Carnevale di sangue. L'omicidio del prete di Cevoli

Francesco Turchi

Editore: Tagete
Anno edizione: 2010
Pagine: 160 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788865290255
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 9,50

€ 10,00

Risparmi € 0,50 (5%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:

Il pievano di Cevoli fu ucciso la notte fra il 4 e il 5 febbraio 1951 (era tempo di Carnevale) da tre uomini mascherati, che suonarono normalmente il campanello di casa. Chiesero alla zia di parlare urgentemente con il pievano. Tre colpi di moschetto e don Ugo cadde a terra. I tre scapparono, lasciando il fucile a terra. Alla fine del 1958, tre giovani di un paese vicino confessarono: volevano fare una rapina, il prete reagì, si spaventarono e spararono. Durante il processo, però, saltò fuori il movente politico. Alcuni dissero che, per avere uno sconto sulla pena, si ripararono dietro il delitto a carattere politico. A Cevoli moltissimi sostenevano quest’ultima tesi. Durante il primo processo a Pisa vennero accusati di omicidio per rapina. Alla corte di appello di Firenze furono invece accusati per delitto politico. Ancora oggi non possiamo documentare, con assoluta certezza, quale fu il movente del suo omicidio.