L' arte di viaggiare

Alain de Botton

Traduttore: A. Rusconi
Editore: Guanda
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
In commercio dal: 14 ottobre 2010
Pagine: 254 p., Brossura
  • EAN: 9788882469276
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Possono scrittori, artisti e filosofi rivelarsi ottimi compagni di viaggio? Alain de Botton non ha dubbi, e affida a guide illustri del passato il compito di scandire le sue partenze e i suoi ritorni, le grandi aspettative così come le piccole ma cocenti delusioni di cui ciascun viaggio è costellato. Ecco perciò Barbados, meta turistica che per l'autore si era rivelata fallimentare, riconsiderata alla luce di ciò che Huysmans scrisse nel romanzo "Controcorrente", e poi la poesia di Baudelaire e i quadri di Hopper, da cui invece ci possiamo lasciare condurre per cogliere la forza evocativa dei mezzi di trasporto e di anonimi luoghi di transito; o ancora l'affascinante urbanistica di Amsterdam e la scenografica bellezza di Madrid colte nel loro incanto dagli sguardi di Flaubert e di Humboldt; ma naturalmente anche il Lake District di Wordsworth, l'aura di serenità della campagna inglese come veicolo di una misurata eppure intensa sensazione di pace interiore o l'intenso cromatismo della Provenza di Van Gogh, per una riscoperta del paesaggio mediterraneo. Partenze e poi speranze e curiosità, paesaggi esotici, evocazioni artistiche e ritorni; ma più di ognuna di queste scansioni e di questi viaggi, conta per Alain de Botton lo sguardo stesso del viaggiatore, il suo desiderio di vedere "davvero", è per questo che, a conclusione del percorso, seguendo questa volta le istruzioni di John Ruskin, anche lui prova avedere "disegnando" per imparare a viaggiare e osservare tutti i giorni.

€ 9,75

€ 13,00

Risparmi € 3,25 (25%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ross

    19/09/2018 16:37:44

    "L'arte di viaggiare" è un saggio che affronta il tema del viaggio in modo del tutto nuovo. De Botton scrive quasi un'autobiografia dei suoi viaggi, analizzandoli però da un punto di vista interiore, non da quello della meta. Le domande che l'autore/viaggiatore si pone non sono semplicemente: dove andare, quando partire, con chi viaggiare. I nuovi interrogativi sono: come immagino il posto in cui sto per andare? Qual è l'idea che ne posseggo prima di visitarlo? Quali immagini visive mi restano davvero impresse di quel luogo dopo esser tornato a casa? Che sensazione mi trasmette lo stare in quel determinato posto? Con il suo esempio, l'autore ci chiede quasi di ripensare ai nostri viaggi e di rivalutarli ponendoci queste nuove e inconsuete domande. Qui risiede la forza di questo libro, che pur essendo scritto in maniera leggermente impegnativa, riesce a trasportarci nelle immagini racchiuse e custodite nella mente e a farle rivivere di nuovo, antiche ma rinnovate.

  • User Icon

    Isabella

    28/08/2018 13:48:40

    L'arte di viaggiare di Alain de Botton - Consigliato Ho letto questo libro nel breve periodo di pausa estiva. Non conoscevo l’Autore certamente molto preparato. Il titolo, prometteva un contenuto che l'Autore ha saputo sviluppare attraverso una geniale impostazione data alla stesura. Il lettore viene infatti accompagnato nel suo viaggio , sviluppando la “consapevolezza del viaggiare” appunto, l’arte di viaggiare. Il lettore-viaggiatore viene condotto per mano durante il suo viaggio sin dalla partenza, colma di aspettative e di sensazioni che i luoghi di transito e i mezzi di trasporto, provocheranno sul medesimo, già portatore di motivazioni che soltanto lui conosce. I luoghi e l’arte, con i riferimenti a Ruskin , a Baudelaire , a Van Gogh e ai diversi luoghi “sapientemente selezionati “ dall’ Autore, le località esotiche, i riferimenti storici, i particolari della vita degli artisti citati dall'Autore, conferiscono al libro, un taglio saggistico/filosofico notevole. E’ un bellissimo libro, un testo comprensibile da tutti coloro che non amano il “turismo” ma, il “viaggio”. Come ci suggerisce Xavier de Maistre alla pagine 249 del libro, -" prima di decollare per lontani emisferi , di notare davvero ciò che i nostri occhi hanno già visto" (citaz. test.). Il libro offre l'opportunità a chi ne avrà voglia, di approfondire a partire dai riferimenti contenuti nel testo. Libro che consiglio a tutti come vera perla di saggezza.

  • User Icon

    Fausto Fiscina

    28/04/2005 11:03:02

    E' un manuale che aiuta a sviluppare la " consapevolezza del viaggiare ", presupposto fondamentale per cercare di accedere allo stadio più ambizioso dell' " arte del viaggiare ". La parte più bella è forse quella dove l'atteggiamento più vicino alla consapevolezza del viaggio viene esemplificato attraverso l'esperienza del viaggiatore Van Gogh in Provenza, ma non mancano altri esempi pregevoli. Io avrei parlato più a fondo del rapporto tra esotismo e motivazioni al viaggio anche nell'epoca contemporanea. Un libro pieno di " wit ", di non difficile lettura, ma non per tutti, data la vasta rete di rimandi letterari.

