Le ceneri di Gramsci

Pier Paolo Pasolini

Scrivi una recensione
Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
In commercio dal: 16 aprile 2015
Pagine: XI-108 p., Brossura
  • EAN: 9788811688747
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 9,35

€ 11,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 11,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gli undici poemetti delle "Ceneri di Gramsci" vennero raccolti in volume per la prima volta nel 1957, in un momento particolarmente delicato per la cultura di sinistra, a un anno di distanza dalla condanna di Stalin al XX Congresso del Partito Comunista Sovietico e dalla drammatica invasione dell'Ungheria. Ebbero un successo di vendite insolito per un libro di poesia e provocarono accese discussioni tra i critici. Con la prefazione di Giuseppe Leonelli.
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    genny

    08/03/2019 14:02:01

    Per chi conosce Pasolini questo libro è tra i migliori e più intensi delle sue poesie, nello specifico sono 11 poemi che vennero raccolti in questo volume in un periodo particolarmente significativo (e delicato) per la sinistra politica italiana, nel 1957 infatti ci furono molti dubbi sull'assetto ed è passato un anno circa dalla condanna di Stalin. Queste poesie sono crude e reali come solito da Pasolini e criticano in modo aspro la politica ma soprattutto la società moderna. Un prefazione commovente di Leonelli per un libro che con la sua verità porta avanti il mito di Pasolini, spesso troppo dimenticato.

  • Pier Paolo Pasolini Cover

    (Bologna 1922 - Roma 1975) scrittore, saggista, regista cinematografico italiano. Trascorse l’infanzia in varie cittadine tra Veneto, Lombardia ed Emilia (al seguito del padre, ufficiale dell’esercito) e compì gli studi liceali e universitari a Bologna. Il forte legame con la madre, friulana d’origine contadina (parallelo alla lontananza di una immagine paterna, pur rimpianta), e gli studi di filologia romanza lo spinsero a cercare nel dialetto materno un mezzo col quale esprimere un delicato e fantastico mondo poetico: nacquero così le Poesie a Casarsa (1942), poi raccolte con altri versi in La meglio gioventù (1954). La guerra costrinse P. e la madre a riparare a Casarsa, nell’estate del ’43. Qui organizzò un periodico di letteratura... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali