Baudolino

Umberto Eco

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Bompiani
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 26 novembre 2014
Pagine: 530 p., Brossura
  • EAN: 9788845278624

41° nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa italiana - Di ambientazione storica

Salvato in 189 liste dei desideri

€ 12,35

€ 13,00
(-5%)

Punti Premium: 12

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Baudolino

Umberto Eco

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Baudolino

Umberto Eco

€ 13,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Baudolino

Umberto Eco

€ 13,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (12 offerte da 9,10 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


"Lettura emozionante, maratona della fantasia. Con Baudolino Umberto Eco si è superato." - Fritz J. Raddatz, Die Zeit

"Erano ormai dieci anni che Baudolino stava a Parigi, aveva letto tutto quello che si poteva leggere, aveva imparato il greco da una prostituta bizantina, aveva scritto poesie e lettere amorose che sarebbero state attribuite ad altri, aveva praticamente costruito un regno che ormai nessuno conosceva meglio di lui e dei suoi amici, ma non aveva terminato gli studi."

Una certa emozione accompagna la lettura di un nuovo romanzo di Eco: un autore così, un intellettuale così, potrà dirci verità nuove, potrà aprire dibattiti culturali, darà alla letteratura italiana un nuovo impulso internazionale, creerà ammirazione in tutta l'intellettualità mondiale...

Ed è infatti questo che è avvenuto col primo romanzo, Il nome della rosa: un successo che ha sconvolto le classifiche di tutta Europa, che ha goduto di innumerevoli traduzioni, che ancora oggi possiamo trovare nelle librerie degli stati più lontani dell'Asia e delle Americhe, che viene studiato nelle Università di mezzo mondo e citato anche da chi non lo ha mai letto. Dopo quella prima prova narrativa sono venuti altri romanzi, meno accessibili, forse meno felici, di certo rivolti a un pubblico di lettori più selezionato. E infine ecco Baudolino che ha già goduto del giudizio entusiastico di autorevoli e qualificati critici, da Maria Corti a Giovanni Pacchiano.

Un romanzo picaresco, che ripercorre le vicende del suo protagonista, Baudolino, per circa sessant'anni, giocato su due piani narrativi: un cronachista presenta la storia e crea le connessioni logico temporali, Baudolino stesso, in dialogo con Niceta, commenta e spiega le avventure da lui vissute da quando aveva tredici anni alla vecchiaia.

I quaranta capitoli, secondo l'uso medioevale, sono intitolati con la sintesi di ciò che verrà descritto e iniziano sempre con il nome del protagonista. Nel primo capitolo viene utilizzato un linguaggio che giocosamente unisce (e corregge) parole o costrutti di più lingue (considerando che quei primi secoli del millennio sono stati un periodo di grande evoluzione linguistica), sia geograficamente parlando, sia temporalmente: il latino, il latino medioevale, il volgare genovese e quello piemontese. Quindi si prosegue nei successivi capitoli con un lingua più accessibile in cui permangono alcuni termini medioevali, altri che evocano il dialetto di Alessandria e la frequente costruzione di immagini o di concezioni che traggono vita dalla ricchissima tradizione sia dotta che popolare (le cronache, i bestiari, le rappresentazioni sacre, i cantari, la tradizione giullaresca e cavalleresca) del XII secolo. Tutto ciò non deve minimamente far pensare ad un libro "di erudizione", se si utilizza il temine per dire, con facile eufemismo, noioso e leggibile da pochi: Baudolino è un romanzo divertentissimo, il personaggio è di una simpatia assoluta, il racconto raggiunge talvolta note di vera comicità e non perde mai in brillantezza, né si verificano cadute di pedantesca dottrina o di esibita conoscenza. Quando il racconto viene fatto dal protagonista, la presenza di un interlocutore, Niceta, che funge da sapiente spalla, rende vivace il dialogo e soprattutto esplicita l'esigenza di qualsiasi narratore di avere un pubblico di riferimento a cui rivolgersi per fissare e calibrare la storia. In tanti momenti del romanzo l'identificazione con l'autore è evidente (così come è già stato fatto notare), ma è soprattutto chiaro l'intento di vedere in Baudolino "il narratore" per eccellenza, cioè colui che, usando l'immaginazione, sa costruire mondi reali tanto quanto quelli che cadono sotto i nostri sensi, mondi a cui è giusto credere, perché la distinzione tra verità e menzogna, quando è la fantasia ad agire, è davvero un criterio scorretto. Dirà Baudolino: "...mi stavo giocando il sogno di una vita, ovvero la vita stessa, visto che la mia vita era costruita intorno a quel sogno." E la vita, soprattutto quella di uno scrittore (ma anche di tanti lettori), è in gran parte costruita sul sogno, cioè sull'immaginazione, sulla capacità creativa. E forse per quello capiterà che il protagonista, ormai anziano, arriverà dire: "Hai visto. L'unica volta in vita mia che ho detto la verità e solo la verità, mi hanno lapidato", perché da lui ci si aspetta proprio il sogno, la fantasia. Ma questa non dovrà nascere dal facile desiderio di compiacere il proprio pubblico (grande lezione rivolta ai moderni fabbricanti di best seller!) perché "la preoccupazione di compiacere gli uomini fa perdere ogni floridezza spirituale" e a questa floridezza, freschezza, genialità e giovinezza intellettuale (grazie forse all'amore per il viaggiare, come fa dire al suo personaggio) Eco non viene certo meno. Giocando con i generi - come non pensare a un topos del giallo per la misteriosa morte di Federico Barbarossa? - con le parole e la fantasia (il viaggio di Baudolino alla ricerca del Prete Gianni fa pensare spesso all'Ariosto), mescolando macrostoria e microstorie, puntando al divertimento e all'immediatezza (pare che il libro sia stato scritto in sei mesi e con grande divertimento del suo autore stesso) il maggior intellettuale italiano regala al suo vasto ed eterogeneo pubblico un vero gioiello.