  • User Icon

    Luis

    12/03/2005 15:12:49

    Semplici consigli per turisti sul "come viaggiare"? No, anzi, tutto il contrario. Un viaggio all'interno del viaggio, per far diventare quest'attività un'arte, con solide fondamenta radicate nella filosofia. Sì, proprio di filosofia si tratta. Alain De Botton, in questo saggio, mette in evidenza quali siano i problemi "filosofici-esistenziali" del viaggiatore (e sottolineo "viaggiatore", non turista), dando consigli di come superare quello che la nostra mente non vede o non vuol vedere, la nostra incapacità di viaggiare veramente. L'autore riesce nel suo intento senza far pesare quello che potrebbe risultare, ai più, un pesante saggio dal taglio filosofico. E in effetti lo è, ma De Botton, attraverso il racconto di alcune proprie esperienze e alla sua semplice struttura espressiva, riesce a non farci pesare i suoi "excursus" nella vita di artisti fortemente legati alla tematica del viaggio, come Ruskin Baudelaire e Van Gogh. Lo scrittore, inoltre, dimostra un'ampia conoscenza della letteratura legata al viaggio e non solo. A volte si perde, in modo troppo prolisso nel racconto delle proprie vicissitudini, ma tutto sommato "L'arte di viaggiare" è un buon libro che un po' tutti coloro che amano quest'attività dovrebbero leggere e capire, per non diventare il solito turista, con la macchina fotografica appesa al collo, i bermuda hawaiano e con la camicia a fiori, incapace di vedere il mondo che lo circonda.

  • User Icon

    ernesto 74

    27/03/2004 12:28:10

    bellissimo

  • User Icon

    Marina Riga

    21/11/2003 12:50:49

    Mi sono divertita, mi ha fatto pensare. A me questo autore inglese sembra davvero un genio! Sembrano solo divagazioni, sempre colte ma mai noiose, però in verità anche l'autore parla di sé, si interroga, filosofa nel senso vero della parola. Già solo con questo libro si viaggia! Una meraviglia.

  • User Icon

    paolo

    15/09/2002 22:34:50

    "Ah la gioia d'allontanarsi!" -Antonio Machado- Le edizioni Guanda dedicano alla letteratura dei viaggi ..." libri che raccontano persone, storie, paesi. Scrittori che fanno scoprire o ritrovare il fascino del viaggio reale o immaginario che sia". Uno di questi è lo svizzero Alain De Botton autore dei libri: "Esercizi d'amore" e "Come Proust può cambiarvi la vita", che ci regala un libro scorrevole e con un pizzico di cinismo verso i turisti-viaggiatori moderni. Il libro, diviso in cinque capitoli (Partenza, Motivazioni, Paesaggio, Arte, Ritorno), indaga in modo divertente e scanzonatorio le aspettative, le abitudini, i luoghi di transito e i mezzi di trasporto che affrontiamo quando, stanchi della routine quotidiana, partiamo per una meta alla ricerca affannosa di momenti di relax. L'autore si fa "accompagnare" da personaggi noti che, in modo diverso tra loro, hanno vissuto i viaggi e le sfumature ad essi legati. Fra questi ci sono: Charles Baudelaire, Edward Hopper, Gustave Flaubert, Vincent van Gogh, Giobbe ect. Alternando i suoi pensieri-impressioni con quelli di questi e altri "accompagnatori", Alain De Bottom analizza e ci suggerisce, senza pretese, alcune prospettive che ci aiuteranno a vivere esaurientemente il viaggio nel senso più dilatato del termine, sia che affrontiamo il viaggio con i mezzi di Alexander von Humboldt (Viaggio alle regioni equizionali del Nuovo Continente) o con quelle di Xavier de Maistre (Viaggio intorno alla mia camera), come dice l'autore: "Per il primo erano serviti dieci muli, trenta colli di bagaglio, quattro interpreti, un conometro, un sestante, due telescopi, un teodolite Borda, un barometro, una bussola, uno igometro, alcune lettere di presentrazione del re di Spagna e un fucile. Per il secondo, un pigiama di cotone rosa e azzurro". Dopo aver letto questo libro, la vostra "visione del viaggio" cambierà, scoprirete che come suggerisce lo scrittore: "il piacere del viaggio dipende forse più dall'atteggiamento mentale con cui partiamo che non la destinazione sce

  • User Icon

    eugenio

    26/07/2002 09:18:33

    Se tutti i divulgatori fossero come Alain!In questo bel libro intelligenza, ironia e gusto di sapere possono persino risvegliare il consumatore prigioniero nel Grande Mercato del Turismo, avviandolo sulla strada della nobile protesta agli insulsi imperativi a vedere sempre di più e capire sempre di meno. Da leggere (e meditare) il capitolo "Sulla curiosità".

  • User Icon

    Laura

    25/06/2002 14:00:34

    Un libro divertente. Leggero ma pieno di contenuti. L'analisi del viaggio attraverso il vissuto dell'autore e la compagnia di viaggiatori illustri del passato.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione