Recensioni Avanti sempre. Emozioni e ricordi della guerra di trincea, 1915-1918

  • User Icon
    12/01/2015 22:03:28

    La lettura di questo libro, che si inserisce nel novero delle nuove pubblicazioni in occasione del centenario della prima guerra mondiale, è estremamente interessante per le testimonianze che riporta, con brevi commenti introduttivi dell'autore. Si tratta di testimonianze di grande rilievo per via del fatto che esse provengono principalmente da militari di truppa: quindi non si tratta di ufficiali, le cui memorie hanno finora dominato il panorama degli scritti personali della grande guerra, ma, principalmente, di contadini con il loro linguaggio incerto e spesso sgrammaticato. Eppure questo italiano così stentato riesce benissimo a trasmettere, meglio di un linguaggio più colto, ma forse meno sincero, l'impatto violentissimo di una umanità varia e semplice con la guerra totale supertecnologica ed il suo meccanismo incomprensibile e stritolante, a partire dal "salto nel vuoto" dal predellino della tradotta fino alla linea del fuoco. Molto buona poi la bibliografia nella quale si possono trovare anche testi che sono anche stati testo d'esame nelle università ed il diario di guerra di Mussolini, una delle primissime testimonianze tra quelle provenienti da soldati semplici. Un libro quindi consigliato sebbene certe, troppe, pagine necessitino di uno stomaco veramente forte per poter essere lette, ma è giusto che sia così, anche per non avere mai nessun dubbio su cosa sia realmente la guerra.

    Leggi di più Riduci