La biblioteca scomparsa

Luciano Canfora

Collana: La memoria
Edizione: 10
Anno edizione: 1986
In commercio dal: 24 ottobre 1986
Pagine: 216 p., ill.
  • EAN: 9788838903748
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Maria

    23/09/2018 17:19:14

    “La biblioteca scomparsa” è una storia della Biblioteca di Alessandria, raccontata con grande attenzione per le fonti storiche, ma contemporaneamente in modo avvincente. Una grande cura e una buona porzione del libro sono dedicate alle teorie sulla distruzione della biblioteca, circostanza ancora oggi misteriosa. Canfora da grande studioso cerca di ricostruire la verità, presentando la sua versione dei fatti alla luce del confronto tra varie fonti. Il risultato è un saggio molto interessante per tutti gli amanti e gli studiosi del mondo classico, ma può essere un testo perfetto anche per tutti i bibliofili curiosi.

  • User Icon

    Adalberto

    18/03/2018 19:18:00

    Dispiace vedere come un cattedratico ignori fonti storiche, numerose e concordanti, che stabiliscono l'impossibilità della distruzione della regia biblioteca d'Alessandria da parte degli arabi... E' sufficiente una breve ricerca su internet per venire a conoscere tali fonti storiche e le numerose analisi e studi che relegano la vexata quaestio tra le fake news della storia antica. In conclusione, un testo smentito prima ancora di essere scritto...

  • User Icon

    enzo68

    26/06/2006 11:28:28

    Il mio giudizio si compone di due parti: 4 per la parte di documentazione storica e per i collegamenti tra le varie fonti; 2 per la difficoltà di lettura per un non esperto, i collegamenti, le citazioni in francese, latino e greco disorientano e rendono poco agevole la lettura Giudizio complessivo 3

  • User Icon

    Paolo

    02/04/2003 17:20:28

    Non riesco a dare un giudizio oggettivo sul libro, ho letto talmente tante opere che riguardano l'incendio del Museyon e della distruzione del sapere alessandrino che finisco sempre per averne una visione di unica d'insieme: colpa di romani, rristiani ed infine arabi... Trovo invece molto interessante il tentativo di convincimento rivolto all'emiro del filosofo alessandrino per cercare di evitare il colpo 'mortale' che sarebbe stato inferto alla Biblioteca. Giudizio: breve ma interessante.

  • User Icon

    lugiai ivano

    28/06/2002 17:55:06

    Affascinante racconto della storia della biblioteca di Alessandria descritta dagli antichi autori che la hanno visitata. Giallo storico sulla distruzione della stessa, svelato attraverso l'analisi delle fonti antiche in una maniera che solo un grande antichista può permettersi.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione


scheda di Cases, C., L'Indice 1987, n. 1

La famosa biblioteca di Alessandria, ricca di 700.000 volumi (molti peraltro sembra fossero già andati perduti), fu bruciata nel 640 d.C. dopo la conquista della città, per ordine del califfo Omar, convinto che l'unico libro utile fosse il Corano (pare che avesse addirittura impedito a Maometto di scriverne una continuazione, per evitare doppioni). Secondo un'altra versione la biblioteca sarebbe già perita ad opera della flotta di Giulio Cesare, che avrebbe assistito indifferente al rogo, mollemente sdraiato accanto a Cleopatra. Canfora dimostra che quello andato in fumo in questa occasione era un deposito di libri forse destinati a ricchi compratori romani, non la biblioteca regia. Responsabile del delitto resta Omar. Canfora conduce l'indagine con la solita perizia, evocando dal variopinto mondo ellenistico tutti i testimoni possibili, compreso un gatto egiziano ammazzato da un cittadino romano, giustiziato a sua volta a furor di popolo dagli egiziani inferociti. Può darsi che da un supplemento d'istruttoria risulti che anche questi delitti non erano casuali. Forse il gatto aveva importanti informazioni sulla biblioteca, ma gli hanno chiuso la bocca, eliminando poi il killer come sempre in questi casi.