La cavalcata selvaggia

Carlo Grande

Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
In commercio dal: 28 maggio 2009
Pagine: 264 p., Brossura
  • EAN: 9788850214303
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 6,45

€ 8,60

Risparmi € 2,15 (25%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Stefano Alfonso

    17/01/2005 17:29:09

    Libro intenso ed appassionante, a tratti poetico. Pribaz è l'incarnazione della speranza, del "non mollare", del corraggio e del rispetto per la vita. Nel libro Pribaz si trova ad essere un protagonista pensante, dettando ritmi e donando atmosfere. Atmosfere che acquisiscono forma ed immagine grazie alle accurate descrizioni. Da leggere e rileggere.

  • User Icon

    Maria Fiorenza Verde

    21/10/2004 18:16:07

    “La cavalcata selvaggia” ha permesso di approfondire con i miei allievi contenuti storici ben documentati, presentati in un contesto di letteratura scritta e visualizzata con elementi d'alta poesia. Così alcuni commenti dei giovani lettori: -“..coinvolgente intreccio di sentimenti umani, emozioni e poesia..”-“..ci ricorda che la vita è preziosa e non bisogna mai abbandonare la speranza..”-“..l’eroismo non è l’atto singolo della persona, ma è condivisione del dolore quotidiano con i compagni..”-“..tutto ciò ne fa un romanzo di guerra e prigionia particolarmente raro..”- Il dramma di Gaspare Pribaz, uomo sensibile e coraggioso, vittima e complice di un destino che l’aveva già prescelto, rappresenta per lettori, d'ogni formazione ed età, motivo di riflessione su valori irrinunciabili, quali il rispetto per la vita, la libertà e la pace.

  • User Icon

    mat

    15/10/2004 13:19:03

    un libro intenso, che ti spinge dove i tuoi pensieri non immaginerebbero... e cioè nei pensieri di un uomo che, in quanto prigioniero, diviene un numero, una nullità, ma che poi recupera il suo io e si libera. il destino però è atroce.

  • User Icon

    Simona Margarino - Traspi.net

    21/06/2004 13:19:29

    Ci sono resti di ricordi che per qualche motivo vale la pena non sprecare: il motore di un aereo da guerra nei cieli, l'uniforme sbagliata in un campo di prigionia, l'India misteriosa dietro i cartelli "proibito", l'alcol -pure vietato- tirato fuori dal niente, la noia che fa a pezzi, il ghiaccio sentito sotto i piedi dell'Himalaya, un vento che picchia forte su lago e silenzio, la libertà di riprendersi la vita là dove si credeva perduta, persino una Cavalcata Selvaggia che lancia un anello in uno stagno e confonde le acque solo perché di montagne, neve, luna, mondo, dolore, errori non si sa mai abbastanza.

  • User Icon

    Carla Di Matteo

    11/06/2004 23:25:13

    Anche in questo secondo libro di C.Grande troviamo un uomo e le montagne. Però questa volta l'autore ci porta lontano e non solo perchè le montagne sono quelle dell'Himalaya, ma la sua scrittura raffinata e sensibile entra ad esplorare il mondo dei pensieri. Il protagonista pensa, ed i suoi pensieri scandiscono le atmosfere ed i ritmi della lettura. Pribaz è un uomo solo in mezzo ad una moltitudine di persone, come sempre più spesso capita a tanti di noi e questo, unito alla poesia del pudore dei suoi sentimenti, sono, per me,il motivo dominante del libro. Lo stile narrativo alterna efficacemente le atmosfere rarefatte dei pensieri a quelle potenti, pure e grandiose delle vette incombenti dell'Himalaya. Ho trovato le prime tre pagine le più belle in assoluto: nitide, essenziali e intense, da rileggere più volte, soprattutto alla fine del racconto

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione