Battaglie e tempeste - CD Audio di Accademia Musicale dell'Annunciata

Battaglie e tempeste

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Musica Viva
Data di pubblicazione: 23 febbraio 2015
  • EAN: 8015948601037

€ 15,90

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 11,25 €)

Il fenomeno forse più notevole della storia della musica europea del Seicento consiste nella formidabile e irreversibile ascesa della musica strumentale. Il programma qui registrato esibisce le nuove potenzialità della musica strumentale in due campi che rientrano tra i luoghi prediletti delle arti figurative, e in particolare della pittura del Seicento: la battaglia e la tempesta. Accomunano i due soggetti, un’altissima tensione espressiva, un’energia e un dinamismo che, tanto nell’evento naturalistico della tempesta quanto nell’umana ferocia della battaglia, raggiungono l’apice dell’intensità concepibile dall’uomo di quell’epoca. Si dispiega in queste pagine un campionario caratteristico di formule ritmico-melodiche, di usi tonali, di soluzioni dinamiche specifiche. Gioverà a evocare la battaglia l’imitazione della scrittura propria della tromba, strumento bellico par excellence, o di quella del pifferino suonato dai soldati. Ecco dunque i salti di quarta, l’insistenza sui gradi dell’arpeggio e il grado congiunto che inaugurano la gagliarda Battaglia di Samuel Scheidt (dedicata non a caso al cornettista della sua corte), ma caratterizzano anche la «Marcia» della Suite di Johann Caspar Fischer e il Grand air de guerre di Jean-Baptiste Lully. Fondamentali sono anche le batterie di note ribattute a imitazione del rullo regolare dei tamburi militari, sempre nella Battaglia di Scheidt, in quella di Heinrich Ignaz Franz von Biber o nell’«Aria dei combattenti» di Fischer. Imprescindibile è infine lo «stile concitato», o «genere da guerra», messo a punto da Monteverdi nel Combattimento di Tancredi e Clorinda, e qui ricorrente nelle sezioni «Marcia» e «La battaglia» della composizione di Biber, nell’«Aria dei combattenti» di Fischer e nell’attacco ai mulini a vento nella suite donchisciottesca di Telemann. Una variante dello stile concitato, varrà a rappresentare anche l’infuriare degli elementi atmosferici nell’evocazione della tempesta, tra rapinose volatine di biscrome (da eseguirsi violent) e batterie di semicrome ribattute nel Curtain Tune di Matthew Locke o, quasi un secolo più tardi, nella «Tempesta di mare» dal Novembre di Gregor Joseph Werner. Ulteriore ingrediente, spia d’un disordine cosmico d’origine naturale o umana, è poi la dissonanza, che s’insinua nei canti discordi dei soldati nella Battaglia di Biber o nel Curtain Tune di Matthew Locke.
Note legali