Calcio totale. La mia vita raccontata a Guido Conti - Arrigo Sacchi - copertina

Calcio totale. La mia vita raccontata a Guido Conti

Arrigo Sacchi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2015
In commercio dal: 24 marzo 2015
Pagine: 288 p., Brossura
  • EAN: 9788804648048
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 9,72

€ 18,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

€ 9,72

€ 18,00
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Lo scudetto all'esordio in serie A con il grande Milan; la partita perfetta contro il Real Madrid, trafitto cinque volte; Barcellona invasa da ottantamila milanisti; la finale vinta con lo Steaua, per la sua prima Coppa dei Campioni; l'epopea del mondiale americano del '94: questi sono alcuni gloriosi momenti della vita di Arrigo Sacchi, il "profeta di Fusignano". È proprio a partire dal piccolo paese natale a una trentina di chilometri da Ravenna che si sviluppa il racconto autobiografico di Arrigo: il padre gli regala il primo pallone e lui è il bambino più felice del mondo, gioca terzino sinistro ma capisce subito di non essere tagliato per il "calcio giocato". Sarà Alfredo Belletti, bibliotecario e maestro di vita, il primo a suggerirgli un'altra via per rimanere nell'ambiente: "Se non puoi giocare, fa' l'allenatore!". In questo libro, Sacchi ci spiega che cosa ha significato per lui "fare l'allenatore": lasciare il posto sicuro in una fabbrica di scarpe e scegliere un lavoro ricco di incognite e, all'inizio, non certo remunerativo; spaccare in due il mondo del giornalismo sportivo e del tifo con l'integralismo della sua filosofia calcistica. Lo guiderà, in ogni tappa della sua incredibile carriera un ardente e appassionato amore per il calcio, per lo sport inteso anche come etica e scuola di vita, capace di formare il destino non solo di un uomo, ma anche dei giovani di un intero Paese.
3,4
di 5
Totale 5
5
2
4
1
3
0
2
1
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Matteo

    07/10/2017 14:18:21

    Da milanista cresciuto nell'epopea del Milan di Sacchi non potevo non leggerlo e ne sono rimasto piacevolmente soddisfatto, tanti aneddoti che conoscevo, ma sono stati approfnditi ulteriormente. Da leggere!!!

  • User Icon

    Luca

    05/10/2015 10:13:02

    Una delusione! Tutto il libro continue ripetizioni sul calcio totale, prima viene il pallone poi il compagno poi l'avversario...inesattezze nelle date degli eventi ed errori (su USA 94 si descrive il gol di Baggio come quello del pareggio mentre fini'1-0, si dice che passammo il turno ai danni della Russia nel ns. girone e non è vero...) e non riesce ad emozionare come vorrebbe. Do'una stella per i meriti calcistici, quelli si memorabili.

  • User Icon

    Marco

    11/07/2015 17:13:39

    Arrigo Sacchi ha cambiato il calcio italiano capovolgendo la mentalita' dalla difesa e il contropiede al pressing e possesso di palla finalizzati all'attacco, dal subire il gioco degli altri ad imporlo. Con tutti gli errori che ha pur fatto in carriera, Sacchi rimane un allenatore tra i piu' importanti della storia. Come personaggio non mi e' mai piaciuto per la spocchia e l'assoluta mancanza di umilta', ma ho comprato il libro perche' volevo scoprire i segreti del suo calcio. Immaginavo un libro almeno parzialmente "tecnico" con spiegazioni sui movimenti che i giocatori dovevano fare, sulle modalita' di allenamento, eccetera. Invece c'e' solo fuffa (mentalita' vincente, dedizione, giocare bene, giocare insieme, attaccare, pressare) senza nessuno spunto per pensare. Sacchi non ha studiato troppo, quindi si e' giustamente avvalso di uno scrittore professionista, tale Guido Conti. Uno scrittore in genere scrive bene: evita le ripetizioni, segue un filo logico, sceglie gli aggettivi adeguati; ecco, in questo libro non troverete niente di tutto questo. E' un libro scritto veramente con i piedi, dove abbondano le ripetizioni e le frasi appiccicate li' quando non c'entrano una cippa. Parecchia colpa va' data anche all'editor che in una Casa come la Mondadori non dovrebbe cadere in questa superficialita'. Voto 2 invece che 1 per stima verso quello che Sacchi ha significato per il calcio.

  • User Icon

    pier

    30/05/2015 15:25:45

    L'ho acquistato pensando di leggerne solo alcuni capitoli. Invece è tutto interessante e scritto anche molto bene. Visto l'attuale valore del nostro calcio come non condividere buona parte delle sue idee. Purtroppo Sacchi ha diviso il mondo del calcio, comunque anche per chi non è stato un suo estimatore, forse leggendo questo libro, potrebbe rivedere il suo giudizio.

  • User Icon

    Enrico

    21/04/2015 09:06:06

    Arrigo Sacchi: una leggenda del calcio. Anche chi non è un fanatico del calcio non può che rimanere ammirato di fronte al suo Milan, capace non solo di vincere tutto quello che c'era da vincere; ma anche di dare spettacolo e una visione del calcio diversa da quella tradizionale (almeno in Italia). Il libro descrive la storia di questo grande allenatore, dagli esordi in provincia sino ai grandi successi. Una carriera con grandi soddisfazioni, ma anche diverse amarezze. Scritto in maniera scorrevolissima, mi è piaciuto moltissimo.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
  • Arrigo Sacchi Cover

    Deve al suo paese, oltre al soprannome (il «profeta di Fusignano») anche i primi rudimenti calcistici. Dopo aver allenato nelle serie minori, arriva al Parma e da lì, nel 1987, compie il grande salto verso il Milan, dove in sole quattro stagioni vincerà due Coppe dei Campioni, uno scudetto, una Supercoppa italiana, due Supercoppe Europee e due Coppe Intercontinentali. I successi in rossonero gli valgono la nomina a commissario tecnico della Nazionale che guiderà dal 1991 al 1996, conquistando un secondo posto ai Mondiali statunitensi del 1994. Nel 2000 abbandona l’allenamento e alterna l’attività di opinionista con incarichi da direttore tecnico. Dal 2010 al 2014 è stato coordinatore tecnico delle Nazionali giovanili. Nel 2017 è... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali