L' arringa di un pazzo

August Strindberg

Traduttore: F. Bergamasco
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2016
Pagine: 284 p., Brossura
  • EAN: 9788845931154
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

«Questo è un libro atroce» sin dalla prima riga della sua Prefazione, che concluderà chiedendo al lettore di essere lui a emettere la sentenza, una volta che avrà acquisito una esatta «conoscenza dei fatti».

«Possibile che non fossi pazzo, che non fossi mai stato ammalato, mai stato un degenerato? Possibile che fossi, molto semplicemente, un allocco, vittima di un'adescatrice che amavo e che con le sue forbicine da ricamo avrebbe tagliato i boccoli di Sansone mentre questi riposava la testa gravata da tante fatiche e preoccupazioni sostenute per il bene della moglie e dei figli? Fiducioso e lontano da ogni sospetto, in quel decennale sonno fra le braccia dell'ammaliatrice costui avrebbe perduto l'onore, la virilità, la voglia di vivere, l'intelligenza, i cinque sensi e altro ancora! Possibile - mi vergognavo al solo pensarlo - che tutta questa nebbia in cui vago da anni come un fantasma celi un delitto? Un delitto piccolissimo, commesso inconsapevolmente, nato da un'indefinita sete di potere, dall'inconfessata brama della donna di sopraffare il maschio in quel duello che va sotto il nome di matrimonio!»

Due libri, nella seconda metà dell'Ottocento, hanno scoperchiato la pentola dei rapporti sessuali e sentimentali con una immediatezza inaudita: La sonata a Kreutzer di Tolstoj e L'arringa di un pazzo di Strindberg, cronaca surriscaldata, irta, lacerante dell'attrazione-repulsione fra un uomo, Strindberg stesso, e sua moglie Siri von Essen. È l'autore, del resto, ad affermare «Questo è un libro atroce» sin dalla prima riga della sua Prefazione, che concluderà chiedendo al lettore di essere lui a emettere la sentenza, una volta che avrà acquisito una esatta «conoscenza dei fatti» – quella che gli sarà fornita dalle pagine che seguiranno: una fervida arringa, appunto, che è insieme feroce atto di accusa e veemente autodifesa. I «fatti» esposti sono una esaltata passione amorosa, prima, e un inferno matrimoniale, poi, indagati e ricostruiti con ossessiva precisione, e con furibonda impudicizia. Questo libro, in cui il rapporto fra i sessi viene narrato e anatomizzato come una lotta a morte per la sopraffazione – e la cui prima edizione a stampa, per quanto edulcorata e smussata dal traduttore tedesco, subì un processo per oscenità –, non ha perso un grammo del suo carattere estremo, urtante, angosciosamente veritiero.

€ 16,15

€ 19,00

Risparmi € 2,85 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 19,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Filomena

    20/09/2018 09:14:12

    Che lui scriva benissimo, è un dato oggettivo. Che sia un misogino, anche. Questo, purtroppo, ne ha compromesso la piacevolezza durante la lettura. Nonostante ciò, mi sento di consigliare quest'opera, poiché un vero e proprio pezzo di storia della letteratura. La storia è molto controversa e fin dal principio lo si percepisce, anzi, è proprio l'autore a precisare in apertura che “questo libro è atroce”; d'altronde, allorché si parla di dinamiche di coppia e di relazioni naufragate, c'è sempre qualcosa di atroce. Consigliato, ma da leggere senza pregiudizio (se ci riuscite).

  • User Icon

    AdrianaT.

    06/03/2018 11:17:23

    Sconvolto e risucchiato dalle spire femminee di Madonne decadute fuse in Giunone, Diana e Minerva fino ad impazzirne d'amore, di disprezzo, attrazione e repulsione. Certi uomini sono inermi, esasperati di fronte a tali arpie e ne vengono annientati (tutti sappiamo cosa li rende così deboli, succubi e stupidi); volenti o nolenti, questa è una realtà che può appartenere, da sempre, a molti vissuti maschili. Tacciato di misogina: ma perché, dico io, non esistono forse donne limitate, stupide, meschine e manipolatrici che con i loro isterismi ed egoismi avvelenano l'esistenza altrui? Tutte sante e vittime, mai carnefici? Non se ne può nemmeno parlare? Tabù? Censura? Ipocrisia? Era lui il maschilista paranoide e perverso mistificatore spacciatosi per perseguitato e oppresso, o il lucido testimone, martire e interprete di una condizione paradossalmente infernale? Chi il pazzo? Scrittura superba, virile e sprezzante; lapidaria nella forma e nei giudizi; forte come uno scapaccione, vera e tonificante - se tutti i 'pazzi' arringassero così... Pubblicato nel 1888 e secondo me paradigmatica anche di molte inconfessate condizioni contemporanee, è una lettura super-consigliata, soprattutto alle donne, per un sano, onesto e doveroso esamino di coscienza.

Scrivi una recensione