Categorie

Jared Diamond

Traduttore: L. Civalleri
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
Pagine: XVI-366 p. , Brossura
  • EAN: 9788806173166

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Daniel

    18/07/2015 13.58.57

    È molto probabile che autori come questi, raramente torneranno a spuntare.

  • User Icon

    Andrea

    21/10/2014 18.20.47

    Magnifico! Un libro che apre la mente di fronte alla complessità della storia dell'uomo...

  • User Icon

    Paolo Cappelli

    04/03/2014 19.35.42

    E' un libro straordinario nella sua semplicità. Quando lo hai letto, e riletto, capisci quanto poco prima tu sapessi e capissi della storia dell'Uomo. A mio giudizio dovrebbe entrare a far parte della personale cultura profondo di ognuno.

  • User Icon

    giuliog02

    10/09/2013 15.13.00

    Eccezionale manuale di antropologia e di storia dell'umanità, che dovrebbe essere oggetto di studio (almeno determinate parti ) in ogni scuola media superiore. E assolutamente non mancare nella libreria di casa. Disponendo di buone conoscenze scientifiche e avendo frequentato un corso di Antropologia all'Università, mi sento di dire di non aver mai trovato una simile massa di dati e informazioni, utili e correlati tra loro, in un solo volume. Una vera miniera da riconsultare di quando in quando. Dò 5/5 e lode per il contenuto, l'impostazione logica e le condivisibili conclusioni. La stesura é leggermente prolissa e talvolta si hanno ripetizioni non necessarie, almeno ad un lettore attento. Un buon editing avrebbe ridotto le pagine di almeno un sesto. Un libro assolutamente da leggere per tutti quelli che si interessano di scienze sociali, storia e geopolitica.

  • User Icon

    Into Shambala

    04/10/2008 16.05.59

    Il libro di Diamond è uno dei libri più belli che ho letto durante i miei studi di archeologia.Nel suo libro è riuscito a dare un ottima spiegazione delle cause che portano determinate popolazioni del mondo ad essere più progredite di altre.

  • User Icon

    Gianluca Di Bari

    06/11/2006 23.30.56

    Un saggio lungo, complesso sulla storia dell'evoluzione della specie umana che dovrebbe essere annoverato tra i libri d studio in tutte le scuole. L'autore fa luce sulle ragioni che hanno portato agli attuali equilibri socio/politico/culturali mondiali attraverso una scrupolosa analisi dei fatti storici degli ultimi 13000 anni. Per fare ciò, ha utilizzato le scienze come la biologia, la glottocronologia, l'archeologia, insieme ad una capacità di osservazione degli eventi storici non comune. Prendetevi il tempo che serve ma leggetelo!

  • User Icon

    Jules

    27/09/2006 15.08.07

    Sul libro e su Jared Diamand è già detto quanto basta nei commenti precedenti, vi consiglio anche il suo "Collasso" (anche se aspetterei l'uscita della versione economica...).

  • User Icon

    maurizio codogno

    13/03/2006 10.35.16

    Nella versione italiana, il sottotitolo di questo libro è "breve storia del mondo negli ultimi 13000 anni". Ma nella versione originale si afferma che la storia è "of everybody", di tutti. In effetti l'autore, che si è anche vinto il Pulitzer nel 1997 con quest'opera, riesce nell'impresa di dare una spiegazione convincente al perché sono stati gli Occidentali a conquistare gli altri continenti e non viceversa. "Armi, acciaio e malattie" sono le cause finali che hanno permesso ai pochi conquistatori europei di vincere le altre popolazioni, ma la ragione per cui non è capitato l'opposto, secondo Diamond, è il vantaggio competitivo della massa continentale eurasiatica (più il Nordafrica), che aveva meno barriere naturali, più grandi animali da addomesticare, un maggior numero di piante coltivabili e una direzione est-ovest. Questo ha permesso di avere sempre più persone che non dovevano passare tutto il loro tempo a procacciarsi il cibo, rendendo così possibili nuove innovazioni che venivano a loro volta ottenute dalle popolazioni vicine. Se c'è un appunto da fare, è la prolissità del testo. Questo è uno dei casi in cui i "libri condensati" che un tempo Selezione dal Reader's Digest pubblicava sarebbero stati perfetti, asciugando le ridondanze del testo.

