutti gli amanti del genere.

  • User Icon

    Simona

    27/08/2012 16:10:53

    Devo dire che mi è piaciuto molto,consigliato agli amanti del genere...

  • User Icon

    Filippo

    26/07/2012 17:16:31

    Il voto è la media tra: il 5 dato al gatto Lucullo; lo 0 dato all'idea del protagonista che trova il tempo di prendere carta e penna per scrivere un diario nonostante tutto quello che accade; il 3 dato alla scrittura ed alla fantasia dell'autore. Da leggere esclusivamente in edizione economica.

  • User Icon

    Moreno C.

    20/04/2012 11:37:23

    Questo romanzo si può dire riuscito piuttosto bene. Dai toni action e d'avventura anzichè dell'orrore propriamente intesi, "Apocalisse Z" ha tutto quello che ci vuole per intrattenere e divertire. L'autore si dimostra un po' troppo acerbo dal punto di vista tecnico e stilistico, e certamente non apporta nulla di realmente originale, ammesso che abbia voluto provarci (dopotutto è un fatto ampiamente e a lungo constatato che il canovaccio "sopravvissuti vs legioni di esseri umani trasformati" non si riesce a rivoluzionare), ma la scintilla della narrazione ha saputo accenderla, ed efficacemente. Simpatica, infine, la scelta della figura che fin dall'inizio assume il ruolo del compagno di viaggio del protagonista; alcune situazioni connesse a tale "personaggio", sebbene ad una prima analisi improbabili e ridicole, risultano invece magistralmente funzionali nello stemperare l'atmosfera.

  • User Icon

    Anastasia

    10/04/2012 18:16:31

    Questo è senza dubbio un libro che tiene incollato il lettore, che lo fa immedesimare e che fa tifare al massimo per il protagonista. Voltavo pagina con la curiosità di sapere cosa sarebbe accaduto in quella successiva, e più si avvicinava la fine, e più temevo che "la fine" arrivasse davvero. Comprerò sicuramente il seguito.

Vedi tutte le 50 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione