Thebook of my dreams 1965-1970. Uncensored. Ediz. italiana e inglese

Thebook of my dreams 1965-1970. Uncensored. Ediz. italiana e inglese

Federico Fellini

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Guaraldi
Formato: PDF con DRM
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 4,49 MB
  • EAN: 9788880498087

€ 8,99

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

The digital version of this colossal source of oniric content akin to the incandescent matter we call creativity is based on the big Book of Dreams published by Rizzoli RCS in 2007. It could not have been otherwise, since in analog times Fellini annotated and illustrated his dreams on paper. Three decades of dreaming reorganized in three creative periods (1960/1964, 1965/1970 and 1973/1990) are now open to exploration and mining with digital tools on computers or ebook readers. For the benefit (and the joy) of professionals and amateurs of depth psychology, but also for anybody interested in visual arts. Because the dreamer who opens up the narrative of his unconscious is above all one of the great names in film history.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Federico Fellini Cover

    Federico Fellini cresce in una famiglia piccolo-borghese, la madre casalinga e il padre rappresentante di commercio di generi alimentari. Si iscrive al liceo classico di Rimini. Guadagna i primi soldi come caricaturista realizzando ritratti di attori celebri per il cinema Fulgor di Rimini. La sua attività di disegnatore e caricaturista continua anche negli anni successivi e gli frutta collaborazioni con giornali e riviste, tra cui la Domenica del Corriere e il settimanale fiorentino 420. Nel gennaio 1939 si trasferisce a Roma. Dice di volersi iscrivere alla facoltà di Giurisprudenza ma è solo una scusa perché in realtà è interessato al mondo dell'avanspettacolo e della radio. Conosce Aldo Fabrizi, Erminio Macario e Marcello Marchesi e comincia a scrivere... Approfondisci
Note legali