A cura di Wuz.it
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,73
di 5
Totale 224
5
104
4
45
3
21
2
32
1
22
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giulia

    16/05/2020 14:22:43

    Baudolino è una piena immersione nelle leggende e nella travagliata storia del medioevo, epoca a cui Eco è molto legato. Parla anche di rinascita, attraverso la cultura, e di come un uomo può formarsi, in tutte le esperienze che la vita gli mette davanti, piuttosto che con l'istruzione canonica.

  • User Icon

    Melina

    15/05/2020 15:35:52

    Leggendo il libro capisci come il passato sia un calderone di idee, immagini e possibilità da assemblare per creare nuove storie. Dopo aver letto 4 dei suoi libri consiglio di non farsi scoraggiare mai dalle prime 10/20 pagine e continuare fiduciosi....

  • User Icon

    Matteo

    12/05/2020 17:51:12

    Credereste a un bugiardo che narra di un altro bugiardo che a sua volta racconta di quanto egli sia bugiardo? Io l'ho fatto ed ho amato Baudolino dall'inizio alla fine.

  • User Icon

    artuba

    12/05/2020 11:03:30

    Un connubio tra storia e fantasy. Scorrevole e creativo. Mi è piaciuto molto.

  • User Icon

    mrv_cc

    21/02/2020 14:18:48

    Pochi come Eco in italiano. Consigliato.

  • User Icon

    Mikhail Kononenko

    25/09/2019 06:30:35

    L'ho letto in russo ma spero di rileggerlo in italiano un giorno. E' un vero e proprio capolavoro che ci riporta nella profondità del mondo di Medioevo, cosi ricco delle credenze, fantasie e avventure. Le leggende medievali si riacquistano forza davanti agli nostri occhi così da diventare la realtà meravigliosa, concepita nella mente geniale di Umberto Eco. Da consigliare a tutti quelli che si interessano della cultura medievale.

  • User Icon

    Mauro Leoni

    23/09/2019 18:23:59

    Secondo alcuni il libro migliore di Eco, io ho trovato migliori altri ma sicuramente interessante e ben scritto. La storia fa molto riflettere sulle invenzioni, sulle credenze popolari rispetto alla realtà, tema molto caro ad Eco, e sulle conseguenze di tante azioni credute giuste.

  • User Icon

    AndreaSUD

    23/09/2019 07:43:33

    Mi piace molto come scrive Eco, ma ho fatto fatica a leggere questo romanzo, in alcuni punti storico, in molti fantastico (nel senso di fantasia). Alcune parti del corposo romanzo mi sono risultate noiose.

  • User Icon

    Andrea

    23/09/2019 07:41:35

    Mi piace molto come scrive Eco, ma ho fatto fatica a finire questo libro, in parte storico e in parte fantastico. La storia non mi ha convinto e alcune parti sono risultate decisamente noiose.

  • User Icon

    Caterina

    22/09/2019 18:15:42

    Storia rocambolesca ed inverosimile di Baudolino. E' una critica positiva la mia, perché il libro non è affatto noioso e permette di venire a conoscenza di una serie di avvenimenti, mondi e personaggi che altrimenti non avrei mai scoperto. Eco è un genio della citazione ed inserisce nei suoi libri tante storie anche realmente avvenute o mitologiche. Un compendio interessante da leggere assolutamente.

  • User Icon

    glastonburi

    20/09/2019 10:36:53

    il mio libro preferito in assoluto. meraviglioso.

  • User Icon

    Giorgia

    05/09/2019 20:52:47

    Ho amato profondamente questo libro e soprattutto il personaggio di Baudolino. Il libro ci narra di fantastiche avventure e luoghi esotici. Un libro bellissimo che solo Umberto Eco sa regalare.

  • User Icon

    Alessio

    10/03/2019 22:56:21

    Un libro con Umberto Eco come autore è già una garanzia. Ho amato personalmente Baudolino più de "Il nome della rosa" e "Il pendolo di Focault". I viaggi di Baudolino e le sue "imprese" mi rimarranno impresse a vita. Il personaggio di Baudolino è a mio avviso un vero e proprio "picaro" del famoso genere letterario spagnolo e l'unione di un personaggio del genere ad altri storici di enorme spessore sono sicuramente una soluzione vincente. Uno dei primi libri che consiglierei.

  • User Icon

    Anna

    23/09/2018 10:13:27

    Un capolavoro assoluto che poteva essere scritto solo da Umberto Eco, intelligenza rara. Gli avvenimenti più significativi del XII secolo si dipanano sotto gli occhi del lettore in una vicenda sempre appassionante e capace di mescolare con assoluta naturalezza generi diversi e accendere sempre entusiasmo ed interesse nel lettore. Coinvolgente ed appassionante la trama, sostenuta dalla meravigliosa scritto di un assoluto Maestro.

  • User Icon

    Antonio

    22/09/2018 16:42:32

    Per me il miglior romanzo di Eco. Ambientato negli stessi secoli del nome della rosa ma in luoghi aperti e fantasiosi, lo scrittore ci trascina in avventure picaresche che toccano il limes tra storia e leggenda, tra fantasia e realtà. Forse il romanzo più divertente di Eco, di certo tra i migliori.

  • User Icon

    angelo

    25/06/2017 14:40:27

    Ingredienti: un contadino piemontese a contatto con tutti gli eventi più significativi del XII secolo, una vita al seguito dell’imperatore Federico I, un campo d’azione dal cuore dell’impero ai confini estremi del mondo, un giallo finale che chiarisce pagine irrisolte della storia (la morte del Barbarossa). Consigliato: a chi sa mescolare realtà e fantasia per ottenere un gusto più saporito di entrambe, a chi vuole un piatto con tutti gli ingredienti tipici del medioevo (Graal, reliquie, dispute teologiche, crociate, animali fantastici e regni immaginari).

  • User Icon

    Luigi

    07/02/2017 11:23:44

    Il romanzo parte bene, scorrevole e didascalico(come nello stile di Eco), tra bugie talmente vere da convincere anche chi le ha inventate, amori platonici, esaltazione dell'amicizia.Poi sale di tono nella ricostruzione storica delle vicende del "Barbarossa", per poi attraversare una fase lenta e non emozionante nella sua parte centrale.Ma si riscatta parzialmente nel finale, quando diventa un vero e proprio libro-giallo.Comunque , pur trattandosi di Eco, il romanzo risulta complessivamente pedante.Purtroppo!

  • User Icon

    Manuel

    11/11/2015 11:43:10

    Un romanzo nettamente diviso a metà, le cui varie prefazioni ne mettono in risalto soprattutto la prima, giustamente perché è la più geniale e valida. La seconda, di tono inferiore, è a sua volta divisa in due, la prima avventurosa e la seconda rispolvera gli elementi noir e gialli già apprezzati nel "Nome della Rosa". Il merito di Eco sta soprattutto nel saperti appassionare a temi e argomenti a cui sarebbe quasi impossibile interessarcisi da soli. Consigliato. Manuel da Modena

  • User Icon

    alessandro

    25/11/2014 09:04:11

    Una favola, un racconto onirico; simpatico e ben scritto. Non è paragonabile a Il nome della Rosa, ma sicuramente si legge volentieri e trasmette belle sensazioni.

  • User Icon

    Lorenzo

    22/07/2014 01:46:57

    Ho preferito la prima parte, quella "occidentale" diciamo. L' ho trovata un po' più reale e più vicina ai miei gusti. E' un gran libro, scorre veloce e Eco non si impantana in virtuosismi narcisistici che capisce solo lui. Veramente bello.

Vedi tutte le 224 recensioni cliente
  • Umberto Eco Cover

    Critico, saggista, scrittore e semiologo di fama internazionale. A ventidue anni si è laureato all'Università di Torino con una tesi sul pensiero estetico di Tommaso d'Aquino. Dopo aver lavorato dal 1954 al 1959 come editore dei programmi culturali della Rai, negli anni Sessanta ha insegnato prima presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Milano, poi presso la Facoltà di Architettura dell'Università di Firenze. Infine presso la Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano. Inoltre, ha fatto parte del Gruppo 63, rivelandosi un teorico acuto e brillante.Dal 1959 al 1975 ha lavorato presso la casa editrice Bompiani, come senior editor. Nel 1975 viene nominato professore di Semiotica all'Università di Bologna, dove... Approfondisci
Note legali