La banda degli invisibili - Fabio Bartolomei - ebook

La banda degli invisibili

Fabio Bartolomei

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: E/O
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 726,48 KB
  • EAN: 9788866321439
Salvato in 7 liste dei desideri

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Ritornano l’umorismo la fantasia l’agro-dolce critica sociale dell’autore di Giulia 1300 e altri miracoli. Cosa succede se un gruppo di ottantenni ex partigiani decide di rapire Silvio Berlusconi? Sicuramente ci sarà da ridere. ma anche un po’ da piangere. Un’avventura esilarante ricca di colpi di scena innamoramenti senili e. file per la pensione.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,43
di 5
Totale 7
5
4
4
2
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    barbara

    11/07/2014 21:29:06

    Lettura gradevole,la storia avrebbe potuto scivolare nel banale molte volte, solo nel finale i pensieri del protagonista su Berlusconi sono un pò troppo scontati, invece offre la possibiltà di riflettere su cose che a leggerle sembrano ovvie ma solo perchè qualcuno ti ha invitato a pensarci...Bravo Bartolomei!

  • User Icon

    Elena

    10/11/2013 13:40:31

    Fabio Bartolomei ha un dono: scrive con cognizione di causa, non improvvisando i personaggi, bensì studiandoli approfonditamente, in ogni minimo particolare. Leggendo questo libro, sono stata catapultata in un bar di quartiere, in un centro sociale, su una panchina di un parco, sempre in compagnia di simpaticissimi quanto burberi signori anziani! Geniale l'idea portante della trama: rapire Berlusconi. Tra una risata e un momento di commozione, il libro vola via in poche ore, segno che, quando la scrittura è perfetta, leggere non può mai essere noioso.

  • User Icon

    antonella

    30/08/2013 21:45:13

    libro piacevole forse malinconico non banale che a tratti fa sorridere

  • User Icon

    francesco v

    21/08/2013 14:52:41

    leggero, divertente, equilibrato, garbato. Non certo memorabile, una piacevole lettura estiva.

  • User Icon

    angelo

    31/07/2013 13:31:21

    Ingredienti: "i soliti ignoti" in versione da ospizio, quattro "amici miei" ex partigiani, acciaccati e intraprendenti, le difficoltà nel vivere da miseri pensionati ai margini della società, un progetto strampalato di rapire Berlusconi per sentirsi vivi, attivi e ancora capaci di cambiare il mondo. Consigliato: a chi vuol immergersi in una storia tipicamente monicelliana in cui malinconia-cinismo-ironia si fondono armoniosamente, a chi vuol sentirsi giovane, arrabbiato e combattivo a qualunque età.

  • User Icon

    Lady Libro

    19/07/2012 21:08:21

    "Cosa succede se un gruppo di ex partigiani ottantenni decide di rapire Silvio Berlusconi?" E'bastata questa semplice frase sul retro della copertina a farmi prendere questo libro: al diavolo il costo e il mio animo spendaccione! Questo libro mi aveva scelta, mi aveva chiamata e io ho risposto immediatamente al suo richiamo! Perchè l'ho capito fin da subito che non mi avrebbe delusa. E così è stato. In questo esilarante libro seguiamo le avventure di quattro squattrinati vecchietti che, credeteci, fanno proprio di tutto: spedire escrementi via posta per punire i poco educati padroni di cani, fingere svenimenti o perdere apposta le borse della spesa in mezzo alle corsie preferenziali per dare una bella lezione alle auto blu dei politici, fare stretching e correre come atleti, con tanto di tuta da ginnastica, in mezzo ai parchi e pianificare appunto innumervoli e sconclusionati #si sa, la vecchiaia gioca brutti scherzi# piani per rapire il premier... Inutile dire che si ride fino alle lacrime, anche se ovviamente il divertimento nasconde molto di più: una forte e continua critica alla società di oggi, il problema delle pensioni e dell'assistenza agli anziani sempre più in difficoltà e abbandonati a se stessi, una politica un governo sempre più in crisi, la difficoltà di invecchiare... Fabio Bartolomei non ha paura di niente: mostra la cosiddetta "nuda veritas" italiana facendo ridere ma parlando comunque forte e chiaro della situazione del nostro paese senza alcun riserbo, portando inevitabilmente ad una profonda riflessione. Questa comicità mischiata alla denuncia con me ha funzionato alla perfezione: mi sono sbellicata dalle risate, mi sono commossa tanto e mi sono innamorata di questi quattro piccoli grandi eroi del nostro tempo che mantengono sempre il loro animo partigiano. Anche se non sono più in guerra, Angelo, Ettore, Osvaldo e Filippo stanno ancora combattendo una battaglia che, finchè ci saranno persone degne di farlo, non finirà mai: la vita.

  • User Icon

    elisabetta

    17/02/2012 10:07:35

    "i vecchi sulle panchine dei giardini succhiano fili d'aria e un vento di ricordi..." scriveva Claudio Baglioni; ma non solo! -gli fa eco Fabio Bartolomei in questo splendido romanzo. Un libro delicato, tenero, sensibile e molto divertente, che conferma la bravura dell'autore di" Giulia 1300 e altri miracoli". Il miracolo lo fa proprio Bartolomei, tratteggiando quattro fantastici vecchietti per i quali il "dover vivere fino alla morte non è una fatica" e che dovrebbe far riflettere tutti sull'inestimabile patrimonio che la cosiddetta quarta età rappresenta: altro che "i vecchi che non li vuole nessuno i vecchi da buttare via"! Bravissimo Fabio! Come già auspicato da me dopo la lettura di Giulia, spero tu sia nuovamente in gestazione e mi auguro che la prossima volta si tratti di parto plurigemellare!

Vedi tutte le 7 recensioni cliente
  • Fabio Bartolomei Cover

    Fabio Bartolomei è nato nel 1967 a Roma, dove vive. Scrittore poliedrico, è un affermato pubblicitario e autore di sceneggiature. Nel 2004 ha vinto il Globo d’Oro con il cortometraggio Interno 9. Nel 2011 si è fatto conoscere dal pubblico dei lettori con il suo romanzo Giulia 1300 e altri miracoli. Insegna scrittura creativa. La banda degli invisibili è del 2012. Approfondisci
Note legali