  • User Icon

    Luca

    19/02/2006 16.30.53

    Per chi ama la preistoria è un libro fondamentale. Trovo incredibile che questo saggio, che esamina la storia del'umanità in tutto il mondo -nessun continente escluso- sia stato scritto da una persona sola. La tesi del libro è che la geografia sia più importante della storia, e ne abbia determinato l'andamento in una maniera più profonda di quanto si sospettasse. Un libro che contiene delle risposte, che rileggerò con calma. Luca

  • User Icon

    Armando Carrara

    22/01/2006 23.31.31

    Un eccellente libro. Sono rimasto affascinato dall'analisi approfondita dell'autore. Non se ne può evincere una formula che possa condurre questa o quella società ad evolversi in un modo piuttosto che in un altro. Il libro suggerisce giustamente dei corridoi evolutivi che possono, se non determinare, influenzare l'evoluzione o l'involuzione di una società. Ricerche più recenti hanno comunque già ridatato la nascita della coltivazione delle graminacee identificando località non citate nel libro (alto Egitto); anche la storia della nascita degli alfabeti è un poco troppo sintetica e per questo lacunosa. Ho trovato un poco troppo pesanti (per quanto sapide)le prime centocinquanta pagine. Vorrei tanto che i caratteri di stampa fossero più grandi e che la qualità della stampa e della carta fosse decisamente migliore... ma questo non centra nulla con l'eccellente contenuto di questo saggio. Leggilo!

  • User Icon

    Giulia

    27/12/2005 19.50.46

    Diamond traccia una breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni, con l'intento di rispondere principalmente ad una domanda: perchè alcuni popoli sono più ricchi di altri? In pratica, perchè gli Europei hanno conquistato buona parte del mondo? Inizia così un affascinante viaggio nella preistoria dell'uomo alla scoperta ed alla giusta comprensione delle differenze tra i popoli. Nel tentativo di respingere l'istanza razzista, Diamond tocca le principali tappe dell'umanità, mostrando come l'ambiente sia stato la vera causa di tante diversità. Un libro lucido e sincero che attraverso le conoscenze storiche e scientifiche tenta di mettere in crisi i secolari pregiudizi sulle razze, ricordando a tutti come la geografia abbia avuto un ruolo importante sulla storia e sull'attuale conformazione geo-politica del mondo in cui viviamo. Affascinante e abbastanza discorsivo, questo saggio è una piccola perla da non far mancare nella propria libreria, da leggere e rivedere in ogni momento.

  • User Icon

    Ale67

    29/11/2005 19.14.01

    E' il miglior libro che abbia letto negli ultimi anni; Diamonds riesce a unire discipline scientifiche tra loro molto diverse (biologia, storia, alimentazione, antropolgia, climatologia) in un discorso lineare, semplice ed appassionante. L'obiettivo? spiegare come le differenti modalità e velocità di evoluzione umana siano dipesi da una serie di molteplici fattori, esterni comunque all'elemento "razza". Assolutamente da leggere

  • User Icon

    Carlo Savio

    10/10/2005 17.58.40

    L'autore, un ornitologo americano imprestato all'antropologia, vuol dimostrare con questo saggio che il diverso sviluppo delle c.d. "razze umane" non è dovuto a fattori genetici che rendano una "razza" superiore intellettualmente ad un'altra, ma esclusivamente a fattori geografici ed ambientali, che nel lungo periodo hanno favorito alcuni rispetto ad altri: potremmo dire "quelli che stavano al posto giusto al momento giusto". Per far questo espone uno studio comparato fra lo sviluppo delle popolazioni dei vari continenti dal momento della comparsa della specie umana in ciascuno di essi fino ad oggi. Se la dimostrazione sia convincente o meno lo deciderà il lettore, tuttavia il libro è pregevolissimo, i concetti scientifici sono esposti in modo semplice e non semplicistico, sono corredati da una gran quantità di esempi e spesso sono riportate (e confutate) anche le considerazioni che porterebbero a conclusioni diverse da quelle cui è giunto l'autore. L'unico difetto sta forse nell'eccessiva lunghezza (le dimesioni ridotte del volume non devono ingannare: i caratteri di stampa sono piccoli ed il testo è quindi più lungo di quanto paia a prima vista) per cui dopo la metà il lettore comune incomincia a "perdersi". Si tratta comunque di un'opera divulgativa di alto livello e di grande interesse per chiunque. L'introduzione all'edizione italiana è dovuta a due noti genetisti: Luca e Francesco Cavalli Sforza.

Vedi tutte le 13 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione