Traduttore: V. De Simone
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
Pagine: 232 p., Brossura
  • EAN: 9788807723582
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,22

€ 8,50

Risparmi € 1,28 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    g.luca

    26/08/2015 18:27:05

    Stile molto bello, mi ha ricordato alcuni racconti di Carver.

  • User Icon

    William Dollace

    16/08/2015 22:55:25

    Sosteniamo di possedere l'onestà della disperazione mentre di fatto non facciamo altro che innalzare strutture completamente artificiose di una realtà che possa risultare accettabile, e pervicacemente ci rifiutiamo di riconoscere i termini veri della nostra esistenza" (pag. 134) Bullet Park, cittadina microcosmo di un impero più grande come un monumento allo stridore della noia e all'agghiacciante nostalgia di una pioggia rumorosa, il dimenarsi della società americana che sembra un ballo di fine estate nel cui si nasconde un mattatoio di nevrosi e sacrifici, in cui la religione e le relazioni sociali sono solo un altro altare su cui immolarsi e bruciarsi, in cui l'ostia in realtà è la comunione di un altro giro di Gin Tonic.

  • User Icon

    William Dollace

    21/01/2015 00:41:29

    "Sosteniamo di possedere l'onestà della disperazione mentre di fatto non facciamo altro che innalzare strutture completamente artificiose di una realtà che possa risultare accettabile, e pervicacemente ci rifiutiamo di riconoscere i termini veri della nostra esistenza" (pag. 134) Bullet Park, cittadina microcosmo di un impero più grande come un monumento allo stridore della noia e all'agghiacciante nostalgia di una pioggia rumorosa, il dimenarsi della società americana che sembra un ballo di fine estate nel cui si nasconde un mattatoio di nevrosi e sacrifici, in cui la religione e le relazioni sociali sono solo un altro altare su cui immolarsi e bruciarsi, in cui l'ostia in realtà è la comunione di un altro giro di Gin Tonic.

  • User Icon

    clara lunardelli

    10/11/2014 00:31:37

    Libro letto d'un fiato: intenso, onirico, spietato eppure dolcissimo. Unico pensiero critico: necessario l'epilogo? Forse no, era già grande storia comunque. L'autore è da riscoprire.

  • User Icon

    Emarilli

    13/02/2010 23:45:55

    Mi è piaciuto molto, è sulla stessa linea di Revolutionary road, ma questo lo distanzia assai in qualità. Ma il primo libro che leggeva Elliot esiste? se si , che libro è? mi piacerebbe leggerlo.

  • User Icon

    MIRKO

    10/03/2007 12:58:18

    Un romanzo avvincente, a tratti inquietante ed agghiacciante, ma che sa essere anche ironico. Un'immersione nella profondità dei rapporti umani, nella loro complessità e imprevedibilità. E l’inaspettato epilogo ci fa venir voglia di rileggere il libro, per rivedere quei medesimi rapporti alla luce della follia che vi si celava, e che sarebbe giunta a sconvolgere le ignare esistenze dei protagonisti stessi.

  • User Icon

    Fabio

    29/04/2005 16:58:44

    Bellissimo romanzo del grande scrittore americano. Uno dei suoi indiscussi capolavori.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione