Categorie
Traduttore: G. Granato
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2006
Pagine: 107 p., Brossura
  • EAN: 9788806172077
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,33

€ 9,80

Risparmi € 1,47 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 5,29

€ 9,80

Usato di Libraccio.it venduto da IBS


Dopo essere passato attraverso la rivisitazione di generi molto diversi dal romanzo vittoriano alla fantascienza e dopo aver conquistato una nicchia di lettori molto fedeli Michel Faber sperimenta il gotico. Un gotico sui generis ambientato nella più prosaica contemporaneità con incursioni fra le rovine dell'abbazia di Whitby nello Yorkshire risalente al dodicesimo secolo intervallate dalla decifrazione di una pergamena del 1788 contenente una sconvolgente confessione. Siân archeologa trentaquattrenne lavora agli scavi dell'abbazia salendo ogni giorno i suoi centonovantanove gradini ed è tormentata da sogni angoscianti visioni spettrali un forte dolore alla gamba con cui non vuole fare i conti. In mezzo a tutto ciò l'incontro con il giovane Mack accompagnato dal più scontato repertorio dell'approccio amoroso con tanto di sguardi allusivi appuntamenti mancati un bacio puntuale dopo l'ennesimo acceso litigio. Ma il gotico del XXI secolo non può trovare soluzione agli enigmi che generoso offre al lettore se non nell'ambito di una rigorosa e rassicurante razionalità. E così gli incubi notturni si spiegano con un incidente stradale nella Bosnia in guerra che costa a Siân l'amputazione di una gamba il dolore lancinante non è un temuto tumore ma una scheggia residua dell'infortunio e persino la pergamena del XVIII secolo non nasconde un morboso episodio di vampirismo ma un fatto di estrema pietas paterna. Il gotico dunque se non cancella l'elemento soprannaturale rischia una rovinosa caduta nel kitsch. Di questo però Faber pare essere consapevole ovviando con l'arma dell'ironia. Ormai il termine gotico riflette a inizio del romanzo non ha più niente a che vedere con l'antica tribù germanica né con lo stile architettonico ma rimanda ai vampiri hollywoodiani o a narcisisti cantanti rock.

Donatella Sasso

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Elena

    21/03/2007 11.29.01

    Non vorrei fare la guastafeste, ma avevo delle aspettative che sono state deluse... Insomma niente happy end tra Sian e Mack, niente scoperta sensazionale agli scavi, la storia della pergamena secondo me poteva esser sviluppata meglio, come tutto il romanzo, del resto...

  • User Icon

    Benedetta

    20/12/2006 22.47.43

    Il racconto, gotico solo in apparenza, è ambientato tra le tombe di uno scavo archeologico e conduce in maniera metaletteraria due storie parimenti interessanti. Ben descritta la protagonista, che starebbe bene in una commedia di Moliere.

  • User Icon

    sergej

    27/09/2006 15.01.33

    Nonostante la non enorme lunghezza del racconto i personaggi sono perfetti, le "atmosfere" e i paesaggi sono molto vivide, la storia è semplice ma non banale e scorre con molta naturalezza. Lo stile è ottimo, complimenti a Faber e al traduttore

  • User Icon

    daniela

    17/06/2006 13.36.01

    l'ho letto in una mattinata.ben scritto, sviluppato su tutti i piani della narrazione, fortemente caratterizzati i personaggi.fino ad ora faber non mi ha mai delusa!

  • User Icon

    dany

    26/05/2006 15.59.49

    Quando nn serve 1 tomo x trasmettere emozioni! Piacevolissimo e mai pesante.

  • User Icon

    silvia

    16/04/2006 22.16.26

    Un libro che si legge velocemente, ma che non resta impresso nella memoria. L'autore riprende, senza neppure crederci troppo, il genere gotico per raccontare una storia già letta in mille altre versioni simili. Pagine quasi piacevoli, ma insipide.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione