L' arte di viaggiare

Alain de Botton

Traduttore: Anna Rusconi
Editore: Guanda
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 13,63 MB
  • Pagine della versione a stampa: 254 p.
    • EAN: 9788823512344
    pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

    Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

    Disponibile anche in altri formati:

    € 9,99

    Venduto e spedito da IBS

    10 punti Premium

    Scaricabile subito

    Aggiungi al carrello Regala

    non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

    Descrizione
    «L’arte di viaggiare pone una serie di interrogativi il cui studio potrebbe modestamente contribuire alla comprensione di ciò che i filosofi greci indicavano con la bella espressione eudaimonia, ovvero felicità.»
    Alain de Botton

    Possono scrittori, artisti e filosofi rivelarsi ottimi compagni di viaggio? Alain de Botton non ha dubbi e si affida a guide illustri del passato per scandire le sue partenze e i suoi ritorni. Ecco allora grandi città europee come Amsterdam e Madrid colte nel loro incanto dallo sguardo di Flaubert e di Humboldt, o Barbados, meta turistica rivalutata grazie a Huysmans; ma anche il Lake District e l’aura di serenità della campagna inglese visti attraverso le parole di Wordsworth. Dopo Le consolazioni della filosofia, De Botton costruisce con equilibrio e misura un altro manuale del vivere bene, lieve e divertito e ci regala una guida preziosa per quei viaggiatori distratti che tutti noi siamo.

    Recensioni dei clienti

    Ordina per
    • User Icon

      Ross

      19/09/2018 16:37:44

      "L'arte di viaggiare" è un saggio che affronta il tema del viaggio in modo del tutto nuovo. De Botton scrive quasi un'autobiografia dei suoi viaggi, analizzandoli però da un punto di vista interiore, non da quello della meta. Le domande che l'autore/viaggiatore si pone non sono semplicemente: dove andare, quando partire, con chi viaggiare. I nuovi interrogativi sono: come immagino il posto in cui sto per andare? Qual è l'idea che ne posseggo prima di visitarlo? Quali immagini visive mi restano davvero impresse di quel luogo dopo esser tornato a casa? Che sensazione mi trasmette lo stare in quel determinato posto? Con il suo esempio, l'autore ci chiede quasi di ripensare ai nostri viaggi e di rivalutarli ponendoci queste nuove e inconsuete domande. Qui risiede la forza di questo libro, che pur essendo scritto in maniera leggermente impegnativa, riesce a trasportarci nelle immagini racchiuse e custodite nella mente e a farle rivivere di nuovo, antiche ma rinnovate.

    Scrivi una recensione