Traduttore: C. Groff
Curatore: L. Reitani
Editore: SE
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 1 ottobre 2015
Pagine: 184 p., ill.
  • EAN: 9788867231676
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 11,34
Descrizione
Per scrivere il suo studio su Mendelssohn Bartholdy, il narratore, Rudolf, ha bisogno di essere a casa propria, in campagna. Ha dunque atteso con impazienza la partenza della sorella, venuta a trascorrere qualche giorno con lui. Ma non era stato forse lui a invitarla, proprio perché non riusciva a mettersi al lavoro? Così, dopo la sua partenza, Rudolf non riesce ugualmente a scrivere. Avverte dovunque la presenza invadente di lei, sente il suo discorso protettivo, ironico, provocatorio... Ancora una volta Thomas Bernhard ha costruito una macchina che funziona alla perfezione, l'implacabile radiografia di un'ossessione: impossibilità di essere solo e di non esserlo, impossibilità di scrivere e di rinunciare a scrivere. Rudolf, tuttavia, penserà di sfuggirle intraprendendo un viaggio. Ma il suo soggiorno a Palma, in un hotel che conosce bene, non farà che rianimare in lui il ricordo di un dramma di cui è stato testimone anni prima: un suicidio, un fatto di cronaca di desolante banalità, cioè di atrocità quotidiana. È raro, nell'opera di Bernhard, vedere il racconto oltrepassare i limiti di un mondo chiuso per aprirsi all'esterno. Ma l'apertura non è che illusione, poiché non fa che rimandare colui che aveva creduto nella possibilità della fuga alla sua angoscia più profonda.

€ 17,85

€ 21,00

Risparmi € 3,15 (15%)

Venduto e spedito da IBS

18 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 12,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    09/05/2018 05:07:17

    Le ali del disgusto possono quietarsi nella durezza di un stato amorfo, inorganico (il cemento appunto), o devono comunque abitare la vita, patendola in ogni minima pustola, fra strati e strati di miseranda menzogna? Non sembra creato ad arte questo mondo per scansare e irridere ogni alto tentativo di grandezza? "La gente è fatta apposta per scovare l'intelletto e per annientarlo, sente che una mente è preparata a uno sforzo intellettuale e si mette in viaggio per soffocare sul nascere questo sforzo". Allora la solitudine, questa scelta estrema e rabbiosa che evada dalle grate del sociale, questa nicchia di bave e di deliri dove si è liberi almeno d'essere se stessi. Ma non è anch'essa in fondo una vanità al contrario? Siamo nello studio di Thomas Bernhard, sappiamo già cosa ci aspetta. Un attacco al potere come un lirico grido senza speranza, al puzzo di corruzione che infesta ogni filo d'aria e penetra negli aliti umani con ridanciana accettazione, "un capestro infinito che da secoli è stretto al collo di questo popolo cieco, nel quale la verità viene calpestata e la menzogna santificata, e nel quale la chiesa simula, il socialismo depreda e l'arte puttaneggia con entrambi". I tanti lati dell'infelicità, gli abbracci di un dolore che è sostanza fissa nei vani del pensiero, le misere impotenze di chi "sgambetta sopra l'abisso, del quale non sappiamo neppure quanto sia profondo. Ma poi che importa quello che sappiamo se in ogni caso è un abisso mortale". Un intellettuale vale di più di ogni altro essere? O è qualcuno che "calpesta sempre una persona". Il dolore degli altri dà una misura più leggera al nostro? Forse è quello l'atroce dilemma, "il contenuto di verità che c'è nella menzogna". Un uomo ai margini della malattia, un destino annullato, deciso, ma che forse ha già compreso ogni cosa. Gli dirà la sorella: "Tu frequenti i morti, io i vivi, perché tu hai paura dei vivi". Non mi sembra un timore da poco. Nutrire speranze. Non nutrirle. Libro stupendo.

  • User Icon

    Tulse Luper

    23/09/2016 22:42:45

    Un'altra inarrestabile, agghiacciante ma comunque vitalistica riflessione sull'impossibilità di scrivere, cioè di vivere, ma anche sulla necessità di vivere, cioè di scrivere, (di) questo fallimento. Tra le righe una fulminante descrizione di Venezia "vecchia signora elegante alla quale si fa visita ogni volta per l'ultima volta per qualche giorno, non di più". Un libro che ti tiene in apnea fino alla fine, come sempre in Bernhard. Ancora una volta un epilogo che ti sorprende con l'inaspettata apertura di Rudolf ad una sofferenza (quella di Anna ) che non è più solo la sua ma che che anzi è molto diversa seppur altrettanto tragica. Ancora una volta, il mio cuore ed il mio cervello mi imporranno una pausa forzata di qualche mese prima di potermi riaccostare alla lettura del più grande scrittore (Austriaco) del XX Secolo.

Scrivi una recensione