Brevi interviste con uomini schifosi. Ediz. illustrata - Ottavio Fatica,Giovanna Granato,David Foster Wallace - ebook

Brevi interviste con uomini schifosi. Ediz. illustrata

David Foster Wallace

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Einaudi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 654,77 KB
Pagine della versione a stampa: XIII-315 p.
  • EAN: 9788858422939
Salvato in 14 liste dei desideri

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Con questa raccolta, uscita la prima volta negli Stati Uniti nel 1999, Wallace fa ancora un passo avanti estremizzando ulteriormente la sua cifra stilistica. Qui le tecniche d'avanguardia sono messe al servizio di una visione crudele almeno quanto assurda è la realtà che mostrano. La scelta della formula "intervista" non potrebbe essere piú sarcastica. Come una creatura posseduta Wallace sente le voci e, da autentico sciamano, per esorcizzarle le risputa, ciascuna con il suo timbro inconfondibile, sulla pagina. Sono le voci di un'America allucinata, che per non crepare si vomita addosso tutto il veleno possibile. Questi uomini "schifosi" sono iene che - vittime o carnefici divorano il proprio fianco lacerato. Percorriamo così una galleria di tipi intimamente odiosi, laidi. Dal focomelico che si serve del proprio moncherino come arma di ricatto per portarsi a letto le donne; al depresso che riesce a far suicidare l'analista; fino al ragazzo che sta per tuffarsi in piscina, immobile in fondo al trampolino, un fermo immagine dell'irrealtà o dell'iperrealtà che ci costringe in una morsa. Tutto il non-tempo che intercorre tra il "tuffatore" del mosaico etrusco e "A Bigger Splash" di David Hockey riassunto nel brivido agghiacciato di un adolescente americano. Con un saggio di Zadie Smith. Introduzione di Fernanda Pivano.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,99
di 5
Totale 7
5
3
4
2
3
2
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    T.

    17/05/2020 15:46:26

    Un campionario di frammenti estratti dal profondo della psiche, non necessariamente maschile, in quelle stanze della mente in cui non è poi così difficile accedere, quelle stanze piene di panni sporchi e odore di umido e acquisti sbagliati e scarpe ormai vecchie. La letteratura di Foster Wallace sa di Novecento inteso come futuro ma anche come passato, sa di visioni grottesche e di possibili redenzioni, e disgusta ed eccita e commuove e diverte e insomma colpisce, più che mai, nel segno

  • User Icon

    Luana

    15/05/2020 14:22:17

    Non ha bisogno di presentazioni David Foster Wallace, la cui grandezza sta nel costruire delle opere letterarie indefinibili a partire dallo stile di scrittura, fino alla narrazione vera e propria di ciò che accade. Non fa eccezione questo volume, che raccoglie interviste e racconti brevi su persone “disgustose”, la cui malvagità non necessariamente si traduce in azioni deplorevoli, ma che anche inconsciamente agiscono in modo subdolo. Un’opera profondamente disturbante, che si conclude senza riuscire a capire se sia piaciuta o meno.

  • User Icon

    me

    02/04/2020 21:43:15

    Figo

  • User Icon

    Nick

    27/03/2020 13:11:31

    Se non siete lettori forti (ma tanto forti), se non sapete nulla dell'autore e nemmeno vi interessa saperlo, allora lasciate in pace i libri di DFW e DFW stesso. Questo, per me, è il suo vero capolavoro.

  • User Icon

    Manuela

    11/03/2019 17:48:49

    "Brevi interviste con uomini schifosi" è sicuramente un testo duro, che colpisce gli uomini nei punti giusti e con la forza giusta, perchè tra i molti ritratti di uomini schifosi vi è sicuramente uno che corrisponde ad ognuno di noi, anche se preferiamo nascondercelo. Ma questo libro è soprattutto una dimostrazione della grandissima capacità di scrittore di David Foster Wallace, che adotta uno stile sempre diverso e quasi sperimentale per ogni pezzo. Corre sul filo del rasoio del virtuosismo letterario, in particolare in "Octet" dove si esibisce in un gioco meta-letterario raffinato e vertiginoso o anche in "Church not made with hands". Ma ciò che salva Foster Wallace è la sua immensa umanità, la sua empatia straordinaria nei confronti della condizione umana, la sua capacità di trasmetterci emozioni genuine e sentimenti puri, alzandosi sopra la tirannia dell'ironia del post-moderno. E quindi "The depressed person" è purissima e condivisa descrizione dei labirinti di dolore di una persona depressa, "Octet" una riflessione metaletteraria su come siamo tutti deboli e insicuri, lettori e autori, "Suicide a sort of present" la presentazione del conflitto interiore che è parte integrante delle nostre vite.

  • User Icon

    Francesca

    08/03/2019 08:59:05

    Volete avvicinarvi a David Foster Wallace ma Infinite Jest vi sembra troppo corposo? ‘Brevi interviste con uomini schifosi’ è il libro che fa per voi. Racchiude il meraviglioso stile di scrittura dell’autore ma anche la presentazione di personaggi affascinanti ed unici nel loro genere. Non vedo l’ora di leggere altre sue opere e ringrazio la mia professoressa per averlo inserito nel programma di letteratura di quest’anno. Molto consigliato in particolare come regalo per l’amico un po’ hipster o per chi ama David Foster Wallace.

  • User Icon

    Drogo

    05/04/2017 10:37:20

    Perché se sei davvero capace di vedere un altro soltanto come una cosa allora sei capace di fargli qualsiasi cosa, non si accettano più scommesse, umanità e dignità e diritti e correttezza...non si accettano più scommesse" Potrei scrivere fiumi di parole su questo piccolo capolavoro,questa piccola fotografia dei rapporti umani ridotti a merce di scambio nella società neoliberista di inizio millennio,questo compendio del sesso che si fa semplice ginnastica artistica,non apertura all'altro bensì stimolo per l'ipertrofia del proprio ego.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente
  • David Foster Wallace Cover

    21 febbraio 1962 - 12 settembre 2008Wallace nasce a Ithaca da Donald Wallace e Sally Foster Wallace. Vive fino alla quarta elementare in Illinois, per poi trasferirsi a Urbana, dove fraquenta la Yankee Ridge School. Si laurea all'Amherst College nel 1985 in letteratura inglese e in filosofia, specializzandosi in logica modale e matematica. La sua tesi sulla logica modale viene premiata con Gail Kennedy Memorial Prize. Nel 1987 ottiene un Master of Fine Arts in scrittura creativa alla University of Arizona.Insegna alla Illinois State University per gran parte degli anni novanta e nell'autunno del 2002 diventa professore di scrittura creativa e letteratura inglese al Pomona College, in California.La sua prima opera pubblicata è The Broom of the System (La scopa del sistema), "il romanzo... Approfondisci
Note legali