Le chiavi del regno

A. Joseph Cronin

Traduttore: T. Dobner
Editore: Bompiani
Anno edizione: 2001
Formato: Tascabile
In commercio dal: 18 luglio 2001
Pagine: 412 p.
  • EAN: 9788845249334
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Francis Chisholm è un prete "scomodo", un ribelle nel nome del Vangelo. Il suo cammino verso Dio è una selva di ostacoli, è come se Dio lo mettesse continuamente alla prova, seminandogli la strada di continue calamità e tentazioni. Guerre, cataclismi, pestilenze, violenze sono il prezzo che Francis Chisholm paga per le anime guadagnate alla fede e per la conquista delle "chiavi del regno".

€ 7,24

€ 8,52

Risparmi € 1,28 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gio

    17/09/2013 01:07:51

    Bellissimo. Per una lettura valida dobbiamo guardare ai grandi del passato

  • User Icon

    S.A.

    16/04/2012 15:44:00

    Un bel libro.

  • User Icon

    Piero Suriano

    24/01/2011 23:00:34

    Padre Chisholm si fa prete non per intima vocazione ma perché trascinato dagli eventi. Vorrebbe sposarsi con l'indipendente e apparentemente fatua Nora ma la vita gli presenta subito il conto: dopo gli amati genitori morirà anche la sua innamorata che non esiterà ad uccidersi pur di non sporcarsi con un matrimonio riparatore con un imbelle giovinastro che l'ipocrita società salottiera le impone. D'ora in poi in lui aleggerà il monito di padre Mac: tutto è permesso meno che voltarsi indietro. I mali della Chiesa gli si parano davanti fino ad essere ritenuto da essa una sorta di mela marcia irrecuperabile. Tacere per vergogna ciò che dovrebbe essere condannato, vedere il peccato solo nella nudità dei corpi, mentre padre Kezer plaude il ricco Renshaw della sua filantropia e accusa malignamente i parrocchiani di non impinguare abbastanza il piatto della colletta; la cattolicità misurata con il metro del denaro, la fede eretta a rito ove incensare i miracoli anche quelli frutto di ignoranza e superstizione. Cosi padre Chisholm lega meglio con l'amico ateo dottor Tulloch e con suor Maria Veronica quando cessa la sua "ostinata avversione" dettata dal casato e dalle buone maniere piuttosto che con prelati il cui unico segno di Dio è la loro veste intonsa e ricamata. Se Tulloch gli rimprovera bonariamente la sua "penosa mancanza di vanità", Francesco ribatte che l'inferno è uno stato interiore di assenza di speranza anziché uno spettrale luogo di miseria umana. La distruzione del cannone in mano alle armate del bandito Uai diventa per lui la fine di quel gioco mortale che si chiama guerra. Forse non ha redento Anna, l'infanta raccolta nella neve, ma almeno chiuderà i suoi giorni serenamente nella consapevolezza di aver strappato ad una fine miserevole Andrea, il nipote di Nora, e altri ai quali la vita e le gerarchie ecclesiastiche avevano condannato all'infelicità. Padre Chisholm è la Chiesa dei missionari, combattenti dello spirito e ribelli verso le ingiustizie del mondo.

  • User Icon

    gianni barchi

    31/01/2009 23:22:22

    Vidi il film con un indimenticabile Gregory Peck, tanti anni fa, forse il 1969, e portavo ancora i pantaloni corti. Mi piacque molto e devo dire che faceva giustizia al libro che ho letto solo in questi giorni, occasionalmente capitatomi in mano. Di grande respiro, profondamente spirituale e umano, il libro andrebbe letto e meditato anche e forse proprio nel nostro tempo: " non pensate che il paradiso sia nel cielo, è nel cavo della vostra mano, è dovunque e non importa dove..."

  • User Icon

    Chiara

    27/01/2006 10:58:25

    Uno di quei romanzi in cui il 'personaggio' - padre Chisholm, il protagonista - vive di vita propria, liberandosi della mano dello scrittore che lo anima. L'ho letto e riletto più volte, amandolo ogni volta di più... da non perdere.

  • User Icon

    Maria Francesca

    04/10/2005 15:57:55

    Il più bel romanzo di Cronin, il culmine di tutte le sue tematiche umanistiche. Questa fugura di sacerdote sui generis è indimenticabile; nel dipanarsi della storia Padre Chisolm diventa il simbolo della coerenza, dell'umiltà e dell'umanità alla sua maggiore potenza.

  • User Icon

    04/04/2005 13:33:30

    francis chisholm è un prete dalla particolare vita religiosa; la sua fede è stata costantemente messa alla prova da un susseguirsi di avversità, che non gli fecero però mai perdere la forza di credere e di combattere. grazie alla sua grande volontà e dedizione, riuscì a vivere appieno il messaggio evangelico, anche se, il suo particolar modo di interpretare la religione, frutto della sua tolleranza e apertura alle altre confessioni,era fonte di sbigottimento da parte del clero, che non concepiva innovazioni in questo campo, perchè troppo legato a una dottrina vuota e tradizionalista.

  • User Icon

    Claudio M.

    15/01/2002 21:29:51

    Finalmente una ristampa per questo romanzo (e questo autore) che negli ultimi decenni una certa stampa volutamente orientata verso un ateismo di Stato aveva ignorato, se non respinto. Quello che meraviglia è l'assoluta modernità del personaggio la cui ispirazione religiosa, di stampo "ecumenico", alla fine degli anni '30 poteva apparire quasi un'eresia. Un libro che riconcilia con il mondo, da leggere!

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione