Il cavaliere inesistente

Italo Calvino

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Illustratore: F. Maggioni
Editore: Mondadori
Collana: Contemporanea
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 9 ottobre 2018
Pagine: 170 p.
  • EAN: 9788804688938

Età di lettura: Da 11 anni

Salvato in 3 liste dei desideri

€ 16,00

Venduto e spedito da Soluzione Libro UD

Solo 2 copie disponibili

+ 5,49 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

€ 13,60

€ 16,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 16,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 2
5
1
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    -DDN-

    26/10/2006 21:25:04

    Diciamo ke se nn fossi stato obbligato a leggerlo nn l'avrei mai finito, xò è un libro cn una certa morale, in ifn dei conti è molto carino! soprattutto quando si parla di Gurdulù!!!

  • User Icon

    Romano De Marco

    05/04/2006 08:53:48

    Scritto con una leggerezza e una ironia irresistibili, da far subito pensare ad un vero e proprio "piacere nello scrivere" che immediatamente si tramuta in piacere nel leggere. Un medio evo sopra le righe, personaggi molto umani, molto concreti, che si muovono all'interno di una vicenda allo stesso tempo spassosa e malinconica, ricca di simbolismi e metafore che però nulla tolgono al piacere della lettura che di per sé oltre a far riflettere scatena un sano divertimento. Agilulfo, il cavaliere inesistente, Gurdulù, il suo sconclusionato scudiero, Rambaldo e Torrismondo i giovani cavalieri in cerca di uno scopo nella vita, Bradamante la mitica paladina che insegue sogni di gloria e di amore. Un universo di personaggi indimenticabili che mi hanno fatto subito amare questo libro. E' fantastico il modo in cui, alla fine, quasi come in una commedia di Feydau, tutti i nodi vengono al pettine, tutti i personaggi si ritrovano nello stesso luogo grazie alla disinvoltura del narratore, tutte le trame vengono risolte in maniera fulminea, spassosa, ma allo stesso tempo commovente. Agilulfo è l'uomo contemporaneo che si è smarrito all'interno di una società tecnologica-burocratica che lo condiziona in maniera pesante e umiliante. Gurdulù è l'estremo opposto, vive in simbiosi con il creato sentendosene parte integrante e confondendosi addirittura con tutto ciò che lo circonda, libero da condizionamenti e completamente assuefatto all'aspetto sensoriale dell'esistenza... I due giovani guerrieri sono la ricerca dell'uomo. E nel loro peregrinare si imbattono nella esperienza della scelta ideologica che richiede una rinuncia a se stessi ((Torrismondo e la sua ossessione per i cavalieri del Graal) o nel tentativo di integrarsi nelle regole imposte da un modello sociale esistente e collaudato (il tentativo di Rambaldo di seguire le orme di Agilulfo). Alla fine, però, resteranno delusi dalle varie esperienze vissute e riusciranno ad esprimere al meglio la propria umanità solo attraverso l'amore.

  • Italo Calvino Cover

    Figlio di due scienziati (il padre è agronomo, la madre biologa) nasce a Cuba dove i genitori dirigevano l'orto botanico di Santiago de las Casas, vicino a L'Avana. Tornata in Italia la famiglia, a Sanremo, frequenta le scuole nella città ligure e, terminato il liceo si iscrive ad Agraria, ma interrompe l'Università per evitare l'arruolamento forzato e dopo l'8 settembre si unisce alle brigate partigiane nella Brigata Garibaldi. Nel 1944 entra nel Pci e alla fine della guerra ne diventa militante attivo e Quadro. Si iscrive e si laurea alla facoltà di lettere di Torino e nel frattempo inizia a collaborare a riviste (fondamentale il rapporto con il Politecnico di Vittorini) e quotidiani. Entra a lavorare all'Einaudi e nel 1950 ne viene assunto definitivamente come... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali