Black Is Beltza Asm Sessions

Artisti: Fermin Muguruza
Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 1
Etichetta: Kasba Music
Data di pubblicazione: 2 dicembre 2016
  • EAN: 8435307600967
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 20,50

Venduto e spedito da IBS

21 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Descrizione
Fermin Muguruza (fondatore e leader della band ska-punk basca Kortatu) e Gerard Casajus aka Chalart58 si sono conosciuti nel tour storico Jai Alai Katumbi Express fatto con Manu Chao nel 2003. Gerard era il percussionista di Radio Bemba già da un paio di anni e Fermin, che stava lavorando ai remix dell’album "In-Komunikazioa" con la collaborazione di musicisti di Bristol, gli insegnò i primi rudimenti per creare loop e basi strumentali sul laptop. I due passarono ore a creare musica insieme e molta di questa divenne l’esordio della band formata con la sua compagna Miryam "Matahary" La Kinky Beat. Fu l’ascolto di “Soldo DUB” di Gerard che stimolò Fermin a lavorare sul primo volume di “Irun Lion Zion In Dub” nel 2007, raccolta di pezzi di amici uniti dall’amore per la musica dub, uno spazio liberato, melting pot o crogiolo degli incroci nella città di Gerard, Irun. La collaborazione tra i due continuò negli anni successivi anche nell’album “Euskal Herria Jamaika Clash” registrato ai Tuff Gong de Kingston ed al seguente “Asthmatic Lion Sound System”. In seguito Gerard divenne maestro di cerimonie in serate di musica dub in tutta la Catalogna, uno stregone dubwise, un saggio nel mixer nel suo studio La Panchita nel quartiere di La Verneda di Barcellona. Per tutto questo, quando il centro artistico di Barcellona Arts Santa Monica ha invitato Fermin a tenere una sessione permanente durante le prime tre settimane della mostra itinerante “Black is Beltza”, contestualizzando la graphic novel dallo stesso nome e mostrando il processo creativo, Gerard è stata la prima persona contattata. Lo spazio designato era come una vasca da pesci con vista sulle Ramblas, ideale per allestire uno studio di registrazione sperimentale visibile dall’esterno dove invitare tutti i musicisti che arrivavano in città per l’expo. Oltre a Gerard, alle percussioni, sono stati coinvolti 12 musicisti (sei di New Orleans, un catalano, un cubano e quattro baschi) per creare le basi sulle quali si sono poi alternati diversi cantanti tra cui Amparo Sanchez, Miryam "Matah" Willy Fuego, il giamaicano Skarra Mucci, l’algerino Yacine y Amel Zen e molti musicisti tra cui il chitarrista di Manu Chao Madjid Fahem. Il risultato delle registrazioni, è questo volume II di "Irun Lion Zion in DUB" intitolato "Black Is Beltza ASM Sessions", che, a differenza del primo, non è una compilation, ma presenta nove canzoni create nel corso di questi tre settimane di residenza (dal 20 giugno al 10 luglio 2016) e una versione del classico di Radio Futura "La Negra Flor”.