Topone PDP Libri
Salvato in 54 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Canti. Vol. 1
38,00 € 40,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+380 punti Effe
-5% 40,00 € 38,00 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
38,00 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
40,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
40,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
IL PAPIRO
40,00 € + 7,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
38,00 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
40,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
40,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
IL PAPIRO
40,00 € + 7,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Canti. Vol. 1 - Giacomo Leopardi - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Canti. Vol. 1 Giacomo Leopardi
€ 40,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Dall'Ultimo canto di Saffo alla canzone Alla sua donna, dal Passero solitario all'Infinito (di cui il 2019 celebra il compleanno letterario), questo primo volume leopardiano rinnova, entro un contesto storico-culturale segnato dal felice riconoscimento di un Leopardi pensatore, la mai sopita vitalità poetica dei Canti. Uno dei dati caratterizzanti dell'annesso commento è la valorizzazione dell'intera tradizione esegetica, a cominciare dai suoi 'padri fondatori' (tra i quali primeggia l'ancora imprescindibile Straccali) sino agli ultimi notabili interpreti. Alcune loro soluzioni, via via richiamate nel corso dell'annotazione, convivono vitalmente e si fondono con le nuove acquisizioni. Tra le quali si segnalano, in particolare, le note concernenti il settore delle correzioni e delle varianti, sistematicamente perlustrato; nonché le indicazioni riconducibili al capitolo dell'intertestualità, già folto di per sé, ma arricchito da altri richiami (ivi incluse le numerose auto-riprese dai puerilia e dalle traduzioni giovanili): il tutto, comunque, passato al vaglio di un'"attendibilità leopardiana", contro l'uso indiscriminato e recente delle concordanze elettroniche. Il duplice carattere, rivalutativo e innovativo, sottolineato per la parte annotatoria, si riflette negli stessi 'cappelli' introduttivi, vere e proprie reinterpretazioni dei vari testi poetici, in consonanza con le importanti risultanze della recente letteratura leopardiana; ma non ignare, a loro volta, degli apporti di un'imponente trafila critica, a partire dal grande De Sanctis.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2019
17 ottobre 2019
LXXXI-467 p., Rilegato
9788823524712

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(3)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
giuseppe
Recensioni: 5/5

Un nuovo commento ai “Canti” di Leopardi si giustifica se riesce da una parte a fare i conti con i migliori di quelli esistenti, dall’altra a proporre soluzioni originali, sia su singole annotazioni che per quanto riguarda l’impostazione complessiva, gli strumenti adoperati – non si dice, il metodo, per il rischio di una gabbia preconfezionata. Nessuno poteva tentare una simile impresa come Luigi Blasucci, per i decenni che ha speso nello studio di Leopardi, la capacità di auscultazione raffinata e umile, l’attitudine a seguire il lavoro altrui e nel contempo a verificare strenuamente l’attendibilità delle proposte antiche e recenti; e infine, per la portata innovativa dell’impostazione di fondo, che riprende la migliore tradizione della critica stilistica e della variantistica – da Bigi e Contini in poi – e le fa agire per una disamina calibratissima dei rapporti dei testi dei Canti con altri testi, di Leopardi e non, tanto più matura rispetto al costume odierno di affastellare possibili concordanze. Anche è da rilevare l’uso proficuo del lavoro della scuola storica di fine ottocento, che culmina con il commento “carducciano” di Straccali, la cui importanza nella storia esegetica dei Canti è qui messa in luce, come quella delle proposte più recenti di Lonardi, Mengaldo, Gavazzeni, Muñiz, Felici, Lombardi, fino al giovane Andrea Campana, di cui vengono accolti alcuni validi suggerimenti. L’annotazione, nonostante la ricchezza, è agile e ben articolata, e ne risulta un Leopardi lavorato in profondità, con novità esegetiche e interpretative attendibili. Aspettiamo il secondo e ultimo volume.

Leggi di più Leggi di meno
Alce
Recensioni: 5/5

Ottima edizione commentata dei “Canti”.

Leggi di più Leggi di meno
LL
Recensioni: 5/5

Il commento più recente ai "Canti".

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Giacomo Leopardi

1798, Recanati

Primogenito del conte Monaldo e di Adelaide dei marchesi Antici, crebbe in un ambiente politicamente e culturalmente retrivo, del cui conformismo non tardò a soffrire. Ricevette la sua prima educazione dal padre (il quale coltivava interessi letterari ed eruditi) e da precettori ecclesiastici, ma presto continuò gli studi per conto proprio nella ricca biblioteca paterna, perfezionandosi nella conoscenza del latino e imparando da solo il greco, l’ebraico e alcune lingue moderne. Risalgono a questo periodo (1808-16 ca) le sue versioni di Esiodo, degli Idilli di Mosco, del primo libro dell’Odissea, della Batracomiomachia, e la composizione di rime bernesche, di due tragedie, di poemetti biblici, di dissertazioni filosofiche, di opere erudite come la Storia dell’astronomia...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore