Bonbon Robespierre. Il terrore dal volto umano - Sergio Luzzatto - ebook

Bonbon Robespierre. Il terrore dal volto umano

Sergio Luzzatto

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Einaudi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 884,86 KB
Pagine della versione a stampa: 121 p.
  • EAN: 9788858402153
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Per tutti noi, dire "Robespierre" equivale a dire Maximilien Robespierre, e significa Rivoluzione francese, giacobinismo, Terrore, ghigliottina. Robespierre è il personaggio più studiato dell'intera epoca rivoluzionaria, e non senza ragioni. La sua biografia contiene un po' tutto della Rivoluzione francese, le virtù e gli eccessi, le meraviglie e le miserie, i valori e i disvalori. Ma dire "Robespierre" vuoi anche dire il fratello minore della famiglia, Augustin. Per gli amici: Bonbon. Un personaggio di cui non si trova traccia nella maggior parte dei libri di storia della Rivoluzione, se non là dove si parla del 28 luglio 1794: il giorno del Termidoro in cui entrambi i fratelli Robespierre vennero condannati a morte. Eppure, Augustin ebbe lui stesso un ruolo significativo nella Rivoluzione. Fu a sua volta un uomo di legge, un militante giacobino in provincia, un deputato della Montagna. E fu a sua volta un terrorista. Ma lo fu in maniera diversa da Maximilien. Non fu un terrorista di scrivania, un burocrate della ghigliottina. Augustin fu un terrorista di terreno: dal profondo nord al profondo sud, percorse in lungo e in largo la Francia della Rivoluzione. E a forza di guardare in faccia il Terrore comprese che soltanto arrestando la metastasi della violenza si poteva preservare qualcosa delle conquiste rivoluzionarie, liberté, égalité, fraternité. Soltanto terminando la Rivoluzione si poteva salvarla.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giulietta

    05/08/2020 17:42:34

    Libro interessante che, oltre ad illustrare il periodo del Terrore, presenta una figura poco nota, ovvero quella di Augustin Robespierre, il quale condivise volontariamente la sorte del più celebre fratello Maximilien. Una lettura piacevole ma al tempo stesso intrigante. Libro consigliatissimo ad appassionati di storia.

  • User Icon

    Marco

    03/01/2019 15:27:02

    Testo interessante, molto accurato e con una bibliografia estremamente dettagliata. In un centinaio di pagine, l'autore ci offre uno scorcio della Rivoluzione Francese e del regime del terrore di Robespierre dal punto di vista del fratello minore, ben meno noto e mai citato nei libri di storia. Augustin, avendo vissuto il Terrore vero, sul campo, e non il "Terrore di Carta" di Maximilien, dalla fine del 1793 fino ai suoi ultimi giorni cercherà di convincere il fratello, invano, che l'unico modo di salvare la Rivoluzione sarebbe stato fermarla: eliminare una volta per tutte "il robespierrismo di provincia [...], un tumore maligno nel corpo sano della Rivoluzione".

  • User Icon

    Bosco

    03/12/2015 23:11:50

    Saggio di pregevole fattura; il terrore raccontato attraverso la tragedia di Augustin Robespierre spesso vissuto all'ombra del più blasonato dei fratelli ma fedele, in maniera profonda nonostante tutto, fino in fondo a quest'ultimo.

  • Sergio Luzzatto Cover

    Insegnante di Storia moderna all'Università di Torino. Laureato alla Scuola Normale Superiore di Pisa, ha svolto un dottorato presso la Scuola Superiore di Studi Storici di San Marino. Successivamente è stato docente presso l'Università di Genova e l'Università di Macerata. Studioso della Rivoluzione francese, ha scritto inoltre di storia italiana fra Otto e Novecento, concentrando la sua indagine in particolare sul revisionismo in materia di resistenza e lotta partigiana. Il suo saggio Bonbon Robespierre (Einaudi 2009) ha vinto la tredicesima edizione del Premio letterario città di Bari nella sezione saggistica. Fra le sue pubblicazioni ricordiamo L'autunno della Rivoluzione (1994), Il corpo del duce... Approfondisci
Note legali