Cantico dei Cantici. Un amore di gioventù in quattro parti

Shalom Aleichem

Editore: Adelphi
Anno edizione: 2004
In commercio dal: 28 gennaio 2004
Pagine: 100 p., Brossura
  • EAN: 9788845918421
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 5,40
Descrizione
È attraverso le parole del "Cantico dei Cantici" che Shimek ha sempre pensato a Buzi, la nipote quasi coetanea che è stata accolta in casa dopo la morte del padre. Shimek e Buzi sono cresciuti insieme, insieme sono andati al tempio per la celebrazione delle cerimonie rituali e insieme hanno fatto lunghissime passeggiate in cui, nascondendo a Buzi la sua passione, Shimek le ha raccontato storie meravigliose. Partito per la grande città Shimek torna per scoprire che Buzi sta per sposare un altro e che non gli potrà mai appartenere. A Shimek non resta che ricominciare a raccontare la storia dall'inizio. L'evocazione di questo amore, unisce in una sola, brevissima vicenda, la felicità più acuta e il senso di una perdita inguaribile.

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    MD

    20/04/2018 08:48:26

    Si costruisce lentamente, nel tempo bello della giovinezza, la storia d’amore fra Shimek e Ester-Lieb detta Libuzi ovvero, in breve, Buzi. È una storia semplice come quelle del ‘kheyder’, storie da Mille e una notte raccontate ai bambini. L’ambientazione esteriore è la famiglia, la grande cucina, la coltre verde dei campi, la campagna che i protagonisti sentono e amano come una proiezione del loro sentimento nascente, quei luoghi dove camminano abbracciati e si considerano soli come nel giardino di Eden. È la vecchia Sinagoga con la sua ‘bimah’ invecchiata negli anni, il suo ‘aron’ ormai privo di splendore. Sono le feste ebraiche, l’amata festa di Pesakh, la settimana di Shavu‘ot, la raccolta delle frasche … e poi fondamentalmente la bellezza di Buzi: «Hinnakh yafah ra‘yati» (Tu sei bella, amica mia, tu sei bella davvero), “occhi come colombe, capelli come caprette che scivolano giù da un monte”. Basta vederla una volta a Shimek per chiedersi: “Ditemi, vi prego, perché quando si guarda Buzi viene in mente il Cantico dei Cantici? Perché quando si studia il Cantico dei Cantici il pensiero va a Buzi?”; per essere afferrato dallo spirito d’amore che crea un corto circuito fra vita e sacra scrittura, e fa sentire ciò che un minuto prima era normale un enigmatico ignoto. Eppure il tempo è favorevole, l’aria tiepida, la vigilia di Pesakh di rara bellezza: però in Shimek qualcosa si accanisce in martellio: sono versi del Cantico, sono immagini del volto di Buzi, dei suoi sorrisi, la cascata dei capelli, la freschezza tersa dello sguardo, parole ebraiche e ricordi di lei che si intrecciano, formano significati e speranze, germogliano nella sua mente abbacinata. Il mondo appare ai suoi occhi diverso; ha compreso perché ora la collina dietro alla Sinagoga sia il Libano del Cantico e lo scorrere senza nome delle cose transitorie abbia ora un nome, “Buzi”: “Tutto è uscito dal Cantico dei Cantici” e la bellezza di lei non è che una continuazione di quell’antica beltà spirituale.

  • User Icon

    Fabrizio Porro

    21/09/2012 19:40:25

    Il sapore è di favola. Il grande narratore yiddish Shalom Aleichem rivisita il Cantico dei Cantici nell' incantata storia d'amore di Shimek e Buzi. Un amore puro, che si pronuncia solo quando Shimek la trova promessa a un altro. " Persa? Non può essere !...lascia solo che le dica due parole". Con il racconto, che riprende daccapo. Come nelle favole.

Scrivi una recensione